Stacks Image pp294520_n312906_n2

Umorismo di sostegno

PUBBLICAZIONE UMORISTICA FONDATA DALL'ACCADEMIA DEI CINQUE CEREALI IL 2 GIUGNO 2016

ANNO VI d.F. - IDEATO, SCRITTO, IMPAGINATO, POSTATO E LETTO DAGLI AUTORI E DA SEMPRE DEDICATO A FRANCO CANNAVÒ

Fondatore e macchinista: Paolo Marchiori.
Vicedirettori postali (addetti ai post): Stefania Marello, Christina Fasso, Italo Lovrecich, GioZ, il Pensologo Livio Cepollina.

L'INARRIVABILE NONNO ABEFFARDO

Nei circoli ricreativi piemontesi tornano le carte da gioco. Però, nel Comune di Brevigliasco sono già avanti: da tempo disputano feroci battaglie senza mascherine.


Il comune assume sbevazzoni per pulire le strade. In cambio, 10 €uro al giorno, un pasto, mezzo pacchetto di sigarette e 5 lattine di birra. Calma: è ad Amsterdam.


Nei bar dell’Emilia-Romagna si può sfogliare i giornali, e giocare a carte: basterà usare la mascherina, e mantenere i distanziamenti. Prima o poi accadrà anche dalle mie parti. E al dopolavoro del mio paese, con la scusa delle carte, riprenderanno le infinite incandescenti discussioni tra i pensionati che vogliono aggiustare il mondo.


Francesca Pascale ha avuto una storia d’amore con Silvio Berlusconi. Ma adesso è finita, e la signora è stata liquidata con una buonuscita da 20 milioni di €uro, più una paghetta di un milione all’anno, ma non ho capito fino a quando. Ha 35 anni, e si potrebbe pensare che ha capito tutto dalla vita. La nuova fidanzata di Berlusconi è la deputata trentenne Marta Fascina. E anche questa volta si tratta di vero amore. Silvio ha ben 17 anni più di me, tuttavia potrei conoscere la sua prossima fidanzata.


In India, 1,2 milioni di persone sono morte negli ultimi vent’anni per i morsi di serpente, e un quarto erano bambini. I serpenti più letali sono le vipere di Russell, i bungari, e i cobra. Seguono almeno 12 altre specie. Le probabilità di morire a causa del morso di serpente sono molto elevate. E noi facciamo tante storie per le zanzare?


LA MOSCA COCCHIERA IN PILLOLE

Perché una coppia raggiunga uno stato di grazia, conciliando reciprocamente gli stati di letizia e serenità, sono necessari 13 anni. L’Università di Berkeley pubblica sulla rivista scientifica Emoticon i risultati dell’analisi dei dati relativi a 87 coppie eterosessuali sposate: hanno imparato a ridere dei reciproci difetti, non soffrono di stress, e hanno superato strilli e musi lunghi, proprio dopo i 13 anni di matrimonio. Un’indagine della Northwestern University chiarisce che le diatribe amorose fanno danni: causano disturbi cardiovascolari, e mal di testa, di schiena, muscolari. Pare che il locale nel quale nascono i peggiori dissapori sia la cucina. Statene ben lontani! Il Professore Chiarissimo Sun Nen Bun, Dipartimento Torrazzese dell’Università di Pensologia di Torino: “Accidenti! L’avesse saputo il mio caro amico di Torrazza Piemonte, che ha divorziato dopo una dozzina di anni di conoscenza. Troppo tardi”.

I medici britannici hanno dichiarato che il vino rosso fa sempre male alla salute. Lo afferma un report di Sally Davies, Chief Medical Officer del governo inglese. Il documento ricorda ai medici inglesi “che non esiste un livello sicuro di alcol, dato che anche piccole quantità possono aumentare il rischio di alcuni tumori”. Quindi, viene escluso che l’alcol possa ridurre il rischio di cancro e malattie cardiovascolari. In pratica si consiglia di bere meno di un bicchiere di vino al giorno, e astenersi per due giorni a settimana per consentire al fegato di rigenerarsi. Ma Kari Poikolainen, esperto dell’Oms, raccomanda di non superare una bottiglia di vino al giorno. Pare che abbia dichiarato testualmente che bere poco è meglio che essere astemi. Julia Manning, di 2020Health, dice che l’alcol è una tossina e i rischi superano i benefici. Il Professore Chiarissimo Sun Nen Bun, Dipartimento Torrazzese dell’Università di Pensologia di Torino: “Inglesi che parlano di vino? Da quando ne hanno diritto?”.

