Stacks Image 2

Umorismo di sostegno

PUBBLICAZIONE UMORISTICA FONDATA DALL'ACCADEMIA DEI CINQUE CEREALI IL 2 GIUGNO 2016

ANNO IX d.F. - IDEATO, SCRITTO, IMPAGINATO, POSTATO E LETTO DAGLI AUTORI E DA SEMPRE DEDICATO A FRANCO CANNAVÒ

Fondatore e macchinista: Paolo Marchiori.
Vicedirettori postali (addetti ai post): Stefania Marello, Christina Fasso, Italo Lovrecich, GioZ, il Pensologo Livio Cepollina.

LA STAMPELLA PRESENTA

.

Torino: trionfano ai campionati mondiali di sesso. Non solo pippe sotto la Mole!

§ § § § §

A Rimini manca manodopera: al “click day”, prenotati 2mila lavoratori stranieri, in un giorno. Allora esistono davvero, i lavori che gli italiani non vogliono più fare.

§ § § § §

In Turchia, un signore ha scoperto il tradimento della moglie grazie ai pappagalli, che ripetevano: “Vieni, mio marito non c’è”. Dobbiamo credere a tutte le notizie?

§ § § § §

Un signore di Bruges, in Belgio, fermato e risultato positivo all’alcoltest per ben due volte, ha protestato la propria innocenza definendosi astemio. Il medico che lo ha testato dice che il suo corpo autoproduce birra: dobbiamo credere proprio a tutto?

.

Suntant Kathiw 

LA GREEN ECONOMY INVESTE I CASEIFICI: DECOLLA LA PRODUZIONE DI TOMINI ELETTRICI

Vita dura per i buongustai, presto rischiano di non poter più assaporare i loro formaggi preferiti.


Grazie ai fondi del PNRF (Piano Nazionale Resilienza Formaggiai), in nome di una sostenibilità sempre più green, molti caseifici si stanno convertendo in produttori di tomini elettrici, formaggio tipicamente piemontese, destinato nel medio e nel lungo periodo a soppiantare i formaggi che, a causa della lunga stagionatura, emetterebbero troppa anidride carbonica.


I produttori di formaggi tipo grana, parmigiano, pecorino e caciocavallo, hanno prontamente aderito grazie all'accesso diretto ai fondi e all'installazione di impianti fotovoltaici che permettono l'elettrificazione dei tomini con impatto ambientale zero.

.

Paul Rice – ACC

I tomini elettrici possono essere a corrente continua oppure alternata, rispettivamente a 28 o a 220 Volt. Per i più esigenti è possibile richiedere la versione "rinforzata" trifase da 380 Volt.

LA MOSCA COCCHIERA IN PILLOLE


IN PILLOLE

.

Il popcorn riduce il rischio di demenza senile e Alzheimer? Lo sostiene lo studio della Rush University di Chicago, che ha studiato per sei anni tremila persone, al fine di analizzarne i benefici sulle capacità cognitive. Pubblicato su Neurology.org, e riportato dal Daily Mail, relaziona sui 75enni sottoposti alle ricerche del Chicago Health and Aging Project, dal 1993 al 2012. Hanno subito i test cognitivi ogni tre anni, e aggiornato gli scienziati sulle loro abitudini alimentari. Sono stati suddivisi in cinque gruppi in base ai consumi di grano integrale. I ricercatori hanno notato un minore declino cognitivo nei pazienti col maggiore consumo di grano. Le proprietà salvifiche del grano integrale potrebbero avere una spiegazione semplice: potrebbe contribuire a ridurre lo zucchero nel sangue evitando di infiammare i vasi sanguigni. Il Professore Chiarissimo Sun Nen Bun, Dipartimento Torrazzese dell’Università di Pensologia di Torino: “Si capisce che questi (censura) non mangiano il popcorn”.

