Stacks Image 2

Umorismo di sostegno

PUBBLICAZIONE UMORISTICA FONDATA DALL'ACCADEMIA DEI CINQUE CEREALI IL 2 GIUGNO 2016

ANNO VI d.F. - IDEATO, SCRITTO, IMPAGINATO, POSTATO E LETTO DAGLI AUTORI E DA SEMPRE DEDICATO A FRANCO CANNAVÒ

Fondatore e macchinista: Paolo Marchiori.
Vicedirettori postali (addetti ai post): Stefania Marello, Christina Fasso, Italo Lovrecich, GioZ, il Pensologo Livio Cepollina.

In questa sezione sono riportati articoli scritti tra il 2012 e il 2014, quando l'ACC collaborava allegramente con LA TAMPA

CON SPREAD CALCOLATO SU PORTOGALLO E GRECIA: ECONOMIA SALVA ENTRO DIECI ANNI

LA SOLUZIONE ARRIVA DALL’ESPERTO DI ECONOMIA SUPERFLUA CHE SCOPRE COME “SCROCCARE” UN SALVATAGGIO AI TEDESCHI

Da uno studio durato oltre 6 minuti, presso l’Università di Pensologia del Piemonte Orientale, sede distaccata di Biella, Dipartimento di Scienze Superflue, è emerso che l’unico modo per salvare l’economia sarebbe quello di prendere come riferimento i titoli di stato dei Paesi membri dell’Unione Europea a rotazione (come accade per la Presidenza della BCE, dove la carica ha durata semestrale).

Con questo sistema anche l’economia avrà delle fluttuazioni che permetterebbero agli investitori di investire o di essere investiti a seconda del gap tra attuale e futuro Pese di riferimento.

Se invece di paragonare i BTP italiani ai Bund tedeschi, li paragonassimo ai buoni del tesoro greci o a quelli portoghesi, il nostro Spread migliorerebbe immediatamente e usciremmo dalla crisi in tempi brevi, le aziende riprenderebbero fiducia nei mercati e investirebbero maggiori risorse favorendo così l’occupazione.

La Fritzconsummer (la Federconsumatori teutonica n.d.a.) ha minacciato opposizione a questa teoria, perché perdendo la posizione di riferimento, i Bund tedeschi addirittura avrebbero uno Spread con segno negativo, per cui investendo capitali nei Paesi meno quotati, alla naturale scadenza, invece di incassare il rendimento, i nostri amici tedeschi dovrebbero pagare un extra in base al differenziale sullo Spread.

Freddy Marchiori & Paul Rice – ACC (APRILE 2012)


DALL’ACCADEMIA DEI CINQUE CEREALI L’INDICE S.P.R.E.C.

Sulla falsariga dello Spread nasce un nuovo differenziale che misura lo spreco di denaro pubblico rispetto alla Scozia (paese di riferimento).

Tutti hanno sentito nominare almeno una volta nella loro vita lo SPREAD, il differenziale di rendimento tra le obbligazioni, che per i BTP italiani è calcolato rispetto ai BUND tedeschi. Uno spread troppo ampio fa lievitare gli interessi passivi e compromette il rating, che è il giudizio di solvibilità del Paese emittente.


L’Accademia dei Cinque Cereali, in collaborazione con l’Università di Pensologia di Torino, sede del Piemonte Orientale, Dipartimento di Scienze Superflue, ha messo a punto, dopo mesi di studio, lo SPREC.

Si tratta di un indice differenziale basato sugli sprechi di denaro pubblico. Così come la Germania è il Paese di riferimento per la solidità economica, la Scozia, parsimoniosa per antonomasia, lo sarà per il risparmio.

Dice Paul Rice: “L’idea ci è venuta durante una vacanza che noi Cereali abbiamo fatto nel nord del Regno Unito, dove abbiamo potuto appurare con quanta attenzione veniva speso il denaro pubblico”.

Gli accademici riportano alcuni esempi di quanto affermato da Paul Rice, a partire dalla Scuola Pubblica.

Nelle scuole scozzesi i bambini non solo devono portarsi da casa il materiale didattico, il pranzo, la carta igienica, una bottiglia d’acqua per bere e una per lo sciacquone, ma anche, a turno settimanale, portarsi una maestra, scelta nella graduatoria delle insegnanti di primo grado disoccupate e pagata dalla famiglia. Lo Stato, da parte sua, offre locali ampi e ariosi, spesso siti in castelli diroccati di cui questo paese è ricco.

Anche in ambito Sanità Pubblica la Scozia insegna il risparmio. Per quanto riguarda i ricoveri ospedalieri, sono passati dal Day Hospital all’Half-Day Hospital e spesso si utilizza anche l’Hour Hospital, un ricovero estremamente breve per piccoli interventi chirurgici; o anche per grandi interventi, purché il paziente arrivi già anestetizzato da casa alla sala operatoria e accetti di essere riportato subito dopo a casa, dove potrà risvegliarsi dall’anestesia con comodo e circondato dall’affetto dei suoi cari (se ne ha).

