Stacks Image pp294520_n312906_n2

Umorismo di sostegno

PUBBLICAZIONE UMORISTICA FONDATA DALL'ACCADEMIA DEI CINQUE CEREALI IL 2 GIUGNO 2016

ANNO IV d.F. - IDEATO, SCRITTO, IMPAGINATO, POSTATO E LETTO DAGLI AUTORI E DA SEMPRE DEDICATO A FRANCO CANNAVÒ

Fondatore e macchinista: Paolo Marchiori.
Vicedirettori postali (addetti ai post): Stefania Marello, Christina Fasso, Italo Lovrecich, GioZ, il Pensologo Livio Cepollina.

LO SGOMBERO DOLCE

A Torino, alcune palazzine dell'ex villaggio Olimpico, da anni abusivamente occupate da extracomunitari clandestini, vengono poco alla volta liberate dagli occupanti, nel corso di una operazione detta di "sgombero dolce".

Sgombero dolce? Sapevo della ginnastica dolce, del dolce far niente, del dolce e gabbana, ma non di sgomberi dolci.

Li faranno uscire dai balconi su uno scivolo foderato di budino?


Nonna Abeffarda



Sgomb(e)ro (agro)dolce



LE MIGLIORI DELLA SETTIMANA


Oggi il 14,5% dei ragazzi abbandona la scuola. Io sono stato un precursore. Non ci andavo mai!


Nel 2021 ci saranno le prove generali per deviare un asteroide. Che dovrebbe colpirci nel 2020.


Spacciandosi per medium faceva sesso con le clienti. Immaginate se avesse detto che era large...


Gli schizzi di sugo hanno sensori che vedono il tovagliolo, e raggirandolo ti centrano la camicia.


CR7: “Mi odiano perché sono ricco, bello e sto con una gnocca”. Odio no, ma ci girano le palle.

SFIDA ALL'ULTIMA SFIGA

San Cavaldonà di Piave (VE)


Un gruppo di anziani, che negli anni sessanta furono compagni di classe al glorioso Liceo Parascientifico Religioso Divino Otelma di Udine, ha la consuetudine di riunirsi una volta l'anno per una cena.

Quest'anno, per tener conto degli impegni di tutti (colonscopie, turni di sorveglianza nipoti, interventi alla prostata e unghie incarnite), la scelta era caduta sullo scorso venerdì 17.

Alcuni di loro però non gradivano la data, notoriamente portatrice di iella. Così la cena è stata spostata al venerdì successivo, il 24 maggio.

Hanno prenotato al Non passa lo straniero, un ristorante-trattoria che si trova sulla sponda del Piave. Purtroppo, a causa delle abbondanti piogge e del maltempo che ha colpito la zona nei giorni scorsi, il fiume si era ingrossato parecchio, ma le previsioni meteorologiche erano rassicuranti e nulla faceva presagire un'esondazione.

Dopo aver mangiato (e ben bevuto) i "ragazzi" del Divino Otelma hanno cantato fino a diventare afoni tutto il repertorio delle canzoni degli Alpini. Il gestore del Non passa lo straniero cominciava a pensare che forse gli stranieri sarebbero stati meno molesti. Sono poi usciti dal locale e, dopo i saluti, gli abbracci e le pacche di rito, gli ex-liceali hanno raggiunto le loro automobili parcheggiate. Le acque del Piave lambivano ormai la spalletta del ponte.

Tutte le auto sono riuscite ad attraversare il fiume, ma quando l'ultima, una Dacia Sandero del 2008, stava per immettersi sul ponte, il fiume straripava improvvisamente e i quattro occupanti dell'auto facevano appena in tempo a scendere e correre sull'argine, mettendosi in salvo. Nel frattempo, la Sandero veniva trascinata dalle acque limacciose del Piave.