L’obesità non è mai una scelta. Alla panza non si comanda. Dimagrire non è solo una questione di volontà. E tuttavia, molti si sentono colpevoli del proprio girovita. Nature Medicine pubblica un “manifesto esplicativo”. Primo firmatario Francesco Rubino, chirurgo esperto in interventi su pazienti obesi al King's College Hospital di Londra. Chi soffre di obesità si vergogna, e viene portato a decisioni scellerate come quella di non sottoporsi agli esami clinici e ai regolari test di controllo. OMS, Organizzazione Mondiale della Sanità, comunica che l’obesità è l’epidemia non infettiva più diffusa del Terzo Millennio, dato che riguarda 2,3 miliardi di persone nel mondo, e la condizione di obesità vera e propria circa 650 milioni di persone. In Italia una persona su dieci viene definita obesa: oltre 5 milioni di adulti. Allarme anche per i bambini: su 50mila under 11, il 21,3% è in sovrappeso, e il 9,3% obeso. Il Professore Chiarissimo Sun Nen Bun, Dipartimento Torrazzese dell’Università di Pensologia di Torino: “Come sempre, ringrazio di avere l’aspetto di un figurino”.

Gli americani la chiamano “Skin Hunger”, fame di pelle. Il desiderio di toccarsi, anche senza sesso, vuol dire cercare il contatto, le carezze, e le pacche sulle spalle. Ma anche le strette di mano, gli abbracci, i baci, le coccole e le cene con gli amici. Già prima della pandemia ben un adulto su quattro soffriva da astinenza da contatto. Fu lo psicologo statunitense Harry Harlow, negli anni Cinquanta, a condurre i primi studi sul bisogno di prossimità fisica. I bimbi appena nati vengono poggiati sul petto della madre, e questo li induce a calmarsi. In certe fasi cruciali della esistenza, può divenire urgente. Quando siamo sotto stress, aiuta un abbraccio di chi ci vuole bene. Il Professore Chiarissimo Sun Nen Bun, Dipartimento Torrazzese dell’Università di Pensologia di Torino: “Ecco, come nobilitare il palpeggiamento! In gioventù ho palpato anch’io graziose colleghe. Peccato che adesso ti denunciano con un’infinità di accuse infamanti. E, se sei un personaggio noto, le inventano per approfittarne”.

IL PROFESSOR MIGLIO E I SUOI

SPECIALE 2x4

Il Cetriolo Plumbeo Honoris Causa va a

I sanzionatori della Polizia Locale di Osimo, nelle Marche.

Con la seguente motivazione:

Hanno inviato una multa di quasi 900 €uro a una ragazza, per essere passata davanti all’autovelox fisso di Casenuove a 703 km/h. Accecati dal fanatismo di fare cassa?

@ @ @ @ @

Il Cetriolo Plumbeo Honoris Causa va a

OMS, Organizzazione Mondiale della Sanità.

Con la seguente motivazione:

Invia un team di esperti in Cina per studiare l’origine del virus. Che inguaribili fessi. Il medico cinese che ha segnalato per primo il virus è finito male: figuriamoci se il regime di Xi Jinping permetterà a un’equipe esterna di svolgere indagini in materia.

@ @ @ @ @

Il premio vauro ridens va a

Kurhade Shankar, residente dello stato indiano del Maharashtra.

Con la seguente motivazione:

Ha speso quattromila dollari per una mascherina contro l’emergenza COVID-19: “Mi piace l’oro e indossare pesanti catene e anelli d’oro. Ho deciso di indossare una maschera d’oro. Ho chiesto al gioielliere una maschera d’oro”. Pesa quasi 2,5 chili, è costata circa 3.870 dollari. La maschera ha piccoli fori per respirare, quindi inutile.

@ @ @ @ @

Il premio vauro ridens va a

Viola Alessandra, giornalista, scrittrice, ricercatrice e docente.

Con la seguente motivazione:

Ha proposto di redigere la prima Dichiarazione universale dei diritti delle piante. Chiede che i vegetali siano riconosciuti come “persone non umane”. E cioè, “esseri viventi con dignità, autonomia, fini propri, e consapevolezza”. Romantico, e scemo.

@ @ @ @ @

Il premio pane e volpe va a

Un “acrobata” originario della Cecenia.

Con la seguente motivazione:

Camminava su una fune sul fiume Calore, a Benevento: è caduto da oltre 20 metri.

Intrappolato tra la fitta vegetazione, è stato soccorso e salvato dai Vigili del Fuoco.

@ @ @ @ @

Il premio pane e volpe va a

Alcuni disperati di Pueblo Viejo, in Colombia.

Con la seguente motivazione:

Dopo l’incidente di un camion cisterna, che trasportava combustibile, sono andati a saccheggiare parte della benzina sversata, che ha preso fuoco. E un’esplosione ha ucciso sette persone, e ferite gravemente 45. Gli stupidi poveracci riposino in pace.

@ @ @ @ @

Il premio “ma ci faccia il piacere” va a

I buoni vicini, in Provincia di Parma.

Con la seguente motivazione:

Hanno denunciato una signora, per molestie e disturbo alla quiete pubblica, perché non ha impedito al gallo di cantare ripetutamente. Ma perché non gli hanno sparato?