Nella loro ricerca gli accademici hanno scoperto che in molti ospedali le sale operatorie sono situate in cantina, per risparmiare sull’energia necessaria al condizionamento dei locali. I chirurghi sono entusiasti di questa soluzione, che permette loro di conservare anche il vino. Per motivi di sicurezza essi sono tenuti ad un giuramento ulteriore a quello di Ippocrate. Giurano che non berranno mai quel vino prima degli interventi (Hypocrite’s Oath).

Sono allo studio del personale dirigente delle Unità Sanitarie Scozzesi risparmi mirati su alcune prestazioni diagnostiche, particolarmente costose. Un esempio per tutti la CAT (Computer Assisted Tomography) e la PET (Positron Emission Tomography), che potrebbero essere sostituite, con discreti risultati, dalla Pet Theraphy (terapia basata sull’interazione positiva tra essere umani e animali domestici), utilizzando dei CATS (gatti soriani, reperibili gratuitamente ovunque).

Interessante anche la gestione degli anziani non autosufficienti. Sfruttando il fatto che gli anziani hanno scarsa memoria e difficoltà nella percezione del tempo, nelle strutture scozzesi preposte gli ospiti vengono sedati a giorni alterni. Trascorrono cioè i giorni pari a letto addormentati, invece nei giorni dispari eseguono le normali attività: tre pasti nutrienti, fisioterapia, animazione, spettacoli. Il risparmio sfiora il 40% e gli anziani, risparmiando a loro volta energie necessarie alla digestione e al movimento, guadagnano in longevità.

Gli anni in più, ovviamente, sono a totale carico dei contribuenti.

Accademia dei Cinque Cereali (AGOSTO 2012)


PARTENZE INTELLIGENTISSIME

Stop alle code in autostrada

grazie a uno studio durato dieci anni a cura dell’Accademia dei Cinque Cerali in collaborazione con l’FBI, con l’istituto alberghiero di Rondissone e col Bar Sport

incrociando dati e interpolando statistiche

possiamo affermare con certezza che il momento migliore per la

partenza intelligente

sarà il giorno

14 agosto alle ore 4:46 del mattino

pertanto

tutti i cittadini che andranno in vacanza saranno pregati di mettersi in viaggio la vigilia di Ferragosto prima dell’alba, approfittando del momento favorevole, onde evitare le solite fastidiose code chilometriche ai caselli

Pubblicazione: AGOSTO 2013



PRESTO NELLE SALE IL FILM CULT DEL TERZO MILLENNIO

PRESTO NELLE SALE IL FILM CULT DEL TERZO MILLENNIO

Dopo il celebre film anni ‘80

“IL TEMPO DELLE MELE 1 e 2”

La S.I.T.A. presenta:

STORIA DI UN FRUTTIVENDOLO

GIUDIZIO CRITICO: Questo film, date le particolari scene (a volte un po’ crude, a volte un po’ sdolcinate) è adatto a un certo tipo di società: i commercianti.

TRAMA DEL FILM: E’ la storia di un fruttivendolo molto triste che perse la moglie quando il figlio, per farle uno scherzo, le scaricò addosso una camionata di angurie giganti.

La suocera per vendicarsi decise di assoldare un killer (ex commercialista della ditta titolare del camion, ormai sull’orlo del fallimento) che avrebbe dovuto pagare un contadino affinché costringesse un funzionario del catasto a chiedere a un tecnico della compagnia telefonica di accordarsi con l’addetto all’anagrafe per convincere l’impresa della nettezza urbana ad avvertire il bidello della scuola di segnalare al preside che la segretaria aveva una circolare secondo la quale un alunno avrebbe dovuto fare le condoglianze al figlio del fruttivendolo.

Ma tutto ciò non successe perché la moglie venne ritrovata (infatti l’averla persa significava che non la si trovava più sotto le angurie giganti).

INTERPRETI PRINCIPALI

Caco Kiwi (Cina)

Papaya Per (Hawaii)

Banana Kid (USA)

Melo Grano (Italia)

Andrei Prugnoff (Russia)

Noccio Lin (Giappone)

PUBBLICATO NEL FEBBRAIO 2012 – Scritto per SITA MAGAZINE nel 1988


Continua...

Disclaimer. Questo blog non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog potrebbero essere estrapolati da internet e, pertanto, se non considerate di pubblico dominio, perlomeno accessibili a chiunque. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, siete pregati di comunicarcelo senza esitazioni all’indirizzo e-mail: info @ lastampella.it e saranno immediatamente rimossi.
Gli scritti che contengono riferimenti a persone realmente esistenti hanno il solo scopo (si spera) di far sorridere e sono frutto del vaneggiare degli autori. Se tuttavia qualcuno non gradisse un articolo o una sua parte può chiederne la rimozione all’indirizzo di cui sopra, motivando l’istanza.
Non siamo responsabili dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
| Copyright © 2016 La Stampella | contatti | newsletter | privacy policy | sitemap |