Secondo alcuni testimoni il proprietario, sconvolto per l'ingloriosa fine dell'auto praticamente nuova, avrebbe recitato una serie di litanie religiose tipiche del culto mariano popolare, probabilmente in latino tardo e triveneto recente, pressoché intraducibili.

Nel silenzio che seguì qualcuno giura di aver sentito una voce dal fiume che cantava: "Il Piave mormorò: non passa la Sandero".

Stephanie Hop-là



Un 24 maggio di tanti anni fa sul Piave


DOVE SGOBBANO LE GALLINE

Ovindoli (AQ)


Richard Burton ci ha fatto vedere dove osano le aquile, nel film omonimo, ma nessuno sa di preciso dove sgobbano le galline.

Dopo le uova di galline allevate a terra (e non si è capito dove venissero allevate prima, se sui balconi o sui pali della luce), abbiamo le uova di galline allevate all'aperto.

Di conseguenza, oltre ad essere prigioniere in gabbie minuscole, dove a stento riescono a muoversi, ora le poverette sono anche esposte alle intemperie?

Il S.I.L.O., Sindacato Italiano Lavoratrici Ovipare, ha proclamato lo stato di agitazione.


Stephanie Hop-là



L'ANGOLO DELLA (S)CULTURA


Gliscilinguagnolidell’Accademia dei Cinque Cereali Cultura.

A cura diManfredi Maria Miglio Marello


Rumina Cosimo, bovino del maso di Osimo:

se bue farmi osano, avrò ancora l’omaso,

l’abomaso, ma non l’osmosi con Amisa,

giovenca un poco osé e sado-maso.

Sì forte lamenta Cosimo l'abuso

che si sente fino a Bresimo.

Nonna Abeffarda

LA STAMPELLA PRESENTA


Il giovane che ha sparato a tre aggressori entrati in casa sua, ferendone uno, ora è indagato per eccesso di legittima difesa. Dicono sia un atto dovuto, poiché la legge sulla legittima difesa non è stata trascritta sulla Gazzetta Ufficiale. La legge ipotizza la liceità in caso di “grave turbamento”. Se è vero, come ho letto, che ha dichiarato: “Ho avuta ritirata la pistola”, a me basta questo per considerarlo grave turbamento.

Suntant Kathiw


In arrivo le nuove banconote da 100 e da 200 €uro non contraffabili. È inutile: la gente normale non vede banconote da 100 da anni e non ha mai visto quella da 200.

Suntant Kathiw


Il Papa invita i parrucchieri a trattare i clienti con gentilezza e cortesia, a offrire loro sempre una parola buona e di incoraggiamento, ma evitando il chiacchiericcio. Eh, da soli non ci sarebbero riusciti, a capire che il cliente deve essere trattato bene.

Suntant Kathiw


In provincia di Mantova, ignoti hanno rubato 300 pecore, passando indisturbati attraverso il paese. Gli ovini sono spariti nel nulla. Col massimo rispetto per chi ha subito il furto, si deve riconoscere il genio degli autori dell’abigeato. Complimenti!

Suntant Kathiw


A Brescia ci sono 5.400 appartamenti sfitti, e 780mila metri quadrati di fabbriche dismesse. Tempi duri, per i costruttori edili. Si riconvertiranno a fabbricare ospizi?

Suntant Kathiw

L'INARRIVABILE NONNO ABEFFARDO

Una guida per districarsi nel mondo delle offerte di connessione. Classificazione Agcom a tre bollini colorati, per renderne riconoscibile la tipologia. Verde è fibra, giallo è fibra con rame, rosso è rame. Il mio sarebbe vinaccia, per non dire marrone.

Nonno Abeffardo


L’ultima idea degli ambientalisti americani è trasformare i cadaveri in concime. Nello Stato di Washington sta per essere approvata una legge sul “compost umano”. Di solito schifeggio sta gentaglia ambientalista, ma stavolta mi sembra interessante. È un modo di recuperare qualcosa di noi. E io mi offro volontario per esser riciclato.