@ @ @ @ @

Il premio “ma ci faccia il piacere” va a

Hotel de la Poste, Cortina d’Ampezzo.

Con la seguente motivazione:

Ha citato per danni la Cina, perché le ha fatto perdere incassi causa coronavirus.

LA FEDERTRUFFE SI OFFRE DI PORTARE A CASA LA SPESA

Siamo in pieno lockdown e nonostante supermercati e negozi alimentari siano rimasti aperti, non sempre è semplice l'approvvigionamento di cibo, bevande e beni di prima necessità.

Se nelle famiglie numerose il problema è facilmente risolvibile, poiché qualcuno giovane e aitante che possa fare la spesa si trova sempre, per i single può essere un problema, soprattutto laddove rientrano nella cosiddetta fascia della terza età.

La Protezione Civile e numerose associazioni di volontari si stanno adoperando in tutto il territorio per fare la spesa nei doscount e consegnare a domicilio i prodotti, salvaguardando la salute dei soggetti più esposti al contagio.

Non è da meno Federtruffe, l'associazione che da sempre suona ai nostri campanelli per proporci mirabolanti offerte e graditi omaggi.

Visto il blocco di ogni attività, gli associati, si sono offerti di fare acquisti per conto di pensionati e persone sole.

Si può prenotare tranquillamente da casa, l'addetto passerà a ritirare la lista della spesa e l'importo presunto per l'approvvigionamento, rigorosamente in contanti per non lasciare traccia. Federtruffe penserà a tutto, in assoluta sicurezza.

Sempre con le stesse modalità potranno essere pagate bollette per fornitura elettrica, gas, acqua, tariffa rifiuti, tasse di circolazione, e ogni altra incombenza in danaro.

Freddy Marchiori – ACC (MARZO 2020)

Questo articolo è stato scritto durante il lockdown (marzo-aprile 2020) e abbiamo scelto di non pubblicarlo in quel periodo per rispetto verso ci stava in qualche modo soffrendo (direttamente o indirettamente per la malattia, oppure per la situazione che stava vivendo).


Con Federtruffe torna l'economia circolare


TROPPI RISCHI PER IL TORERO. ARRIVA LA CORRIDA A NORME ISO 9001

Le prime corride risalgono all’Antica Grecia, dove giovani contadini, spesso storditi dai riti religiosi in onore del dio Bacco, rincorrevano i tori su e giù per i vigneti, nel tentativo di riportarli nella stalla. Questi movimenti si chiamavano "rincorride". L'etimo della parola è incerto: probabilmente deriva dal greco rinkòi (che significa ottenebrato dal vino) e dal latino ridens. Non è ben chiaro come, rincorrendo i tori per secoli, la rincorrida sia diventata corrida e sia giunta in Spagna.

Quello che è certo è che la corrida è diventata disciplina sportiva grazie alla lobby ateniese degli allevatori, nel tentativo di ridurre le odiose tasse sulla macellazione.

La leggenda narra che presso gli Etruschi si utilizzassero, al posto dei tori, le suocere. Fu una legge romana, la famosa VI-II-VI (la 626 del 94 a.C.) a introdurre questi grossi bovini, meno pericolosi, al fine di limitare i danni per gli addetti ai lavori.

Non stiamo parlando della Corrida del sabato sera in TV, dove pure qualcuno di tanto in tanto si infortuna, ma di quella con i tori veri, e infuriati come... tori.

Nelle moderne corride non sempre è il toro ad avere la peggio: anche il torero può essere ferito o ucciso, come è successo recentemente. I giornali e i media hanno dato grande risalto alla notizia, cosa che non avviene quando a rimetterci la vita è il toro.

Da più parti si comincia ad invocare l'abolizione di questa sanguinosa tradizione. Le proteste arrivano soprattutto dalle associazioni animaliste e dalla Federazione Spagnola delle Mulieres de Toreros, donne doppiamente preoccupate del problema delle corna nel matrimonio...

Ma è giunto il momento di dare un ulteriore giro di vite, considerate anche le recenti norme antinfortunistiche, sostituendo, attraverso un semplice cambio di... consonante, i tori con i topi, animali più piccoli e mansueti.

Presto nelle arene spagnole potremmo vedere all'opera il TOPERO che esibirà la sua esperienza e agilità nello sventagliare la fiammante mantiglia sul muso di simpatici e scattanti rodi-tori.

Per aumentare l'emozione del pubblico si potranno utilizzare i topi di fogna, decisamente più combattivi.

Sarebbe opportuno però eliminare le banderillas, per evitare che il topero di turno ce l'abbia, come si dice, in un piede, cioè se le pianti nell'alluce nel tentativo di infilzare il ratto ratto (nel senso di veloce pantegana).

