Stacks Image 2

Umorismo di sostegno

PUBBLICAZIONE UMORISTICA FONDATA DALL'ACCADEMIA DEI CINQUE CEREALI IL 2 GIUGNO 2016

ANNO VI d.F. - IDEATO, SCRITTO, IMPAGINATO, POSTATO E LETTO DAGLI AUTORI E DA SEMPRE DEDICATO A FRANCO CANNAVÒ

Fondatore e macchinista: Paolo Marchiori.
Vicedirettori postali (addetti ai post): Stefania Marello, Christina Fasso, Italo Lovrecich, GioZ, il Pensologo Livio Cepollina.

STUDIO SCIENTIFICO DIMOSTRA CHE IL TURPILOQUIO GENERA ENERGIA

Uno studio, realizzato dall'Università di Pensologia in collaborazione con l'Accademia dei Cinque Cereali, ha dimostrato che le imprecazioni possono generare energia, agendo come un vero e proprio stimolante muscolare.

I risultati provano che le parolacce pronunciate sotto sforzo non hanno soltanto uno scopo liberatorio e anti-stress, ma migliorano effettivamente le prestazioni di chi ne fa uso. Un fisico vi direbbe che una parolaccia ha la massima efficacia quando riesce a trasformare tutta l'energia potenziale del muscolo in energia cinetica.

Lo studio è stato eseguito su un centinaio di volontari, divisi in due gruppi: il primo gruppo ha svolto le prove dinamometriche con imprecazioni placebo(*), il secondo invece ha utilizzato moccoli veri per tutta la durata dello sforzo.

I ricercatori che hanno esaminato i risultati non conoscevano il gruppo di appartenenza dei volontari, perciò si è trattato di studio "in cieco semplice" (il "doppio cieco" non sarebbe stato possibile, in quanto un volontario non può imprecare a sua insaputa).

Ogni volontario ha effettuato prove di sollevamento con pesi crescenti. Oltre i 40 chilogrammi si è visto che l'imprecazione profana non bastava: soltanto una serie di imprecazioni ad argomento sacro ha consentito il superamento della prova, riuscendo a portare la forza applicata da zero a dieci Ih in soli otto secondi (Ih, per chi non ricordasse, è l'unità di forza-peso nel Sistema Metrico Chilico Incredibile Hulk).

Attraverso misurazioni con strumenti di precisione, come dinamometri, torsiometri, micrometri, goniometri (e anche barometri, per rilevare chi barava, limitandosi a muovere le labbra), si è potuto stabilire in che misura le parolacce e le bestemmie possono potenziare gli sforzi fisici.

Una normale imprecazione che non scomodi l'onnipotente può migliorare il lavoro (cioè forza per spostamento, espresso in Joule) da 1,1 fino a 1,12 volte; invece, con un bel moccolone del tipo tosco-veneto (non possiamo qui elencare i più efficaci, ma chi fosse interessato può leggere direttamente l'articolo pubblicato su Scientific Cereal Academy, che li riporta tutti, per esteso, e tradotti in quattro lingue) il lavoro si incrementa di almeno 1,5 volte, sfiorando il raddoppio quando si riesce a nominare l'intera trinità, più un paio di santi di accompagnamento, entro la durata dello sforzo applicato (il cosiddetto Compress Blasfeming).

Per la nota legge della dinamica "A ogni azione corrisponde una reazione uguale e contraria", è sconsigliato utilizzare questo tipo di integratore energetico in presenza del parroco, specie se questi assomiglia a don Camillo per dimensioni e per abilità nel manrovescio (e non stiamo parlando del tennis). Finora è questo l'unico effetto collaterale riscontrato: una conclamata incompatibilità con i più vecchi e consolidati integratori religiosi.

Alla luce di questi risultati, c'è chi sostiene che la bestemmia sia sempre stata considerata reato penale perché erano già note (se pure mai scientificamente provate) le sue proprietà energetiche, che ne rendevano conveniente il controllo e la tassazione da parte dello Stato, come succede con gli idrocarburi.

Ma dopo la recente depenalizzazione, pare che l'Agenzia delle Entrate stia lavorando per introdurre le accise sulla blasfemia, ma solo per chi ne faccia uso a scopo produttivo (se bestemmi mentre sollevi un manubrio in palestra e ti cade sul piede, nulla è dovuto allo Stato).

Per quanto riguarda lo sport, si stanno già realizzando sofisticati test antiporking, in quanto la bestemmia e il turpiloquio sarebbero una pratica assai scorretta, al pari dell'assunzione di sostanze dopanti.

(*) L'imprecazione placebo è costituita da termini edulcorati, ammessi nelle scuole per l'infanzia e negli oratori, come perdindirindina e acciderba o le formule pagane pergiove e perbacco.




M&M – MARCHIORI & MARELLO – ACC

Senza proferire parola è impossibile sollevare un peso eccessivo

Insistendo, si rischia di rimanere bloccati dalla schiena in giù

Con tre paroline giuste al momento giusto, si riesce tranquillamente a sollevare un peso superiore al proprio

Disclaimer. Questo blog non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog potrebbero essere estrapolati da internet e, pertanto, se non considerate di pubblico dominio, perlomeno accessibili a chiunque. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, siete pregati di comunicarcelo senza esitazioni all’indirizzo e-mail: info @ lastampella.it e saranno immediatamente rimossi.
Gli scritti che contengono riferimenti a persone realmente esistenti hanno il solo scopo (si spera) di far sorridere e sono frutto del vaneggiare degli autori. Se tuttavia qualcuno non gradisse un articolo o una sua parte può chiederne la rimozione all’indirizzo di cui sopra, motivando l’istanza.
Non siamo responsabili dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
| Copyright © 2016 La Stampella | contatti | newsletter | privacy policy | sitemap |