$ $ $ $ $

Sentire allunga la vita. Il Keck Medical Center, dell’Università della California del Sud, ha condotto uno studio. “Gli adulti con perdita dell’udito che utilizzano gli apparecchi acustici hanno un rischio di mortalità del 24% più basso”, ha detto Janet Choi, otorinolaringoiatra. I risultati, pubblicati su Lancet Healthy Longevity, sono entusiasmanti perché ci dicono che gli apparecchi acustici possono avere un ruolo protettivo della salute, e prevenire un decesso prematuro. Se non trattato, un deficit acustico, o ipoacusia, può comportare una riduzione della durata della vita, come l’isolamento sociale, la depressione o la demenza. È un fatto noto del quale si sono occupati vari autori e svariate ricerche. L’ipotesi dell’esperta è che l’uso di questi amplificatori di suoni migliorino la salute mentale e cognitiva, quindi una migliore salute generale. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, circa il 5% della popolazione ha un deficit uditivo, l’inabilità a sentire come un normoudente: ciò è legato agli effetti combinati di tossicità ambientale in termini di rumore, e al danno metabolico-ossidativo, invecchiamento, malattia ed ereditarietà. E presto potrebbe sperimentare una forma di diminuzione dell’udito una persona su quattro. In Italia sono circa 7 milioni, il 12,1%. Situazioni ricreative, e utilizzo frequente di cuffie a volume elevato, mettono in pericolo l’udito di ben un miliardo di giovani al mondo. Il Professore Chiarissimo Sun Nen Bun, Dipartimento Torrazzese dell’Università di Pensologia di Torino, 107 anni: “No, io ho preferito avere un udito sopraffino!”.

$ $ $ $ $

Cosa mangiare dopo il sesso. Una ricerca di Yelp, società di crowdsourcing, dopo un rapporto occasionale per i millennial single: pizza, seguita da gelato, pasta, taco. Il Professore Chiarissimo Sun Nen Bun, Dipartimento Torrazzese dell’Università di Pensologia di Torino: “Giusto, basta col solito ristorantino romantico riservato”.

IL BUGIARDONE


Per i dolori di varia origine sono disponibili molti farmaci, più o meno efficaci, più o meno nocivi. In ogni confezione è presente un foglietto illustrativo, da leggere ATTENTAMENTE prima dell'assunzione. Definirlo "foglietto" non è appropriato. Si tratta di almeno due pagine, lunghe oltre mezzo metro, e scritte fittamente fronte-retro in caratteri minuscoli. (Vedi figura)


Se il tuo dolore era lieve, nella migliore delle ipotesi quando avrai finito di leggere sarà già passato. Nella peggiore, ti sarà venuto anche mal di testa.


Ma la cosa più preoccupante è un'altra: nel lungo elenco degli effetti collaterali ci sono anche questi, sottolineati.


Che sono proprio i sintomi per i quali ti è stato prescritto il farmaco! È come dire: hai mal di schiena? Prova Pocomal, ma ricorda che potrebbe provocare il mal di schiena.


E qui scatta il dubbio amletico, più che giustificato: assumere, o non assumere, una medicina che potrebbe farmi stare peggio di come sto adesso? Dormire, morire... e poi?


Non ho risposte a queste legittime domande. Probabilmente non le ha neppure il medico (che potrebbe addirittura consigliarti di non leggere il foglietto), e forse non ce l'ha nemmeno l'azienda che produce il farmaco. Si suppone che, prima di mettere in vendita il farmaco, abbiano effettuato molti esperimenti in doppio cieco, somministrando il principio attivo a centinaia di cavie umane. Forse qualcuno, più doppio-cieco degli altri, dopo aver sbattuto l'alluce contro il comodino, ha segnalato un aumento del dolore al piede fratturato; perciò, i ricercatori diligenti (sempre timorosi di denunce e cause legali da parte dei pazienti) hanno inserito "aumento del dolore in sede di frattura" negli effetti collaterali del farmaco.