Nell'ipotesi peggiore, se il topero non sarà abbastanza rapido, potrebbe beccarsi un morso, con possibile contagio da leptospirosi, rabbia e peste bubbonica, che al giorno d'oggi sono malattie quasi sempre curabili. Nella lunga convalescenza avrà tutto il tempo di meditare sull'opportunità di praticare ancora uno sport così autolesionista.

Inutile precisare che i topi da corrida saranno esclusivamente maschi.

M & M – Marchiori & Marello – ACC (LUGLIO 2016)

LA RISTAMPELLATA: questo articolo è stato scritto tra il 2016 e il 2018 e viene qui riproposto a grande richiesta.


Un Topolino nell’arena


L'ANGOLO DELLA (S)CULTURA

Gli scilinguagnoli dell'Accademia dei Cinque Cereali Cultura.

A cura di Manfredi Maria Miglio Marello

VIRUS

Pare di essere in guerra, ma, ahimè,

l'esercito nemico non si fa vedere:

non ci sono armi, non ci sono muri,

non ci sono bombe, né cecchini

infallibili che lo possano contenere.

Non resta che restare chiusi, noi,

entro muri d'ansia ed estenuante noia.

Ci ha spinti indietro, a secoli più bui,

la paura: l'altro sulla strada porta guai,

come un fottuto cavallo di Troia.

E nel guardare queste strade deserte,

misurando gli spazi siderali tra di noi,

nell'immaginare battaglie combattute

là, dove si affannano i guaritori eroi,

o inventare sorrisi forzati, nascosti

da filtri di garza e di fortuna, senza

pensarci, per non smarrire la ragione

come i licantropi al chiaror di luna,

abbiamo infine accettato che il canto

del lieto fine è soltanto una finzione.

Qualcuno prega, si vota a qualche santo:

ma dalle finestre il cielo è vuoto e muto,

le stelle brillano, lontane, indifferenti,

non c'è divinità che ci prometta aiuto.

Stefania Marello

QUESTA SETTIMANA LA TOP FIVE TRIPLICA

Congolese stacca gas e luce a moglie e figlio spreconi. Riceve la cittadinanza onoraria di Biella.

Investi 250 €uro su Poste, e avrai un’entrata fissa ogni mese. Io ho paura a pensare dove entrerà.

Le lavoratrici di un call center di Taranto erano pagate 4 €uro l’ora. Così tanto? Pare incredibile.

Confermata la fiera del Tartufo. Non sono morti tutti per Covid-19. Soprattutto son vivi i ricchi.

Demografia: nel 3100 ci saranno solo 9 miliardi di umani. Un paio di pandemie e siamo a posto.

Il fratello di Belen Rodriguez sta con Deborah Togni. E pare che i due facciano numeri da circo!

Per ottenere qualcosa è necessario il rigore. O, come minimo, una punizione dal limite dell’area.

Gli amanti di astronomia che hanno perso la cometa Neowise stiano sereni: torna fra 6800 anni.

Ho letto che diluendo il plasma si resta giovani. Non capisco se devo diluirlo con acqua o alcol.

Percorso a ostacoli in via Nizza: i ciclisti rischiano di essere investiti sui marciapiedi dai pedoni.

Armati di palanchino sradicano i parchimetri. La battaglia tra ladri ha sempre un certo fascino...

Sembra che questa sarà un’estate di feste illegali. Cioè, dopo il lockdown non è cambiato niente.

Impresa epica: a 11 anni in cima al Cervino con papà. E mamma ha avuto un po’ di tranquillità.

Finalmente ci si può riabbracciare nelle RSA. Adesso, chi spera di ereditare ne può approfittare.

Il vaccino di Oxford contro il Covid-19 funziona: ti cura, ma ti rende anche elegante e raffinato.

CIAO ROCCO

Il 31 luglio 2020, a soli 60 anni,

ci ha improvvisamente lasciati

Rocco Marone,

amico di Livio Cepollina e GioZ,

e da qualche tempo amico virtuale de

LA STAMPELLA.

Infatti, grazie al suo altruismo e alla sua disponibilità,

era stato possibile realizzare una collaborazione

con la sua rivista MIRAFLORES.

Rocco era una persona onesta e seria, oltre che geniale.

Tutti noi, ancora scossi per l'improvvisa triste notizia,

ci stringiamo attorno alla sua famiglia.

Rocco e Livio,

direttore e vice di Miraflores Press

IL CAMPER E' UNA SECONDA CASA, POTREBBE PAGARE L'IMU

Molti sono già in vacanza, altri stanno per partire e sembra che, a causa della pandemia, uno dei mezzi più quotati sia il camper.

I primi camper, come ad esempio i famosi Volkswagen anni '70, erano dei normalissimi furgoncini attrezzati con due brandine per dormire e nulla di più; per i servizi igienici si utilizzava il primo cespuglio libero.

