Stacks Image 2

Umorismo di sostegno

PUBBLICAZIONE UMORISTICA FONDATA DALL'ACCADEMIA DEI CINQUE CEREALI IL 2 GIUGNO 2016

ANNO VI d.F. - IDEATO, SCRITTO, IMPAGINATO, POSTATO E LETTO DAGLI AUTORI E DA SEMPRE DEDICATO A FRANCO CANNAVÒ

Fondatore e macchinista: Paolo Marchiori.
Vicedirettori postali (addetti ai post): Stefania Marello, Christina Fasso, Italo Lovrecich, GioZ, il Pensologo Livio Cepollina.

In questa sezione sono riportati articoli scritti tra il 2012 e il 2014, quando l'ACC collaborava allegramente con LA TAMPA

DIALOGO AD ALTO TASSO ALCOLICO

Tra gli esperti che da sempre affascinano, ci sono i sommelier (tastevin), o tecnici degustatori di vini. Ecco un dialogo colto al volo fra due di loro.


- Buongiorno, collega.

- Buongiorno, collega.

- Oggi assaporiamo una vera prelibatezza.

- Hai detto bene, collega.

- Denominazione d’origine Contado de La Bernia Palido, al sud del Paraguay.

- Gusto fruttato di mirtillo afgano e papavero giallo.

- Con ricordi di mandorle, cerimoia e granadilla.

- Associato al retrogusto di corteccia di sequoia.

- Ingentilito dal profumo della lavanda al tramonto.

- Il colore è giallo paglierino con riflessi dorati.

- Cosa ne direbbe la nostra collega Bice Roth?

- Mah, lei ci troverebbe profumo di Alsazia...

- Il clima caldo d’estate,

- Riscaldato da venti umidi da sud-ovest,

- E mite d’inverno,

- Gli fornisce il gusto ricco, asciutto, persistente, sapido.

- Il metodo Anguillas ne garantisce la qualità costante ad ogni annata.

- Fatto invecchiare cinque anni in taniche di plastica,

- E servito a temperatura ambiente in bicchieri qualunque,

- Si accompagna a semplici piatti di riso cotto in vecchi pneumatici.

- Sì, decisamente buono, questo Konegrin.

- Arrivederci, collega.

- Arrivederci, collega.


Franco Cannavò e Italo Lovrecich (anno 2012)


LA CRISI COLPISCE ANCHE IL CALCIO: BALOTELLI E TOTTI GUADAGNERANNO MILLECENTO EURO AL MESE

La Fiorentina taglia gli stipendi per non trasferirsi all’estero

Con 29,90 Euro verrà a casa direttamente Cassano per la telecronaca dal vivo


Ebbene si, la crisi ha colpito anche lo sport che per eccellenza macina soldi. Se il calcio è la terza industria del Belpaese, c’era da aspettarsi questo epilogo, visto che le prime due sono in difficoltà ormai da un decennio.

Il primo a capirlo è stato probabilmente Del Piero che, appena ha potuto, ha accettato un lavoro in Australia, ben retribuito, con tredicesima e panettone a Natale.

Non va meglio per gli altri campioni: pare infatti che il Sassuolo abbia indetto uno sciopero per avere un aumento di 25 €uro lordi in busta paga. Il Napoli stipula contratti a tempo determinato con scadenza a luglio, per non dover pagare stipendi e contributi nel mese di agosto.

Roma e Inter stanno pensando alla possibilità di pagare i calciatori non in contanti, ma fornendo loro abbonamenti in tribuna per tutta la famiglia.

Qualcuno giurerebbe di aver visto Abbiati arrotondare lo stipendio facendo il portiere di notte in un ostello di Milano, mentre Di Natale avrebbe gestito un chiosco di bibite e gelati a Lignano Sabbiadoro, per tutto il periodo estivo.

Gli unici che probabilmente se la passano bene sono gli allenatori che, con un passato più o meno brillante da calciatori, percepiscono quasi tutti la meritata pensione.

Freddy Marchiori & Paul Rice – ACC (FEBBRAIO 2014)


ASSEDIATI DALL’ALLEGRIA DEI PORCONI

Sblocchi stradali, sesso libero e buonumore

In questi giorni l’Italia intera sta vivendo momenti di intensa fibrillazione, a causa del malcontento generale dei cittadini che non vedono riconosciuti i propri diritti, e subiscono continui ricatti da parte dei governanti, vessazioni e multe quando esercitano quello che ritengono un sacrosanto, inalienabile esercizio libertario e liberatorio: frequentare a piacimento le operatrici del sesso.

Visto che l’Italia sta andando incontrovertibilmente a puttane, in tutti i sensi e non metaforicamente (dicono costoro), perché mai a noi viene vietato frequentare le medesime?