Nonno Abeffardo


L’ex PM ed ex politico Antonio Ingroia è stato sfottuto da siti e giornali, perché beccato sbrillo a un aeroporto di Parigi. Gli è stato impedito di imbarcarsi, anche se non avrebbe certo dovuto pilotare. Racconta un litigio. Preferisco pensare che abbia sbevacchiato. Sarebbe una botta di umanità che me lo renderebbe meno antipatico.

Nonno Abeffardo


La sessuologa Rosamaria Spina spiega che fare l’albero di Natale favorisce sia il sesso sia il riavvicinamento sentimentale. E segnala che i giorni 24-25-26 non sono adatti all’intimità: prevarrebbero altre priorità. Io non faccio l’albero di Natale. Ma sono enormemente contento per i giovani che hanno ancora questo tipo di problemi.

Nonno Abeffardo


I funerali non mi piacciono.Se potessi non andrei neanche al mio.

Nonno Abeffardo


Jean-Jacques Savinha costruito “Le Vagabond”, un barile lungo 3 metri e largo 2,10, ci ha messo una piccola cucina e un letto, e a 72 anni ha attraversato l’oceano Atlantico trasportato da venti e correnti. Ha impiegato quattro mesi, dalle Canarie all’isola caraibica olandese di St. Eustatius. Ognuno può essere pazzo a modo suo.

Nonno Abeffardo


IL PROFESSOR MIGLIO E I SUOI


Il Vaffa della settimana va a

Tutti gli umani malati di “gattolicesimo” eccessivo.

Con la seguente motivazione:

L’azienda americana Celestis lancia le ceneri del tuo gatto nello spazio, al modico prezzo di 5mila dollari. L’urna starà in orbita attorno alla Terra, e si disintegrerà al rientro nell’atmosfera. Tal Steve Munt ha lanciato una raccolta fondi per contribuire a spedire Pikachu e ha raccolto 1.500 dollari. Il mondo è decisamente pieno di fessi.

@ @ @ @ @

L'esortazione a recarsi a defecare sulla urtica dioica va a

L'amministrazione del Comune di Bussolengo, Verona.

Con la seguente motivazione:

La raccolta della carta avviene a settimane alterne. Ha sanzionato di 300 Euro

un abitante che ha messo davanti a casa la carta il venerdì sbagliato. Orrendi!

@ @ @ @ @

Il Cetriolo Plumbeo Honoris Causa va a

Un funzionario dell’amministrazione comunale di Bassano del Grappa, Vicenza.

Con la seguente motivazione:

Una fioraia ha pensato di fare un’azione apprezzata. Dopo una richiesta informale al Comune ha curato a spese proprie una piccola area sporca, infestata dalle erbacce. Non cercava gratitudine, ma non si aspettava la multa di 1.436 €uro per occupazione abusiva di suolo pubblico protratta nel tempo. Vorrei sputare in faccia all’individuo.

@ @ @ @ @

Il premio vauro ridens va a

Cage Nicolas, attore.

Con la seguente motivazione:

Il matrimonio lampo di quattro giorni con la “make-up artist” Erika Koike potrebbe costargli molto caro. Lei vuole soldi, per sopperire al danno alla propria immagine.

@ @ @ @ @

Il premio pane e volpe va a

Anonimo insegnante inglese.

Con la seguente motivazione:

Si è fatto tagliare il pirillo dal suo coinquilino, a Saragozza, per condividere il video online e diventare virale. Gli ha dato 200 €uro, con la promessa di arrivare a 5mila in base alle visualizzazioni. Il pirillo gli è stato ricucito, e il complice ora è in galera.

@ @ @ @ @

Il premio "ma ci faccia il piacere" va a

Kali Allie, 24 anni, americana della Pennsylvania.

Con la seguente motivazione:

S'è fatta dividere la lingua in due e assicura che gli uomini impazziscono per le sue prestazioni sessuali: "Adorano il completo controllo che ho delle mie due lingue!".