In Italia, il foglietto illustrativo per i medicinali è obbligatorio per legge, qualora le informazioni relative all'uso del medicinale non possano essere stampate all'esterno della confezione. Quindi, se non si vuole riempire di geroglifici l'intera scatola del medicinale come la stele di Rosetta, per praticità il foglietto è accluso all'interno della confezione, in modo che l'utilizzatore possa leggerlo più comodamente, alla luce di una potente lampada da orefice, magari con l'aiuto di una lente di ingrandimento.


Per quanto ricordo, una volta il foglietto non c'era, e i farmaci riportavano sull'etichetta esterna tutto quello che era necessario sapere: nome della ditta produttrice, composizione e posologia, cioè quante compresse o gocce potevi assumere al giorno senza finire al pronto soccorso. Talvolta erano indicati gli effetti collaterali, ma non più di tre o quattro, e le controindicazioni erano sostanzialmente la gravidanza e l'allattamento.


Fino agli anni sessanta, cioè finché non si impose la plastica, i farmaci erano confezionati in flaconi di vetro o in tubetti di alluminio con il tappo a vite. Niente blister, né imballi di cartone. Una confezione di aspirina di oggi, rispetto a una di cinquant'anni fa, regala all'ambiente il triplo dei rifiuti. Ma è cresciuto a dismisura anche il foglietto illustrativo, che tutti, compresi i medici, iniziarono a chiamare "bugiardino". L'etimologia del termine "bugiardino" non è del tutto chiara. L'Accademia della Cruscaipotizza che abbia avuto origine in Toscana, dove con il termine bugiardo si indicava la locandina dei quotidiani esposta fuori dalle edicole. Da qui, riducendo le dimensioni del foglio, il foglietto illustrativo dei medicinali diventò "bugiardino".


Ma a furia di aggiungere informazioni, il bugiardino è diventato un bugiardone, e non c'è bisogno di essere accademici per associare il termine al contenuto: quell'elenco di informazioni allarmanti potrebbe essere del tutto falso. A scanso di tormenti interiori, è meglio buttarlo subito nella raccolta carta.

.

Stefania Marello - ACC

Il bugiardino più famoso al mondo

L'INARRIVABILE NONNO ABEFFARDO

.

In seguito al cambiamento climatico, l’Università del Michigan ha riscontrato il rimpicciolimento degli uccelli causa caldo. Tranquille, ragazze: si parla dei pennuti.

£ £ £ £ £

Rivisti i criteri di prescrittibilità dei dispositivi per l’incontinenza della Regione Piemonte, per gli assistiti a carico del Servizio sanitario regionale, relativi a prodotti a maggiore e minore assorbenza. Prendi nota, che presto o tardi potrebbero servirti.

£ £ £ £ £

Il maiale ti prolunga la vita. A Boston, una equipe di chirurghi ha trapiantato un rene da un maiale geneticamente modificato in un uomo di 62 anni, affetto da una malattia renale terminale. Pur di vivere, uno si trapianterebbe qualsiasi cosa strana.

.

Nonno Abeffardo

LE GRANDI SFIDE LETTERARIE DELLA STAMPELLA

.

Gli italiani sarebbero costretti a rinunciare all’olio extravergine di oliva che costa ormai 9 €uro a bottiglia. Usano l’olio di semi. I coraggiosi ultimi astuti lo starebbero razionando, per non rinunciare. Sarebbe finito tristemente così, il miracolo italiano?

Il vecchio tarlo

* * * * *

Una lodevole iniziativa di Avigliana protegge gli anfibi: rospi, rane, salamandre e raganelle vengono tutelati da reti attraversando la carrozzabile per raggiungere la Palude dei Mareschi. Bisognerebbe trovare una simile adeguata protezione per certi mammiferi cittadini: nonne, nonni, e mamme con carrozzina sulle strisce pedonali.

Carlo Chievolti

* * * * *

Per evitare che le somme dovute all’Erario dai debitori vengano stralciate, cioè annullate, questo governo stralcione propone una dilazione in 120 rate. Forse non riesce a capire che chi ha “imparato” continuerà a non pagare, a nessuna condizione.

