Stacks Image 2

Umorismo di sostegno

PUBBLICAZIONE UMORISTICA FONDATA DALL'ACCADEMIA DEI CINQUE CEREALI IL 2 GIUGNO 2016

ANNO VI d.F. - IDEATO, SCRITTO, IMPAGINATO, POSTATO E LETTO DAGLI AUTORI E DA SEMPRE DEDICATO A FRANCO CANNAVÒ

Fondatore e macchinista: Paolo Marchiori.
Vicedirettori postali (addetti ai post): Stefania Marello, Christina Fasso, Italo Lovrecich, GioZ, il Pensologo Livio Cepollina.

In questa sezione sono riportati articoli scritti tra il 2012 e il 2014, quando l'ACC collaborava allegramente con LA TAMPA

IN ARRIVO NUOVE MALATTIE

ECCO I MALI DEL TERZO MILLENNIO

Il dismorfofobico è una persona eccessivamente preoccupata del proprio aspetto fisico. Nei casi più gravi essa diventa anoressica o bulimica, proprio perché non ha un corretto rapporto con il proprio corpo e vorrebbe trasformarlo in qualcosa di più attraente, attraverso un regime alimentare particolare.

La dismorfofobia quindi non è, come potrebbe sembrare, uno scioglilingua, ma una grave malattia che induce a rifarsi il seno, il naso, la bocca e altre parti del corpo, ottenendo piccoli miglioramenti estetici e, date le alte parcelle del chirurgo plastico, grandi peggioramenti economici.

C'è poi lo shopping compulsivo, che induce a sperperare denaro pur di acquistare beni più o meno inutili, soprattutto accessori da abbigliamento e altre futili amenità.

Un po’ più datata come malattia, ma pur sempre attuale, è la cleptomania. Un cleptomane si potrebbe definire un ladro ricco. Questa malattia è diffusa anche tra i politici: ecco perché vengono elargiti stipendi così alti ai politici. Infatti, se i politici guadagnassero poco non sarebbero più ricchi, e non rientrerebbero nella categoria dei cleptomani, ma in quella, meno nobile, dei ladri comuni.

Sicuramente qualche passo avanti dal punto di vista medico è stato fatto: basti pensare che i mali dello scorso millennio erano la malnutrizione, i reumatismi da troppo lavoro in pessime condizioni, le infezioni da scarsa igiene.

Le nuove malattie del millennio, peraltro, sono facilmente curabili con una semplice carta di credito.

Freddy Marchiori (DICEMBRE 2011)


IL PI GRECO SOTTO IL 3,05: SI RISCHIA LA QUADRATURA DEL CERCHIO

LA CRISI NON RISPARMIA NEANCHE LA MATEMATICA MADE IN GRECIA

RIMANE NEUTRALE IL NUMERO DELLO SVIZZERO EULERO

Pare che Nostradamus, noto filosofo e portatore sano di sfortune, avesse previsto questo momento di crisi economica globale, ciò che non aveva immaginato invece era che la Grecia, o di riffa, o di raffa, sarebbe stata l’ago della bilancia.

Atene ha dato il via libera alla vendita di cibi scaduti, purché in buono stato, dando un ulteriore colpo all’industria alimentare già in crisi (non tutte le manovre salva Stati aiutano, è stato ampiamente dimostrato in Italia)

Nel frattempo, causa l’austerity, il PIGRECO sta perdendo colpi, tra SPREAD e aumento di debito pubblico, pare che dal 3,141592653589793 ecc. ecc., stabile da secoli, sia in forte calo. Addirittura, secondo alcune indiscrezioni, sarebbe sceso sotto il 3,05 portandosi a 3,04983456772019887 ecc. ecc.

Questo gravissimo svarione che potrebbe condizionare non solo la matematica, ma anche ogni calcolo che comporti l’uso di questa fondamentale costante matematica (nota ai più con il diminutivo di 3,14) potrebbe provocare una catastrofe economica di incalcolabile entità e quantità.

Se il PI GRECO diventasse un numero finito, si avrebbe la certezza matematica della quadratura del cerchio: si pensi ad esempio al danno inestimabile per l’industria automobilistica, che regge i suoi principi sulla rotondità della ruota, qualora essa diventasse quadrata.

La Merkel, preoccupata per Mercedes, BMW, Audi, Volkswagen e Porsche, dopo aver sentito i due più fidati consiglieri Franz Beckenbauer e Karl Heinz Rummenigge, pare che abbia deciso: la Grecia, forte ancora della vittoria al campionato europeo nel 2004 resterà in zona Euro (il famoso gioco a zona). Ora resta solo da decidere le modalità di gestione della crisi per un pronto recupero entro i mondiali del 2018.

Pare che Marchionne per la FIAT abbia deciso di investire negli U.S.A. proprio perché, grazie al sistema americano in pollici, la quadratura del cerchio è di fatto impossibile.

Sembra invece che il numero di Eulero, essendo stato brevettato da un cittadino svizzero, non subirà variazioni, quindi rimane stabile a 2,718281828 e subbia…

Freddy Marchiori & Paul Rice – ACC (OTTOBRE 2012)


ANZIANO COSTRETTO A BALLARE IN DISCOTECA FINO ALLE 8 DEL MATTINO

NEL LOCALE C’ERA OBBLIGO DI CONSUMAZIONE MA NON AVEVA SETE

Curiosa disavventura per Felice F. settantenne di Moncalieri che sabato scorso si è recato in una discoteca della provincia frequentata perlopiù da adolescenti e da giovani torinesi.