CAUSA MALTEMPO SALTANO LE PRIME COMUNIONI: SI RIPARTIRA' DALLE SECONDE

Proprio in queste ore è stata promulgata una bolla pontificia che posticipa la Santa Eucaristia prevista per domani, domenica 19 maggio a domenica 2 giugno.

Il provvedimento coinvolge oltre ventiduemila bimbi di età compresa fra i sette e il nove anni che dovranno attendere ancora due settimane per l'impartizione del Terzo Sacramento.

L'esigenza nasce dalle avverse condizioni meteo che non permetterebbero un abbigliamento consono alla stagione e il rituale servizio fotoricordo di famiglia.

Siccome questa prassi non è prevista dal codice del Diritto Ecclesiastico, non potendo cancellare tout courtil sacramento, si considererà come impartito, pertanto "il prossimo due giugno si procederà direttamente alla Seconda Comunione".

Così recita "papale papale" il documento ufficiale.

Paul Rice – ACC


LE MIGLIORI DELLA SETTIMANA



In calo del 37% il problema dell’usura in Italia: sarà perché anche gli usurai hanno finito i soldi?


Recapitate buste sospette anche alla Findus: le scongeleranno per scoprire l’entità del contenuto.


Arrestati gli spacciatori che nascondevano la droga nelle ostie. Mai visti così tanti fedeli in giro!


Per evitare lo stress è sufficiente “rallentare”. Ma qualcuno ti stresserà sempre mettendoti fretta.


La Repubblica: “Reati in calo, cresce la percezione generale di insicurezza”. Squisito ossimoro.

L'UOMO NEL BARILE

Un uomo, Jean-Jacques Savin, ha attraversato l'Atlantico, dalle Canarie ai Caraibi, in un barile. Non è una bufala, è stato proprio un uomo. Una bufala non l'avrebbe mai fatto. Le bufale saranno pure delle bestie, ma sono dotate di un certo buon senso.

Questo signore straordinario, uno sportivo, non nuovo a questo tipo di imprese, di nazionalità francese (di qui forse il bisogno di grandiosità), di 71 anni (di qui forse i primi segni di squilibrio mentale) in perfetta salute (di qui la tentazione di rovinarsela) ha deciso di costruirsi da solo un barile lungo tre metri e largo due, metterci dentro una minuscola cucina e un letto, e attraversare l'oceano Atlantico trasportato semplicemente da venti e correnti.

Ora, io capisco l'originalità dell'idea, e non voglio discutere sul coraggio richiesto dall'impresa. Ammetto anche una rassomiglianza con il grande filosofo ammirato da Alessandro Magno, il mitico Diogene, che nel barile ci viveva, ma non posso fare a meno di chiedermi perché. E soprattutto come.

Come ha fatto un barile con dentro una cucina, trasportato semplicemente dal vento e dalle correnti, percorrere 2930 chilometri in soli quattro mesi, quando se ordini una cucina su misura in un mobilificio veneto e abiti a Torino ci vuole di più? Come ha fatto un uomo di 71 anni a mangiare soltanto pesce per dodici settimane e non ammalarsi di scorbuto o anche solo di stitichezza? E che cosa faceva la notte se non riusciva a dormire e non c'era una donna cui rompere le scatole con l'andirivieni al bagno? Come ha fatto ad orientarsi in mare aperto, quando io mi perdo nella periferia di Settimo nonostante il navigatore satellitare? Grandi domande di non facile risposta.

O forse la mia è invidia. Come Alessandro il Grande ebbe a dire "Davvero, se non fossi Alessandro vorrei essere Diogene", così io, se non fossi Abeffarda, vorrei essere Jean-Jacques Savin.

Tuttavia, egli non è l'unico: conosco un tale capace di una simile impresa, se solo il barile fosse... pieno di bonarda.