I camper moderni sono attrezzati di ogni comfort, non solo hanno la toilette con doccia, ma sono dotati di generatore di corrente elettrica, fornello a gas, frigorifero, climatizzatore, TV satellitare, e di ogni altra attrezzatura più o meno tecnologica e utile.

Si tratta di una vera e propria dimora per le vacanze semovente.

Proprio per questo motivo a breve potrebbe essere introdotta la tanto odiata tassa comunale sulle seconde case.

L'idea sarebbe di far pagare l'IMU in ogni comune in cui si pernotta in proporzione ai giorni di permanenza, ma le tassazioni potrebbero essere estese anche a TARI (la tanto odiata tariffa rifiuti) e, se si tratta di località turistiche, addirittura alla tassa di soggiorno per ogni componente del gruppo.

Secondo una stima di Sfigacons, l'associazione dei consumatori di sventura, a causa della burocrazia italiana una vacanza itinerante di una settimana potrebbe durare dai dieci ai dodici giorni, persi a compilare moduli e a fare coda negli uffici comunali o per pagare i bollettini postali.

Dalle prime indiscrezioni, gli agriturismi che forniscono solo pranzi e cene, e i Breakfast (alberghi che danno solo colazioni) situati in località rurali sembrano decisi a dare battaglia e a organizzarsi per non far sostare mai i camper: mentre i turisti dormono nel mezzo, un addetto vaga col camper per tutta la notte nel piazzale antistante evitando al veicolo di fermarsi.

Non a caso pare che una nota azienda di marketing, per attrarre turisti in campagna, abbia coniato il motto: "Vieni da noi a menare il camper per l'aia"

Paul Rice - ACC

Moderno camper dotato di Bancomat, lavanderia a gettoni, e frantoio per produrre olio di oliva extravergine e farine integrali

Barca parcheggiata in giardino per evitare il pagamento della tassa di stazionamento per unità da diporto

ADOZIONI

Per far fronte alla crisi di mercato creata dal Covid-19, i produttori si inventano di tutto. Nasce ad esempio, nel settore caseario, un nuovo progetto dal nome accattivante: "ADOTTA UNA MUCCA". Una Cooperativa casearia in provincia di Belluno raccoglie adozioni a distanza. In base al tipo di offerta effettuata, il cliente riceverà a casa i prodotti caseari ottenuti con il latte dell'animale adottato.

Adottando una delle nostre Mucche - dicono alla Cooperativa - ci aiuterai a continuare la nostra attività in questo bellissimo ma difficile territorio. Con la tua adozione noi potremo continuare ad accudirla al meglio, a darle solo alimenti di alta qualità affinché possa produrre il nostri buonissimi prodotti caseari.

Mi sembra una magnifica idea.

Sto meditando di lanciare un'iniziativa di marketing a favore dei piccoli produttori di affetti famigliari.

Si chiamerà "ADOTTA UNA NONNA".

Adottando una delle nostre nonne - dirà lo spot pubblicitario - ci aiuterai a continuare, in questo difficile periodo, la nostra attività di sostegno alle nonne: con la tua adozione noi potremo continuare ad accudirle al meglio, a dare loro solo alimenti di alta qualità e cure di prima necessità, in modo che possano continuare a produrre affetto e cure, e a raccontare bellissime fiabe.

Nonna Abeffarda


Post scriptum:

Ovviamente, il tutto sarà a spese della nonna medesima, fin quando la sua pensione non verrà cancellata.

Dopo, la nonna potrà essere cestinata.

Suntant Kathiw





LA STAMPELLA PRESENTA

Splendida iniziativa del governo, per incentivare le imprese e la circolazione del denaro: al ristorante paghi solo metà del conto, e all’altra metà provvederà lo Stato. Non festeggiare troppo: accade in Inghilterra. In Italia, o scrocchi, oppure paghi tu.

Multe stratosferiche alle poste se non consegnano le missive entro le 24 ore. Solo il 91,5% di lettere e pacchi sono consegnate in giornata ed è scattata la multa da 1,5 milioni di sterline. Tranquillo, qui da noi nella Italietta non potrebbe mai accadere.

Dopo Eleonora Pedron e Bianca Atzei, l’ex campione di motociclismo e attuale team manager Max Biaggi ha una nuova morosetta di 27 anni, Francesca Semenza.

Fa bene: ormai ha 49 anni, ed è giusto che rinnovi i propri interessi. Lui che “può”.

Iniziato il progetto sperimentale sharing a Bari, con i primi 250 monopattini, già disponibili e pronti all’uso. La prima grande città del Sud ha attivato il servizio, e all’inaugurazione hanno presenziato il sindaco e i maggiorenti. Finalmente, anche al sud assisteranno al fenomeno del vandalismo sui mezzi distrutti per divertimento.