Il vecchio tarlo

* * * * *

La leggenda vorrebbe che Gabriel García Márquez, bloccato in un passaggio di “Cent’anni di solitudine”, riempì la coppa che il sacerdote solleva durante la messa non di vino bensì di cioccolata. Non potrei farlo neanche sotto una tortura spietata.

Carlo Chievolti

* * * * *

La premier Giorgia Meloni ha annunciato che l’Italia investirà un miliardo di €uro nella Intelligenza Artificiale. Circa duemila miliardi di lire dello zio Gino. Ho visto i pensionati festeggiare in piazza, stappando confezioni di vino in cartone.

Il vecchio tarlo

* * * * *

Multata di 150 €uro per un avanzo bruciato di toast e una carta oleata nel bidone della raccolta indifferenziata. Giusto: la legge deve essere rispettata! E ricordo, con tenerezza, quando millantarono che la procedura ci avrebbe fatto risparmiare soldi.

Carlo Chievolti

10 aprile

.

10 aprile

Giornata internazionale della spilla da balia.

.

Per fortuna qualcuno si è accorto che è indispensabile.

.

Suntant Kathiw

GLI ANIMALI ESTINTI

.

Se parliamo di animali estinti, pensiamo immediatamente ai dinosauri, al mitico Dodo, all’Araba Fenice, all’unicorno, ai draghi e, perché no, agli elettrodomestici a funzionamento animale dei Flinstones.


L’Accademia dei Cinque Cereali, dopo uno studio di una settimana, durato svariati anni, grazie alla comparazione del DNA di oltre mille specie animale, è giunta a una inquietante scoperta.


Il tutto risale ai tempi dell’Arca, quando Noè caricò due animali per tipo, scordando però ortaggi, legumi e frutta. Dimenticarsene fu un attimo, anche perché i vegani, che avrebbero potuto segnalare la mancanza, all’epoca non esistevano (*).


Noè, con la scusa di una quaresima extra, riuscì a convincere gli animali a digiunare per i quaranta giorni in cui diluviò ma, lui e famiglia, ci diedero dentro con grigliate tre volte al giorno (anche grazie al fatto che il colesterolo non era ancora stato inventato).


Fu così che si cibarono della corape (una specie di pecora nana che camminava in retromarcia) e del maniglio (simile a un chihuahua con un appiglio per facilitarne il trasporto).


Terminato il diluvio, a causa dei succulenti banchetti, molti animali si trovarono spaiati e, accoppiandosi fra di loro in maniera casuale, diedero vita a nuove specie. Fu così dalla corape e dal maniglio, nacque il coniglio.


Questo accadde per molti altri, ad esempio, dalla stamperla e dal lobecco, arrivò lo stambecco, oppure dall’ornitolettero e dal moltorinco (animale assai imbranato), nacque l’ornitorinco. E così via.


Pare evidente che il bilancio fu tragico, visto che, per ogni due specie estinte, ne nasceva soltanto una nuova.


Vi furono altre situazioni, diciamo “poco etiche” che diedero origine ad animali particolari dove la necessità di nutrizione della famiglia Noé c’entrò poco. Si tratta del gattopardo, del cane lupo, del leopardo.


Restano un mistero la nascita del pescecane,della zanzara tigre e della foca monaca.

.

(*) Il termine VEGANO fu coniato solo nel 1978, riferito agli abitanti del Pianeta Vega, nemici giurati della Terra, difesa da Actarus con il suo fido Goldrake.

.

Freddy Marchiori & Paul Rice – ACC (NOVEMBRE 2016)

LA RISTAMPELLATA: questo articolo è stato scritto tra il 2016 e il 2018 e viene qui riproposto a grande richiesta.

Un fossile dell’Arca impossibile da datare con il metodo del Carbonio 14

PIZZAIOLO NON RIESCE A LAVORARE A CAUSA DELLA TEMPERATURA PERCEPITA DALLA PIZZA


In passato la temperatura era un dato oggettivo ed era determinata dalla lettura sulla scala di un termometro opportunamente calibrato, espressa generalmente in gradi Celsius.