Nonna Abeffarda



Alexander und Diogenes di Lovis Corinth, 1894, esposto alla Graphische Sammlung Albertina


BAGNI PUBBLICI E IDENTITA' SESSUALE


Dopo aver accettato e riconosciuto le varie identità sessuali, si pone il problema dei bagni pubblici.

Quasi tutti i centri commerciali offrono toilette, oltre che per uomini o donne, anche per i bambini (con accessori ad altezza adeguata) e per i neonati (dotati di fasciatoio). In alcune città appaiono i primi bagni per uomini, donne, e no gender. Mancano ancora bagni per bisessuali, transessuali, asessuali.

Quali potrebbero essere le soluzioni? Fare molteplici bagni per accontentare ogni genere? Farne uno solo che possa essere utilizzato da tutti?

In questo caso l'analisi dell'Accademia dei Cinque Cereali porta a due differenti ipotesi senza tuttavia sciogliere il nodo.

La prima prevede una differenza sostanziale negli organi che fanno pipì e che possono solo essere di due tipi: maschile o femminile, a prescindere dall'identità sessuale del portatore.

La seconda invece starebbe nel classificare le persone da modo in cui fanno pipì: in piedi o seduti.

Probabilmente sarà impossibile stabilire quale delle due ipotesi possa prevalere, ma di certo la soluzione sta nel fabbricare due tipi di water.

Non bisogna dimenticare gli anziani portatori di pannolone, ormai sempre più numerosi, che non possono, per ovvi motivi, usufruire dei fasciatoi per neonati.

Se non proprio un bagno dedicato, a loro bisognerebbe riservare almeno una cabina, dotata di distributore di pannoloni puliti e smaltitore ecologico di quelli usati, con tecnologia avanzata di abbattimento degli odori.

M & M – Marchiori & Marelllo – ACC


Bagno per uomini e donne in ascensore: meglio non esser messi sullo stesso piano

NON PLUS ULTRA-MARATONA

NON partecipai alla Ultra-maratona di 100 chilometri da Torino a Saint-Vincent. Ancora nel 1977, 42 anni fa, ci fu una gara concomitante, con la partenza in piazza CLN, contemporanea, di circa 10 chilometri, con arrivo a Leinì. Noi davanti, che ci saremmo fermati presto, avevamo il ritmo da lepri, rispetto a chi avrebbe proseguito fino a Saint-Vincent. Arrivai decimo, a un buon ritmo. Di chi proseguiva mi superò solo il vincitore Elvino Gennari, che percorse i 100km al rispettabile ritmo di 16km orari, e sostiene di essere detentore assoluto del miglior crono del percorso. Guardo con nostalgia l’immagine di un 23enne, versione prima della pancia e della pigrizia.

Italo Lovrecich


IL PROFESSOR MIGLIO E I SUOI


L’esortazione a recarsi a defecare sulla urtica dioica va a

Paoli Gino, grande cantautore italiano.

Con la seguente motivazione:

Ha dichiarato: “La morte è solo una stagione alla quale ne seguirà un’altra”.

@ @ @ @ @

Il Cetriolo Plumbeo Honoris Causa va a

Trenord, Società nel settore del trasporto ferroviario passeggeri della Lombardia.

Con la seguente motivazione:

La riunione Trenord relativa alla mobilità al Pirellone è stata sospesa. Dirigenti e commissari sono stati bloccati su un treno in ritardo. Il treno era proprio di Trenord.

@ @ @ @ @

Il premio vauro ridens va a

Colombari Martina, attrice e conduttrice televisiva, ex modella e Miss Italia 1991.

Con la seguente motivazione:

Dice di aver odiato la bellezza che l’ha resa famosa: “A un certo punto ho cercato di metterla in un angolo, di mortificarla. Se incontravo qualcuno, mi accorgevo che ero solo guardata e mai ascoltata. Una vera frustrazione”. Pensa fosse stata un cesso.

@ @ @ @ @

Il premio pane e volpe va a

Stanley James Wentworth, 21enne inglese.