I pensatori francesi hanno creato il “Manifesto dei 343 bastardi: giù le mani dalla mia puttana”, in difesa delle nuove vittime del mercato del sesso: i clienti. Il governo francese sta varando una legge anti-prostituzione, ma i pensatori rivendicano i propri diritti a praticarla contestando leggi e governo. I pensatori italiani non frequentano l’ambiente, essendo impegnati a fantasticare di comunismo e di antiberlusconismo ad oltranza. Il governo italiano sta solo cercando di monetizzare a proprio favore i proventi dell’esercizio, con l’obiettivo di gestirne il business (lo stesso percorso compiuto in passato con il gioco d’azzardo: prima vietato, poi nazionalizzato a favore delle casse statali e della politica). Ma, in questa fase i politici giocano ai puristi virginei, e “puniscono” gli utenti con multe senza senso e sequestri dell’auto. Tutto questo deve finire. Gli italiani non ne possono più, e hanno detto basta!

In tutte le città d’Italia (ad esclusione del Trentino e della Valle d’Aosta, le Regioni a statuto speciale che non risentono della crisi causata dalla problematica) sono scesi in piazza comitati spontanei, nati dal passaparola sul web e nei bar. Sono presidiati i viali dove esercitano le professioniste, per evitare blocchi alla circolazione delle auto. Alla manifestazione partecipano, per solidarietà agli etero, anche gli omo, i bisex, i transgender, i viados e intrusi vari. I manifestanti li hanno accettati “obtorto collo”, ma d’altronde non li possono certo cacciare a pedate nel culo: non sarebbe né elegante né educato.

Gli utenti sono in cerca di evasione, ma anche le fornitrici apprezzano l’evasione, soprattutto fiscale. Sappiamo che i nostri legislatori sono sempre attenti a cogliere spunti dal mondo, per imporre nuove tasse. Stavolta il suggerimento arriva dal Brasile, dove in occasione dei mondiali di calcio doteranno le peripatetiche (passeggiatrici, dai tempi di Aristotele) di POS (Point of sale. Registratori di cassa. Uffa, ti devo dire sempre tutto?), per il pagamento con carte di credito. Ma qui interviene l’interesse, reciproco, di non pagare le tasse e non di essere identificati. Si “manifesta” anche per questa ragione.

È controversa la questione del pagare in natura, possibilità sostenuta dagli agricoltori ma osteggiata dalle professioniste, che non sanno più cosa farsene di zucchine, carote, banane, e consimili.

La signora Darla Almondo, Presidente di S.Q.U.I.L.L.O (Sindacato Quotazioni Unificate per l’Idoneità al Lavoro delle Lucciole Operative), ha invitato le tesserate ad offrire degustazioni gratuite della propria arte ai manifestanti, per alleviare il disagio delle lunghe ore di presidi in difesa sia dei propri diritti sia dei diritti delle prestatrici d’opera.

Alla manifestazione hanno fornito la loro solidarietà operatori e operatrici dell’industria del porno, manager cinematografici, produttori, registi e talent scout, oltre a gestori di siti e blog del settore, e libere fornitrici di sesso virtuale, sia telefonico sia tramite internet o social network. Inoltre, tutti i fabbricanti di “agevolatori sessuali” hanno improvvisato imponenti stand, o semplici bancarelle, negli snodi cruciali nei quali si è convogliata la protesta dei dimostranti.

La giornalista Mika Teladogratis, del settimanale Donna Spudorata, s’è impermalita per essere stata erroneamente scambiata per una professionista, e pertanto insidiata con lubriche profferte “amorose” da numerosi manifestanti allupati. Tuttavia, l’inconveniente è ben spiegabile dal fatto che, per calarsi meglio nella situazione, la giornalista si è agghindata con minigonna inguinale, push-up, giubbotto in pelle nera sopra l’ombelico, e tacco 17.

Gli agenti delle forze dell’ordine a un certo punto si sono tolti il casco. I manifestanti sostengono sia stato per solidarietà. Un eminente rappresentante del governo ha minimizzato, affermando che si sia trattato solo dell’ordine di un funzionario. In realtà, sotto la divisa c’è un uomo, il quale - pur non condividendo per mestiere le proteste di piazza - non può essere insensibile al richiamo della natura.

Professor Italo Miglio (DICEMBRE 2013)


Continua...

Disclaimer. Questo blog non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog potrebbero essere estrapolati da internet e, pertanto, se non considerate di pubblico dominio, perlomeno accessibili a chiunque. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, siete pregati di comunicarcelo senza esitazioni all’indirizzo e-mail: info @ lastampella.it e saranno immediatamente rimossi.
Gli scritti che contengono riferimenti a persone realmente esistenti hanno il solo scopo (si spera) di far sorridere e sono frutto del vaneggiare degli autori. Se tuttavia qualcuno non gradisse un articolo o una sua parte può chiederne la rimozione all’indirizzo di cui sopra, motivando l’istanza.
Non siamo responsabili dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
| Copyright © 2016 La Stampella | contatti | newsletter | privacy policy | sitemap |