Un invalido 64enne benestante torinese avrebbe dato alla badante 640mila €uro, con i quali ella si è pagata casa, auto, e chirurgia estetica. Purtroppo, la banca e gli inquirenti hanno insinuato che si sia trattato di truffa. Lui non capisce e non accetta: sa che lei lo ama, che presto si sposeranno, e andranno ad abitare insieme a Loano. Ma il destino congiura contro di lui: alla signora è stato imposto di girare alla larga.

La Polizia ha trovato 15 milioni di €uro in contanti in un’abitazione a Milano, in una intercapedine ricavata in un muro. Come sempre, chissà chi ha fatto la soffiata.

LE GRANDI SFIDE LETTERARIE DELLA STAMPELLA

Scoperto vicino a Taranto un campo da ben 70mila piante di Cannabis. Arrestate quattro persone, e sequestrata la produzione. Proibitissimo: deve essere gestita dallo Stato (ovviamente è quella legale), come nel caso di sigarette e di gioco d’azzardo.

Il vecchio tarlo


Nei bar piemontesi tornano i giornali. Il gestore del locale dovrà vigilare che ci si disinfetti le mani prima e dopo la lettura, e che si indossi la mascherina. Suggerito di fornire più copie, per ridurre il tasso di condivisione. È scientificamente provato che 99 piemontesi su 100 si leccano il dito, prima di voltare la pagina del giornale nel bar. Motivo in più per non toccarne mai. Leggo a casa i quotidiani che compro.

Carlo Chievolti


Rinviato a giudizio il poliziotto che durante un arresto a Napoli aveva sparato a un pitbull che lo aveva azzannato, aizzato dal padrone. Gli animalisti esultano, ma al solito i poliziotti hanno perso. Sono le solite storie di ordinaria demenza italiana.

Il vecchio tarlo


A un anno dalla dipartita di Andrea Camilleri, esce il libro “Riccardino”, ultimo della serie Montalbano. Non vedo l’ora non leggerlo come non ho letto i precedenti.

Carlo Chievolti


Le compagnie aeree British Airways, easyJet e Ryanair hanno avviato un’azione legale contro il governo inglese perché rinunci alla quarantena imposta dalle norme anti-coronavirus. Affermano che avrà un effetto devastante sul turismo britannico e sull’economia, e distruggerà migliaia di posti di lavoro. I poveracci evidentemente non godono dei privilegi che la “compagnia di bandiera italiana” sfrutta da sempre.

Il vecchio tarlo


83 multimilionari di varie Nazioni, ma per la maggior parte statunitensi, si fanno chiamare “Milionari per l’Umanità”, e lanciano un appello sul web per chiedere ai Governi di aumentare le imposte ai più ricchi per contribuire alla ripresa economica mondiale dopo la pandemia. Tasse aumentate in maniera sostanziale, immediata e permanente! Ho parlato con Bezos, Gates e Zuckerberg, e loro non parteciperanno. E allora ho deciso di astenermi anch’io, da questa seppur lodevolissima iniziativa.

Carlo Chievolti

LA MOSCA COCCHIERA IN PILLOLE

Ogni giorno un italiano dice in media 33,6 parolacce. Uno studio linguistico da un database elaborato dalle Università di Torino e Bologna ha stabilito che la parola più usata come imprecazione è “.azzo”. Le aree tematiche sono sesso, col 49%, poi religione (16%), insulti (12%), escrementi (11%). Le parolacce sono lo 0,21% delle parole pronunciate dagli italiani. Ma, imprecare aiuta a sopportare meglio il dolore. Il Professore Chiarissimo Sun Nen Bun, Dipartimento Torrazzese dell’Università di Pensologia di Torino: “Ma tacete, brutti stjjronzi ffffffffffffche non siete altro!”.

Norimaki Syntesizer è il lecca-lecca elettronico che ricrea qualsiasi sapore, senza cibo. Un ricercatore della Meiji University in Giappone ha inventato un dispositivo definito un “taste display”, cioè con la capacità di ricreare artificialmente qualsiasi sapore, facendo leva sui cinque gusti di base riconosciuti dai recettori sulla lingua. Homei Miyashita spiega principio di funzionamento, simile a quello dei display: è costituito da pixel, piccole unità che emettono luce rossa, verde e blu miscelate e a varie intensità per creare i colori. Norimaki Syntesizer prevede invece di stimolare tutti i ricettori usando cinque gel specifici quando entrano in contatto con la lingua. I gel sono di agar, addensante utilizzato in cucina per realizzare gelatine, e usano glicina per il gusto dolce, acido citrico per l’acido, cloruro di sodio per il salato, cloruro di magnesio per l’amaro, e glutammato di sodio per l’umami. E quando la lingua entra in contatto col dispositivo si percepiscono tutti cinque i gusti insieme. Il Professore Chiarissimo Sun Nen Bun, Dipartimento Torrazzese dell’Università di Pensologia di Torino: “Visto che ha una forma cilindrica, se lo inseriscano nel”.

