Stacks Image pp294520_n312906_n2

Umorismo di sostegno

PUBBLICAZIONE UMORISTICA FONDATA DALL'ACCADEMIA DEI CINQUE CEREALI IL 2 GIUGNO 2016

ANNO VI d.F. - IDEATO, SCRITTO, IMPAGINATO, POSTATO E LETTO DAGLI AUTORI E DA SEMPRE DEDICATO A FRANCO CANNAVÒ

Fondatore e macchinista: Paolo Marchiori.
Vicedirettori postali (addetti ai post): Stefania Marello, Christina Fasso, Italo Lovrecich, GioZ, il Pensologo Livio Cepollina.

TROVATO CUCCIOLO DI CANE NEI RIFIUTI



Non si tratta dell'ennesimo deplorevole caso di abbandono di animali domestici, ma di una tremenda svista.


Un giovane nonnino di 92 anni per Natale si era fatto regalare un cucciolo di volpino. "Sia mai che un giorno occorra un cane per uscire di casa nella remota ipotesi di un lockdown", con queste parole aveva motivato alla nipotina il desiderio di un animale da compagnia. La ragazza aveva provveduto, anche perché, essendo dicembre 2019, il termine "lockdown" non era ancora stato coniato e per lei la curiosa richiesta era piuttosto incomprensibile.


Ovviamente quando a inizio mese il DPCM ha sentenziato perentoriamente la chiusura totale, il primo a rimanerne sorpreso è stato proprio lui, il nonnino.


Il fatto è accaduto a Burlate sul Serio (BG) lunedì scorso, giorno preposto al ritiro dei rifiuti indifferenziati.


Pare che la squadra in servizio della nettezza urbana lo abbia trovato in stato confusionale con un sacchetto di rifiuti al guinzaglio. Insospettiti da questo curioso atteggiamento, lo hanno avvicinato, scoprendo che stava tentando di fare pisciare la busta di plastica alla base di un cipresso.


Ripresosi dal qui pro quo, il giovane anziano ha indicato il cassonetto in cui avrebbe dovuto gettare l'immondizia e, grazie all'intervento dei Vigili del Fuoco, il cagnolino è stato estratto dal bidone senza danni apparenti.


Fortunatamente il cucciolo non ha riportato alcun danno, anche perché si è scoperto che la nipotina gli aveva regalato un cane di peluche.


Il nonnino resosi conto della situazione ha deciso di riportare al negozio le duecentosedici scatolette di cibo per cani acquistate in questi mesi e mai aperte.



Al Damerini – ACC (MARZO 2020)




Questo articolo è stato scritto durante il lockdown (marzo-aprile 2020) e abbiamo scelto di non pubblicarlo in quel periodo per rispetto verso ci stava in qualche modo soffrendo (direttamente o indirettamente per la malattia, oppure per la situazione che stava vivendo).

In arrivo i cassonetti differenziati per i nonni smemorati

Disclaimer. Questo blog non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog potrebbero essere estrapolati da internet e, pertanto, se non considerate di pubblico dominio, perlomeno accessibili a chiunque. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, siete pregati di comunicarcelo senza esitazioni all’indirizzo e-mail: info @ lastampella.it e saranno immediatamente rimossi.
Gli scritti che contengono riferimenti a persone realmente esistenti hanno il solo scopo (si spera) di far sorridere e sono frutto del vaneggiare degli autori. Se tuttavia qualcuno non gradisse un articolo o una sua parte può chiederne la rimozione all’indirizzo di cui sopra, motivando l’istanza.
Non siamo responsabili dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
| Copyright © 2016 La Stampella | contatti | newsletter | privacy policy | sitemap |