Stacks Image pp294521_n312906_n2

Umorismo di sostegno

PUBBLICAZIONE UMORISTICA FONDATA DALL'ACCADEMIA DEI CINQUE CEREALI IL 2 GIUGNO 2016

ANNO IV d.F. - IDEATO, SCRITTO, IMPAGINATO, POSTATO E LETTO DAGLI AUTORI E DA SEMPRE DEDICATO A FRANCO CANNAVÒ

Fondatore e macchinista: Paolo Marchiori.
Vicedirettori postali (addetti ai post): Stefania Marello, Christina Fasso, Italo Lovrecich, GioZ, il Pensologo Livio Cepollina.

In questa sezione sono riportati articoli scritti tra il 2012 e il 2014, quando l'ACC collaborava allegramente con LA TAMPA

QUEST’ANNO NATALE POTREBBE ARRIVARE A METÀ DICEMBRE

PER AVERE IL TRADIZIONALE “BIANCO NATALE” È FONDAMENTALE CHE NEVICHI.

Come già succede per la Pasqua, che non si festeggia sempre lo stesso giorno dell’anno, ma si fa coincidere con la prima domenica dopo l’equinozio di primavera, anche Natale potrebbe cadere in una data diversa dal 25 dicembre.

Siamo cresciuti con il mito del Bianco Natale, abbiamo insegnato ai nostri figli i canti natalizi inneggianti ad abbondanti nevicate, ed essi li hanno tramandati ai nostri nipoti (per nipoti intendiamo qui i figli dei fratelli e delle sorelle, non siamo poi così vecchi… - n.d.a.).

Abbiamo sempre accettato il fatto che la notte di Natale cada la neve, anche se nessuno potrebbe affermare con certezza che il 25 dicembre dell’anno zero a Betlemme nevicasse.

Davvero i Re Magi hanno dovuto mettere i ferri chiodati o le catene ai loro cavalli? Pare proprio di sì; addirittura sembra che, in una prima edizione del Nuovo Testamento, fossero definiti come i Re Mogi, proprio a causa della tristezza e delle difficoltà di quel viaggio verso Betlemme; ricordiamo che all’epoca lo spazzaneve non era ancora stato inventato, non c’era ancora l’obbligo di sostituire i normali ferri dei cavalli con ferri da neve, né di avere le catene nelle bisacce: si partiva così, senza dispositivi di sicurezza, confidando nell’aiuto di Dio.

In seguito, forse a causa di un errore di interpretazione, sono stati tradotti dal palestinese antico in Re Magi, nome che, effettivamente, non significa nulla.

Sempre a proposito di Re Magi (o Mogi, se si preferisce) ci si chiede anche perché si è passati dalla tradizione di portare un regalo ad un bambino nato da poco (pratica ancora oggi in uso) alla consegna dei regali da parte di Gesù bambino nella notte di Natale. Come è nata questa singolare inversione di ruolo, del festeggiato che porta i regali a tutti gli altri?

Secondo una recente ricerca, essa nacque dall’idea (mica stupida, in verità) di un bambino, figlio di un ricco banchiere, vissuto nel IV secolo d. C.

Egli costringeva i suoi coetanei a fargli un regalo nel giorno del loro compleanno, promettendo di fare altrettanto, nel giorno del suo. Ma essendo lui nato il 29 febbraio, restituiva il favore solo una volta ogni quattro anni. Un vero figlio di… banchiere. Buon sangue non mente, come si diceva già all’epoca.

Un’altra antica tradizione natalizia che potrebbe essere rivoluzionata è l’abito di Babbo Natale: potrebbe diventare blu per par condicio. Non per politica, ma per bibita.

Come tutti sanno, Babbo Natale era di colore verde, e diventò rosso perché sponsorizzato dalla Coca Cola.

Ebbene, dopo un secolo, potrebbe ora essere il turno della Pepsi e la tuta scarlatta che il caro nonnetto indossa, viaggiando su una slitta trainata dalle renne, potrebbe diventare blu, come quella dei metalmeccanici.

Tornando alla questione iniziale, cioè il Bianco Natale (e ci scusiamo con i lettori per l’ampia e un po’ confusa digressione - n.d.a) ancora una volta l’Accademia dei Cinque Cereali ha la soluzione al problema: è sufficiente spostarlo al primo giorno di neve dopo l’otto dicembre, festa dell’Immacolata Concezione.

L’unico inconveniente sarebbe quello di dover comprare i regali in anticipo, per non farci cogliere impreparati dalla neve, senza pala per ripulire la rampa del box, senza catene a bordo e soprattutto senza regali di Natale.

Per ora ha aderito all’iniziativa, e con molto entusiasmo, l’Associazione Italo Colombiana Narcotrafficanti, ma chi si prenderà la briga di andare a spiegar loro che l’ACC stava pensando a tutt’altro tipo di neve?

M&M - Marchiori & Marello – ACC (NOVEMBRE 2013)


Disclaimer. Questo blog non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog potrebbero essere estrapolati da internet e, pertanto, se non considerate di pubblico dominio, perlomeno accessibili a chiunque. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, siete pregati di comunicarcelo senza esitazioni all’indirizzo e-mail: info @ lastampella.it e saranno immediatamente rimossi.
Gli scritti che contengono riferimenti a persone realmente esistenti hanno il solo scopo (si spera) di far sorridere e sono frutto del vaneggiare degli autori. Se tuttavia qualcuno non gradisse un articolo o una sua parte può chiederne la rimozione all’indirizzo di cui sopra, motivando l’istanza.
Non siamo responsabili dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
| Copyright © 2016 La Stampella | contatti | newsletter | privacy policy | sitemap |