Preoccupati per i soldi, tanto da stare male? La pandemia ha influenzato la salute mentale delle persone, evidenziando quanto sia cruciale, per il benessere mentale, percepire il benessere finanziario. Una ricerca della Mental Health Foundation, con la collaborazione di quattro Università del Regno Unito, spiega che ha inciso sulla corretta visione del futuro e che è travisata dall’insicurezza sui risparmi e sul lavoro. Antonis Kousolis, direttore della ricerca, sottolinea che è importante avere subito un supporto psicologico. Si ci deve concentrare sul presente, e vivere l’oggi senza pensare al domani. Inoltre, è meglio chiedere l’aiuto di esperti consulenti finanziari. Il Professore Chiarissimo Sun Nen Bun, Dipartimento Torrazzese dell’Università di Pensologia di Torino, 107 anni: “Questo problema non mi riguarda. Se alla mia età non fossi seduto su un mucchio di danaro avrei sbagliato qualcosa, nella vita!”.

Meglio l’espresso di un amplesso: ben 78 persone su 100 preferiscono il caffè al sesso. Un sondaggio commissionato dalla catena alberghiera “Le Méridien Hotel & Resorts”, svolto col contributo di 7.455 viaggiatori provenienti da tutto il mondo, è esaustivo: nulla eguaglia il piacere di degustare un caffè. Gli umani rinuncerebbero oltre al sesso, anche all’alcol e ai social media, pur di sorbire l’appagante bevanda. Uno studio dell’Harvard T. Chan School of Public Healt ha evidenziato che da 3 a 5 tazzine di caffè al giorno scongiurano la morte prematura, allontanano le malattie cardiovascolari, diabete, Parkinson e intenzioni suicidarie, rincarando così la dose. Il Professore Chiarissimo Sun Nen Bun, Dipartimento Torrazzese dell’Università di Pensologia di Torino: “Il caffè meglio del sesso? L’uomo merita di estinguersi!”.

QUANTI PASSEGGERI IN AUTO NELLA FASE 3?

Le FAQ del Ministero non indicano con esattezza il numero di passeggeri ammessi a bordo; si limitano a ribadire che tra il guidatore e i passeggeri deve essere garantita la distanza di almeno un metro.

Quindi, in base alle reali misure dell'abitacolo, nella supposta della nonna potrà salire la figlia convivente, più un paio di amici immaginari, conviventi fra loro e con mascherina.

Si tenga presente che l’unica supposta omologata è questa

SCARAMANZIA

Papa Francesco ha detto: “Ah, come vorrei una Chiesa povera”.

I Nobili Prelati, dall’alto dei loro ricchi privilegi, si sono affrettati a mettere le mani sotto la tavola.

Italo Lovrecich

DECRETINI

Prima di decretare ci spiegano:

“Visto - preso atto - dato - ritenuto - considerato - rilevato - esaminato - analizzato - osservato - studiato - approfondito - sviscerato - valutato - stimato - misurato - calcolato - determinato - giudicato - conteggiato - reputato - controllato - vagliato - verificato (CHE)”. E mi fermo qui, poiché potrei continuare all’infinito.

Hanno saccheggiato il dizionario dei sinonimi e dei contrari.

Carlo Chievolti

Un tempo i decreti erano più "sbrigativi"

TRISBISNIPOTI DI MAMELI CHIEDONO I DIRITTI S.I.A.E. PER L'INNO SUI BALCONI

In questi giorni di quarantena forzata abbiamo assistito a diverse manifestazioni sui balconi delle nostre città: chi esponeva la bandiera tricolore, chi impastava il pane azzimo causa irreperibilità di lievito, i più destabilizzati dal lockdown si sono dati al giardinaggio curando fiori finti.

Particolare adesione hanno trovato le iniziative collettive ideate sui social e rilanciate dai principali TG come flash mob e soprattutto l'inno nazionale cantato a squarciagola in contemporanea su tutto il territorio nazionale.

Proprio quest'ultima trovata ha fatto storcere il naso ai discendenti diretti di Goffredo Mameli. Pare infatti che i cantanti improvvisati non abbiano compilato il regolare borderò della S.I.A.E., facendo perdere loro migliaia di Euro in diritti d'Autore.

Per ovviare a questo inconveniente gli aventi diritto auspicano che venga inserito un emendamento al Decreto Rilancio per dare la possibilità di regolarizzare e pagare i diritti a chiunque abbia utilizzato la composizione dell'autore e poeta durante questo periodo.

Pare invece che Michele Novaro, compositore della musica dell'Inno, non abbia discendenti intenzionati a reclamarne i diritti.

Paul Rice – ACC (MARZO 2020)

Balconi pre-Covid19 utilizzati per stendere il bucato

LE PERLE DEI PIRLA

In Italia crescono i positivi. Bene, un po' di ottimismo aiuta sempre.