Con la seguente motivazione:

Dopo un’operazione ai testicoli si è convinto di essere diventato impotente.

Andato in depressione, dopo dieci giorni si è sparato. Riposa in pace, caro!

@ @ @ @ @

Il premio “ma ci faccia il piacere” va a

La Corte del Missouri, Stati Uniti.

Con la seguente motivazione:

Ha condannato per bracconaggio un certo David Berry, 29enne cacciatore di frodo. Per punizione il reo dovrà guardare il film “Bambi” della Disney una volta al mese.

LA MOSCA COCCHIERA IN PILLOLE


Le donne usano il cervello più degli uomini, e per recuperare devono dormire più tempo di loro. Secondo Jim Horne, Neuroscienziato e Direttore del Centro di ricerca sul sonno dell’Università inglese di Loughborough, lo scarto dovrebbe essere di 20 minuti. La donna fa più cose contemporaneamente e si districa meglio tra imprevisti e difficoltà. Il sonno della donna è più fragile, facilmente suggestionabile dai rumori e in allerta continua per le esigenze della famiglia. Quindi, l’insonnia è in agguato”. Il Professore Chiarissimo Sun Nen Bun, Dipartimento Torrazzese dell’Università di Pensologia di Torino: “Vecchio Jim... perché non lasci che lo dicano le donne?”.


Nella barba di un uomo si annidano più batteri che nel pelo del cane. Lo dice uno studio dell’Hirslanden Klinik, pubblicato sulla rivista European Radiology. Infine, il Professor Andreas Gutzeit conferma, nella relazione finale, che i cani sono puliti. Il Professore Chiarissimo Sun Nen Bun, Dipartimento Torrazzese dell’Università di Pensologia di Torino: “Andreas, vecchio puzzone, lavati ’sta barba, ogni tanto!”.


Perché gli ignoranti pensano sempre di aver ragione? Ormai tutti “sanno tutto”, e lo declamano, soprattutto al bar. La scienza lo chiama “Effetto Dunning-Kruger”. È un pregiudizio cognitivo: una distorsione di chi ha poca o nessuna conoscenza di un argomento, che fa in modo di non accorgersi che il ragionamento, le scelte, e le conclusioni sono sbagliate causa incompetenza. Gli psicologi Justin Kruger e David Dunning hanno pubblicato l’articolo “Unskilled and unaware of It: How difficulties in recognizig one’s own incompetence lead to inflated self-assessments”. Chi ha ottenuto percentuali più basse nei test di grammatica, umorismo, logica, sovrastima il proprio livello di abilità, e non riconosce i superiori livelli di competenza degli altri. La mancanza di metacognizione porta alla metaignoranza. L’incompetenza è strettamente legata all’inettitudine. Chi si giudica altamente qualificato, competente e superiore agli altri, a volte soffre di un fenomeno chiamato “superiorità illusoria”. Il Professore Chiarissimo Sun Nen Bun, Dipartimento Torrazzese dell’Università di Pensologia di Torino: “In Italia, chi ne è colpito di solito si dedica alla politica”.


Melania Rizzoli è medico, scrittrice e politica italiana. Critica chi pensa che fare la cacca tutte le mattine sia sinonimo di buona salute, altrimenti si convince di avere un problema di stipsi, basandosi su un malessere puramente soggettivo. Dettaglia che tre è il numero perfetto: gli esperti gastroenterologi sono stati inequivocabili nel dire che tre volte la settimana è il numero ideale di “riflessioni” private in bagno. Il Professore Chiarissimo Sun Nen Bun, Dipartimento Torrazzese dell’Università di Pensologia di Torino,107 anni: “Dovrò cominciare a preoccuparmi per il futuro, visto che da quando ho l’uso della ragione vado alla toilette almeno tre volte al dì?”.

