Stacks Image pp294521_n312906_n2

Umorismo di sostegno

PUBBLICAZIONE UMORISTICA FONDATA DALL'ACCADEMIA DEI CINQUE CEREALI IL 2 GIUGNO 2016

ANNO VI d.F. - IDEATO, SCRITTO, IMPAGINATO, POSTATO E LETTO DAGLI AUTORI E DA SEMPRE DEDICATO A FRANCO CANNAVÒ

Fondatore e macchinista: Paolo Marchiori.
Vicedirettori postali (addetti ai post): Stefania Marello, Christina Fasso, Italo Lovrecich, GioZ, il Pensologo Livio Cepollina.

In questa sezione sono riportati articoli scritti tra il 2012 e il 2014, quando l'ACC collaborava allegramente con LA TAMPA

ABILE TELEVENDITORE SI ROVINA COMPRANDOSI BATTERIE DI PENTOLE, QUADRI E GIOIELLI

TANTO PERSUASIVO DA AUTOCONVINCERSI A COMPRARE DI TUTTO

Era senza dubbio l'erede del grande Roberto, il televenditore con i baffi, stiamo parlando di "Egisto il Re Mida dell'acquisto", così si faceva (e si fa tuttora) chiamare Egisto Capece, 43 anni mal portati, televenditore e banditore di aste approdato al piccolo schermo dopo una lunga gavetta, di oltre 4 mesi in una TV del sud Italia.

Torinese di adozione, biellese per lavoro, finalmente aveva trovato il suo spazio a Telepistone (rete televisiva collegata a Telebiella) dove aveva una sua rubrica di televendite della durata di 18 ore giornaliere.

Era davvero bravo, riusciva a vendere batterie di pentole alle casalinghe e contemporaneamente gioielli per le amanti dei loro mariti, aveva una forza di persuasione fuori dal comune, era impossibile assistere alla sa presentazione di un quadro monocromatico, completamente verde pisello e non aver voglia di possederlo per dare un po' di colore al soggiorno di casa.

Come per il Re Mida della popolare leggenda anche il signor Egisto si è rovinato con le sue stesse mani o, per meglio dire, con le sue stesse parole; a causa del suo eccessivo zelo capiva che i prodotti da lui venduti erano effettivamente eccezionali, per cui telefonava al centralino durante i "fuori onda" e acquistava gli oggetti oggetto di consigli per gli acquisti firmando cambiali.

La cosa è andata avanti per parecchi mesi finché non è stato costretto a dichiarare bancarotta opulenta. Ora si trova agli arresti domiciliari col telefono staccato per ordine del giudice, a causa del pericolo della reiterazione degli acquisti.


Freddy Marchiori & Paul Rice – ACC (MAGGIO 2012)


IL MIGLIOR AMICO DELL'APERITIVO

Dopo il fallito "aperitivo a sei zampe" si tenta con quello a quattro zampe: ammessi struzzi, fenicotteri e cicogne.

BIELLA. La simpatica iniziativa dell’aperitivo a sei zampe, che aveva soprattutto lo scopo di sensibilizzare contro la pratica dell'abbandono dei cani, non ha potuto avere luogo per problemi di viabilità.

Del resto, fra corse podistiche, automobilistiche, ciclistiche, e iniziative sportive in genere, l'unica arteria stradale rimasta libera in città sarebbe stata Via Dal Pozzo, e il pericoloso restringimento della carreggiata avrebbe provocato seri danni al traffico cittadino.

L'idea di offrire uno spritz ai biellesi accompagnati dal loro inseparabile amico a quattro zampe era stata accolta con entusiasmo dalle associazioni cinofile (e anche da quelle cinefile). Ma alla fine non sono stati rilasciati i regolari permessi dall'Amministrazione Comunale, a causa dei numerosi bassotti iscritti all'aperitivo. Il cane bassotto, con la sua lunghezza, eccede la misura standard canina precisata dal regolamento comunale di Canegrate, comune lombardo di riferimento per la cinofilia (così come Quattroruote lo è per le auto, n.d.r.). Ora, se sull'altezza degli alani e sulla larghezza dei labrador l'Amministrazione era disposta a chiudere un occhio, sui bassotti è stata irremovibile.

Alcune indiscrezioni parlano anche di problemi di alcolismo canino; infatti, mancano le tabelle alcolemiche da apporre all'ingresso del locali, obbligatorie per tutti (eccezion fatta per i San Bernardo) ma soprattutto l'alcol test per i nostri amici a quattro zampe, nonostante non possano condurre autoveicoli. Il fatto che vi siano automobilisti che guidano da cani pur essendo sobri, e cani che guidano i non vedenti senza aver mai avuto un incidente, non cambia le disposizioni di legge.

A nulla sono valse le proteste delle associazioni animaliste, che si sono appellate al fatto che la piazzetta è spesso utilizzata per convegni e feste, di natura politica e sindacale, senza che questo rechi alcun intralcio.

L'Amministrazione ha ribattuto che politici e manifestanti hanno solo due zampe e quindi, a parità di rumori molesti e rifiuti lasciati sul campo, l’ingombro è decisamente minore.

I promotori dell’iniziativa hanno allora proposto un compromesso, una media tra due e sei zampe. E se l’amministrazione accetterà, com'è probabile se vuole evitare accuse di anti-animalismo, hanno intenzione di organizzare presto un "aperitivo a quattro zampe" rigorosamente con animali bipedi, e si sta già cercando un bar lontano dal traffico che possa accoglierli.

All'aperitivo si potrà partecipare portando un animale, di qualunque specie purché rigorosamente bipede. Saranno quindi ammessi canarini e struzzi, anatre e cicogne, passeri solitari e oche giulive, civette frivole e severi barbagianni. L'unica eccezione sarà costituita dai fenicotteri: questi uccelli hanno l’abitudine di stazionare a lungo su di una gamba sola, perciò se ne potranno portare anche due a testa, rispettando comunque il totale di zampe consentito.

Ospite d'onore della manifestazione potrebbe essere Graziano Rossi (padre del più famoso Valentino), già uso in passato ad andare in giro per le strade della sua città con una gallina al guinzaglio.

A questo punto resta un unico dubbio. Si potrà chiedere la sponsorizzazione all'Eni, il cui mitico simbolo ha un esuberante numero di zampe?

S. Hop-là & P. Rice – Accademia dei Cinque Cereali


Continua...

Disclaimer. Questo blog non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog potrebbero essere estrapolati da internet e, pertanto, se non considerate di pubblico dominio, perlomeno accessibili a chiunque. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, siete pregati di comunicarcelo senza esitazioni all’indirizzo e-mail: info @ lastampella.it e saranno immediatamente rimossi.
Gli scritti che contengono riferimenti a persone realmente esistenti hanno il solo scopo (si spera) di far sorridere e sono frutto del vaneggiare degli autori. Se tuttavia qualcuno non gradisse un articolo o una sua parte può chiederne la rimozione all’indirizzo di cui sopra, motivando l’istanza.
Non siamo responsabili dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
| Copyright © 2016 La Stampella | contatti | newsletter | privacy policy | sitemap |