Pierino di Montanaro

La scatoletta di tonno: il famoso pesce d'aprire.

Tony Luganega

E quelli che si leccano il dito a ogni tasto del bancomat che premono?

Wild Rice

Torna la peste in Cina nonostante l'uso smodato di pesticidi.

Freddy Marchiori

Perché tua moglie non resti incinta non basta che usi il profilattico. Lo devono usare anche i tuoi amici. (Immunità di gregge spiegata bene)

Martin Scortese

Invece di fare pausa caffè guardo Facebook, e la cosa mi rende ancora più nervoso.

Bepi Ciopadepan

Se il cinema è finzione, potrei fare un film a luci rosse fingendo di essere superdotato?

Gary Buja

Era stronzo ma con un cuore d'oro: aveva un'aureola di mosche sulla testa

Paul Rice

50 anni e non mentirli.

Paul Age

“La trattativa Stato - Mafia accelerò la morte di Borsellino”. Ora basta dimostrare che lo Stato esiste, e il gioco è fatto.

Pierino di Montanaro

Se rifanno il lockdown, stavolta voglio alimentari e supermercati chiusi, e bar e centri massaggi aperti.

George Clone

SALTANO LE SAGRE: ZANZARE INVIPERITE PUNGONO PERSINO LE VIPERE

Il Covid19 non ha creato grattacapi solo agli umani, ma anche agli animali. Se durante il lockdown hanno avuto la peggio i cani, trascinati a fare i propri bisogni anche venti volte al giorno, in questo periodo se la vedono brutta le zanzare.

Sono stati annullati molti concerti all'aperto, feste campestri, feste dell'Unità, sagre dell'Umidità e gran galà dell'Umiltà. Le disposizioni restrittive hanno cancellato anche i vari raduni: di auto, di moto, di tricicli e di carriole d'epoca. In pratica è stata proibita ogni manifestazione che preveda l'assembramento di persone, e le nostre povere succhia-sangue non sanno più dove sbattere il pungiglione.

Perciò si stanno organizzando in un sindacato, il CASS (Confederazione Autogestita Succhiatrici Sangue) per far valere i propri diritti. Si tratta esclusivamente di zanzare femmina, perché i maschi di questo insetto non pungono, ma si nutrono di nettare, frutta e altre sostanze zuccherine. Quindi non rompono il CASS per far valere il loro diritto di succhiatura.

La natura, che se ne frega altamente del femminismo e dei diritti di genere, ha stabilito che sono necessarie le proteine del sangue per nutrire le uova che la femmina di zanzara porta nell'addome. Un bel dilemma, perché una zanzara rischia la vita ogni volta che si posa su un essere umano o qualunque altro mammifero, a causa di uno schiaffone, di una spruzzata di insetticida o di un vigoroso colpo di coda; d'altro canto, se la poverina non si procura il sangue, i suoi figli muoiono prima ancora di vedere la luce.

Le zanzare credenti sostengono che sia fondamentale salvaguardare le uova, anche a costo di rimetterci la vita; le zanzare atee, invece, sostengono che la morte delle uova non sarebbe un problema, poiché lo zanzarino in embrione non può essere ancora considerato una forma di vita. Ci sono poi le zanzare agnostiche, indifferenti a questioni etiche: pungono come le altre, non per la sopravvivenza della specie, ma per puro piacere di un drink al plasma.

In mancanza quindi delle feste all'aperto, le zanzare inviperite si sono date alla "puntura selvaggia e indiscriminata": ogni forma di vita contenente sangue è presa d'assalto, comprese bisce e vipere, che, poverine, non hanno nemmeno le dita per potersi grattare.

Pronta la risposta del WWF e delle principali associazioni di animalisti e donatori di sangue che, a inizio agosto, organizzeranno dei flash mob nelle principali paludi, allo scopo di fornire il prezioso nutrimento per le uova di zanzara, evitando l'ennesima estinzione di specie animale.

ACC da un'idea di Kristine Lachen

Pare che anche il maestro del Cinema Grigio Silvano Corelli stia girando un film a tema dal titolo Lake Puntura

Disegno by Luca Bonardi

Continua...

Disclaimer. Questo blog non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog potrebbero essere estrapolati da internet e, pertanto, se non considerate di pubblico dominio, perlomeno accessibili a chiunque. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, siete pregati di comunicarcelo senza esitazioni all’indirizzo e-mail: info @ lastampella.it e saranno immediatamente rimossi.
Gli scritti che contengono riferimenti a persone realmente esistenti hanno il solo scopo (si spera) di far sorridere e sono frutto del vaneggiare degli autori. Se tuttavia qualcuno non gradisse un articolo o una sua parte può chiederne la rimozione all’indirizzo di cui sopra, motivando l’istanza.
Non siamo responsabili dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
| Copyright © 2016 La Stampella | contatti | newsletter | privacy policy | sitemap |