LE GRANDI SFIDE LETTERARIE DELLA STAMPELLA



Il segretario Maurizio Landini ha regalato a Gretina Thunberg la tessera CGIL. Pensare al fatto che esista ancora il mondo normale è rimandato a data da destinarsi.

Il vecchio tarlo


Successo in Borsa per il vino: l’indice delle 55 società del settore quotate in tutto il mondo realizza un +354% dal 2001, molto meglio di ogni altro indice azionario. Alla faccia dei profeti di sventura che continuano a raccontarci che il vino fa male.

Carlo Chievolti


Nel 2017 noi italiani abbiamo “giocato” 101,8 miliardi di €uro, illusi che esista la buona sorte. Se è vero, ci sono due considerazioni. Gli italiani hanno ancora molti soldi da sprecare, quindi non sono poveri. E i politici fanno molto bene a intascarli.

Il vecchio tarlo


Ho un’allergia primaverile alla gente. Che purtroppo patisco ben 24 mesi l’anno.

Carlo Chievolti


Esce un film su Romano Prodi, in cui il celebre politico, economista, accademico, dirigente pubblico e d’azienda, due volte Presidente del Consiglio dei ministri della Repubblica Italiana racconta se stesso. La storia di Prodi che racconta Prodi? Io non stavo nella pelle dalla curiosità! Poi, un’amica che ha avuto la fortuna di vederlo in anteprima mi ha detto che ha dovuto essere svegliata. Disturbava i vicini, russando.

Il vecchio tarlo


Un primario fornitore di disservizi telefonici inaugura la prima cella 5G, con un gran sfoggio di paroloni tecnologici, incomprensibili ai profani, ma molto d’effetto. È lo stesso che tuttora non riesce a fornirmi una linea a teorici 20Mbps di velocità.

Carlo Chievolti

LE MIGLIORI DELLA SETTIMANA


16 minuti di sonno persi rovinano la funzionalità sul lavoro. Li recupererai dormendo al lavoro?


Nate due gemelle cinesi col “Dna incollato”. Le piccole stanno bene. A parte l’odore di Vinavil.


Duello fra vicini con accetta e motosega, nell’alessandrino. I due si addestrarono al Bricocenter?


Facebook: “Entro 50 anni gli utenti morti supereranno i vivi”. Postando, tocchiamoci i maroni...


Sono state abolite le “note” alle elementari. Ma i genitori potranno sempre malmenare i maestri.

I RACCONTI DELLA NONNA - LA MISSIVA

La signora Franca, settant'anni ben portati, conosce le norme di prudenza per tenersi lontano dai pericoli. Non apre la porta a sconosciuti, quando esce chiude a chiave e attiva l'antifurto. Per strada si tiene la borsetta ben stretta, e se qualcuno le rivolge la parola tira dritto senza fermarsi. Del resto, se ha voglia di chiacchierare con qualcuno può farlo con il telefono, in tutta sicurezza.

Ma ultimamente suo figlio l'ha messa in guardia anche da questo: "Non rispondere alle chiamate da numeri sconosciuti" le ha detto. Su questo punto lei è piuttosto incredula: che male possono fare gli sconosciuti al telefono?

Così, un giorno in cui è più distratta del solito, risponde a una telefonata e, in pochi minuti di strana conversazione, con quattro "sì", due "no" e un "cosa?" la signora Franca Di Franco vedova Bolli, nata a Villafranca e residente a Bollate, diventa cliente a sua insaputa di un fornitore di luce e gas mai sentito prima.

Pazienza, pensa la signora, chi è causa del suo mal pianga se stesso, come diceva la maestra delle elementari. Al figlio non dice nulla e stoicamente sopporta le varie rotture di palle causate dall'indesiderato cambiamento di fornitore: fatturazioni doppie, inspiegabili importi in bolletta, perdita della domiciliazione bancaria, ripetuti controlli di sedicenti tecnici al suo contatore, strane visite di tizi che vogliono vedere la sua ultima bolletta. Ma non basta: il nuovo fornitore esige anche i dati catastali dell'appartamento.

