Stacks Image pp294521_n312906_n2

Umorismo di sostegno

PUBBLICAZIONE UMORISTICA FONDATA DALL'ACCADEMIA DEI CINQUE CEREALI IL 2 GIUGNO 2016

ANNO VI d.F. - IDEATO, SCRITTO, IMPAGINATO, POSTATO E LETTO DAGLI AUTORI E DA SEMPRE DEDICATO A FRANCO CANNAVÒ

Fondatore e macchinista: Paolo Marchiori.
Vicedirettori postali (addetti ai post): Stefania Marello, Christina Fasso, Italo Lovrecich, GioZ, il Pensologo Livio Cepollina.

In questa sezione sono riportati articoli scritti tra il 2012 e il 2014, quando l'ACC collaborava allegramente con LA TAMPA

VINCE UNO YACHT E UNA MEGA VILLA CON LE CARTE DA GIOCO

Acquistando per errore un mazzo di tarocchi, realizza una serie di vincite millenarie, milionarie e milleusi

Si chiama Gastone Fortunato, un nome che è già un programma, e vive a Valle San Nicolao, in un appartamento che condivide con i suoi due fratelli Prospero e Propizio. Ogni giorno, esclusi i prefestivi, i lunedì dispari e i venerdì 17, si reca al Circolo ARCI Simone di Valle Mosso, per la consueta partita a briscola.

Qualche giorno fa si è fermato dal tabaccaio di Campore e ha acquistato un mazzo di carte per allenarsi a casa con i solitari, in modo da acquisire maggiore abilità con le carte ed essere più ferrato il giorno dopo al circolo. Purtroppo, giunto a casa, si è accorto che, invece delle normali carte da gioco, il tabaccaio gli aveva rifilato un bel mazzo di tarocchi.

Il Fortunato ha cominciato a calare le carte sul tavolo: una sua lontana parente, la prozia Maria Gorilla, detta Magò, era una chiromante, ma lui non sapeva di aver ereditato dal suo DNA, oltre all’irsutismo, alla disfagia e a una passione smodata per le banane, certe sue capacità divinatorie. Forse i tarocchi erano anche taroccati, perché più che prevedere il suo destino, lo hanno letteralmente cambiato; infatti, all’interno della confezione c’era un tagliando per partecipare ad un concorso, del tipo gratta e vinci. Potete immaginare il suo stupore nel veder apparire, dopo aver grattato la vernice argentata, il premio: un bellissimo scooter 150 cc.

Quando si è recato a ritirarlo, presso il concessionario locale, insieme alla moto gli è stata consegnata una cartolina, da imbucare nell’apposita urna. Gastone l’ha imbucata e il giorno dopo ha ricevuto una telefonata: aveva vinto una Ferrari cabrio, nuova fiammante, così fiammante che ha dovuto aspettare che si raffreddasse prima di poterla portare a casa.

E non è finita: alla consegna della Rossa di Maranello, ha scoperto con grande sorpresa di essere il milionesimo possessore di una Ferrari, e di avere quindi diritto ad un premio fedeltà, consistente in uno yacht da 32 metri, ormeggiato a Savona.

Arrivò a Savona con il treno delle 8:33, quello che è sempre in ritardo perché ferma in tutte le stazioni, compreso San Bartolomeo del Cervo Corna a Ponente. Ma quel giorno il treno aveva saltato dodici stazioni ed era in anticipo di due minuti. Furono proprio questi due minuti che gli permisero di trovare, per primo, una cartella piena di brillanti e mazzette di dollari sauditi, persa da un potente emiro, il cui principesco yacht era ormeggiato al porto. Gastone Fortunato (che di secondo nome fa Onesto) ha subito consegnato la cartella con il suo prezioso contenuto alle Autorità Portuali. L’emiro, occorre dirlo?, lo ha ricompensato regalandogli la sua mega villa di 24 stanze che si affaccia sul Golfo di Portofino, comprese tre piscine e un parco di tremila ettari.

Così, dal circolo ARCI, il nostro eroe è entrato nel circolo vizioso delle vincite e da lì nel Circolo dei Vip. C’è da aspettarsi che non sia finita qui. Chi lo sa, magari il prossimo premio sarà uno Space Shuttle…

M & M - Marchiori & Marello – ACC (LUGLIO 2013)

AMRICORD: questo articolo è stato scritto tra il 2012 e il 2014, quando l'ACC (Accademia dei Cinque Cereali) collaborava allegramente con LA TAMPA


Disclaimer. Questo blog non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog potrebbero essere estrapolati da internet e, pertanto, se non considerate di pubblico dominio, perlomeno accessibili a chiunque. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, siete pregati di comunicarcelo senza esitazioni all’indirizzo e-mail: info @ lastampella.it e saranno immediatamente rimossi.
Gli scritti che contengono riferimenti a persone realmente esistenti hanno il solo scopo (si spera) di far sorridere e sono frutto del vaneggiare degli autori. Se tuttavia qualcuno non gradisse un articolo o una sua parte può chiederne la rimozione all’indirizzo di cui sopra, motivando l’istanza.
Non siamo responsabili dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
| Copyright © 2016 La Stampella | contatti | newsletter | privacy policy | sitemap |