Dall’ultima volta erano passati quasi quarant’anni, le disco si chiamavano “balere”, c’erano i dopolavoro, non gli happy hours, nascevano i primi dancing, ma non ci era mai stato, troppo “moderni” per lui, nato in piena guerra mondiale.

Sabato scorso Felice, che qui chiameremo Adalberto per tutelarne la riservatezza, si è recato in questa discoteca, spinto dalla curiosità, proprio per vedere come si divertono i giovani d’oggi.

Con grande sorpresa l’ingresso era assolutamente gratuito, quindi perché non approfittarne, ai suoi tempi se non avevi almeno un 500 lire non potevi neppure avvicinarti alla cassiera.

Appena entrato un ragazzino gli ha offerto una “pasta”, ma aveva già cenato. O forse si trattava di altro, ma col diabete, non c’era posto né per paste, né per cannoli, né tantomeno per bignè, aveva rifiutato l’offerta (in ogni caso 20 Euro per una pasta sarebbe stato eccessivo: alla pasticceria di Moncalieri con quella cifra avrebbe potuto portarsene a casa un chilo).

La brutta sorpresa per Adalberto (cioè Felice sotto nome di copertura) è arrivata all’uscita, quando gli è stato chiesto di esibire lo scontrino comprovante l’avvenuta consumazione obbligatoria o, in mancanza, alla corresponsione di 15 Euro.

Lui non ci stava, ma neppure aveva sete. Piuttosto che buttare i soldi per nulla o, peggio, bere per forza (il medico glielo aveva caldamente sconsigliato), Adalberto, ha preferito fiondarsi in pista mostrando una tempra e un’energia di altri tempi.

Verso le due di notte molti ragazzini iniziavano a mostrare i primi segni di cedimento e ad abbandonare la pista, ma lui resisteva stoicamente, senza demordere; alle 4 addirittura i giovani erano decimati, mentre alle 5 il locale chiudeva i battenti per raggiunto limite di orario.

Ma lui non mollava, costringendo il disc jockey e un barista agli straordinari sotto lo stretto controllo dei 3 buttafuori ancora in servizio.

Finalmente alle 8 del mattino al Signor Adalberto, rimasto solo da tre ore in centro pista veniva un po’ di sete e si recava al bar dove poteva finalmente consumare e ottenere il tanto agognato (soprattutto per i dipendenti della disco) scontrino fiscale per poter uscire dal locale.

Giunto all’uscita però si accorgeva di aver smarrito la prova ma, fortunatamente, i buttafuori facevano una colletta con 5 Euro a testa permettendogli (e permettendosi) di far ritorno a casa.

Kristine Lachen & Paul Rice – ACC (AGOSTO 2012)


PER CONTATTARE LA MOGLIE DEFUNTA SI RIVOLGE A UN MINIMUM E VIENE TRUFFATO

LA MISERA PENSIONE LO COSTRINGE AD AVVALERSI DI UN SENSITIVO DOTATO DI SCARSI POTERI PARANORMALI MA PIU’ ECONOMICO RISPETTO AL MEDIUM

E’ accaduto lo scorso venerdi 13 intorno alla mezzanotte, il Signor Ermenegildo S. aveva ingaggiato il sensitivo Mortimer De Funtiis, tramite un annuncio trovato su un noto giornale di inserzioni, per una seduta spiritica da effettuarsi presso la sua abitazione nel tentativo di mettersi in contatto con la moglie perduta lo scorso 2 novembre.

Il Signor Ermenegildo avrebbe voluto il meglio per sua moglie, ma un medium sarebbe costato troppo, improponibile per una pensione minima, per cui è stato costretto a rivolgersi a un minimum. Si tratta di medium low cost e low paranormal, praticamente normal.

Il “mago” De Funtiis” naturalmente, da buon cialtrone, non è riuscito a mettersi in contatto con la moglie dello sventurato pensionato, ma è riuscito a farglielo credere e, approfittando della forte emotività dell’anziano, si è fatto consegnare i risparmi di una vita che teneva in una tabacchiera sulla credenza, dicendo che li avrebbe consegnati alla moglie buonanima.

Inutile dire che il sedicente paragnosta ha fatto perdere le proprie tracce e la polizia che sta indagando sul caso sta pensando di rivolgersi a un maximum (medium superdotato) per scoprire dove il truffatore si nasconda.

Freddy Marchiori & Paul Rice – ACC (APRILE 2012)


Continua...

Disclaimer. Questo blog non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog potrebbero essere estrapolati da internet e, pertanto, se non considerate di pubblico dominio, perlomeno accessibili a chiunque. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, siete pregati di comunicarcelo senza esitazioni all’indirizzo e-mail: info @ lastampella.it e saranno immediatamente rimossi.
Gli scritti che contengono riferimenti a persone realmente esistenti hanno il solo scopo (si spera) di far sorridere e sono frutto del vaneggiare degli autori. Se tuttavia qualcuno non gradisse un articolo o una sua parte può chiederne la rimozione all’indirizzo di cui sopra, motivando l’istanza.
Non siamo responsabili dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
| Copyright © 2016 La Stampella | contatti | newsletter | privacy policy | sitemap |