I documenti richiesti si possono inviare anche via mail, ma lei non ha il computer, non ha la mail, non ha lo scanner e soprattutto non ha la testa per l'utilizzo di questi diabolici mezzi informatici. Di chiedere al figlio non se ne parla: non ha voglia di sorbirsi i suoi "te l'avevo detto".

Così compila a penna tutti i moduli che le hanno inviato, li mette in una busta ed esce per spedirla tramite l'antico, consolidato sistema: la buca delle lettere.

Si reca dal tabaccaio più vicino, fa la coda dietro a giocatori compulsivi di Gratta e Vinci, fumatori altrettanto compulsivi di sigarette mortifere, pagatori di bolli e bollette, acquirenti di souvenir, accendini, braccialetti, borse, quaderni, giocattoli e dio sa quante altre cose si possono comprare dai tabaccai. Finalmente arriva il suo turno, e lei, con voce gentile, chiede:

- Devo spedire questo plico, per favore mi dà i francobolli necessari?

- Non ho la bilancia, perciò non posso sapere quanti francobolli darle. Mica siamo un ufficio postale! - risponde sgarbatamente il negoziante.

La signora esce con le pive nel sacco e la busta in mano.

Si reca da un altro tabaccaio, fa la sua brava coda e ripete la richiesta.

- Mi dispiace, signora, ho la bilancia, ma non ho i francobolli. Li ho finiti e non li ordino più perché tanto nessuno me li chiede. Le conviene andare all'ufficio postale.

La signora esce, scornata ancora una volta. Ma non demorde. In fondo non deve inviare un pacco, ma solo qualche foglio di carta. Perché andare alle Poste?

Cammina, cammina, finalmente trova un altro tabaccaio. Incredibile: questo ha la bilancia e i francobolli. Ma quando esce tutta giuliva con la sua busta finalmente francobollata la signora si accorge che... non c'è la buca delle lettere.

Ormai è l'una passata: l'ufficio postale "di zona" è così fuori zona che dovrebbe prendere l'autobus e arriverebbe dopo la chiusura.

Stanca e scoraggiata la signora si siede su una panchina. In quel momento alcuni piccioni le svolazzano sopra la testa e lei, per scacciarli, agita le mani e lascia cadere la busta.

Un piccione la afferra con il becco e subito vola via.

La signora, sbigottita, lo segue con lo sguardo finché lo perde di vista. Allora si stringe nelle spalle in un gesto di antica saggezza, e pensa: "Beh, bisogna dire che i vecchi sistemi funzionano ancora".


Nonna Abeffarda





Ufficio Smistamento Posta


SETTIMANA IMPEGNATIVA?

Lunedì non si esce

Martedì nemmeno

Mercoledì pausa

Giovedì, niente

Venerdì meno

Sabato boh

Domenica

mi riposo

Ankura

Pistràk

2014

ORA ESATTA

L'ora esatta è offerta da: Compro Ora, la tua banca del tempo perduto



Istruzioni: guardare per alcuni secondi l'orologio alle sette e undici e alle 19 e undici minuti

Continua...

Disclaimer. Questo blog non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog potrebbero essere estrapolati da internet e, pertanto, se non considerate di pubblico dominio, perlomeno accessibili a chiunque. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, siete pregati di comunicarcelo senza esitazioni all’indirizzo e-mail: info @ lastampella.it e saranno immediatamente rimossi.
Gli scritti che contengono riferimenti a persone realmente esistenti hanno il solo scopo (si spera) di far sorridere e sono frutto del vaneggiare degli autori. Se tuttavia qualcuno non gradisse un articolo o una sua parte può chiederne la rimozione all’indirizzo di cui sopra, motivando l’istanza.
Non siamo responsabili dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
| Copyright © 2016 La Stampella | contatti | newsletter | privacy policy | sitemap |