Era un'epoca in cui non esistevano climatizzatori, se faceva troppo caldo, si attendeva la stagione più mite, se la temperatura era troppo bassa, si provvedeva accendendo la stufa a legna o il caminetto, oppure ci si copriva con abiti pesanti.


Col passare del tempo si è resa necessaria l'introduzione della temperatura media.


Grazie a opportuni calcoli, era possibile confrontare le temperature rilevate rispetto a quelle mediamente lette negli anni precedenti in una data stagione, o in un determinato mese, e dedurre se ci si trovasse di fronte a un aumento o a una diminuzione della temperatura rispetto alla media stagionale.


Se questi dati non fossero sufficienti ad allarmare, recentemente è stato introdotto il temibile concetto di temperatura percepita, che dipende da una serie di fattori, tra cui la temperatura realmente misurata e l'umidità dell'aria.


Percepita, di per sé, dovrebbe essere un valore soggettivo, visto che ognuno ha le proprie sensibilità, e una determinata realtà climatica può indurre a sensazioni differenti a seconda di chi la percepisce.


Può capitare pertanto che a 38 °C con umidità intorno al 20%, la temperatura percepita sia pressoché la stessa misurata e che generi nella maggior parte della popolazione una sensazione di benessere. La medesima temperatura accompagnata da un'umidità relativa dell'80%, allarmerebbe esperti di salute e meteorologi, perché porterebbe a una percezione stimata in 62°C, una situazione quasi insostenibile.


Probabilmente è questa la situazione meteo-culinaria si sta verificando nel forno a legna della pizzeria La Sdrucciola di Biella dove, per una strana combinazione, il pizzaiolo Poli Carpo, da sette giorni sta cercando inutilmente di cuocere quattro pizze tre stagioni (dopo le mezze stagioni, stanno scomparendo anche quelle intere).


Gli studiosi hanno classificato questo fenomeno come l'effetto "pentola a pressione senza pentola e senza pressione", caso limite in cui temperatura, umidità e depressione, non consentono la cottura.


Il titolare della pizzeria sta pensando di acquistare un forno a microonde poiché, dopo una settimana di attesa, i clienti affamati del tavolo 8 iniziano a spazientirsi e a mostrare i primi segni di insofferenza.

.

Paul Rice – ACC

Il comandante dei vigili del fuoco, intervenuto dopo la segnalazione, sta per emettere un mandato di cottura.

IL PROFESSOR MIGLIO E I SUOI

.

Il Vaffa della settimana va a

L’algoritmo IA di YouTube.

Con la seguente motivazione:

Ha bloccato Agadmator, canale dedicato agli scacchi, per contenuti razzisti.

Per frasi tipo “il bianco attacca il nero”?

@ @ @ @ @

L’esortazione a recarsi a defecare sulla urtica dioica va a

Kinski Nastassja, attrice, di anni 63.

Con la seguente motivazione:

Pretende scuse pubbliche per le scene di nudo che le hanno fatto girare a 15 anni.

@ @ @ @ @

Il Cetriolo Plumbeo Honoris Causa va a

I dirigenti della scuola comunale per l’infanzia Ada negri, di Roma.

Con la seguente motivazione:

Hanno cancellato la “Festa del papà” per non offendere le “famiglie” omosessuali.

@ @ @ @ @

Il premio pane e volpe va a

Il comune di Pianezza, in provincia di Torino.

Con la seguente motivazione:

Ha emesso un calendario con il 31 aprile e il 31 novembre,

trasformando così l’anno bisestile in un anno di 368 giorni.

@ @ @ @ @

Il premio “ma ci faccia il piacere” va a

Anonima 61enne di Gorgonzola, Milano.

Con la seguente motivazione:

Ha denunciato il furto dell’automobile. Ma l’aveva parcheggiata nel box del vicino.

UNA MELA AL GIORNO, OPPURE L'AGLIO PER SEMPRE?


Il progetto degli iPhone pieghevoli non decolla, così il mitico GioZ, il nostro psichiatra dei computer di riferimento, suggerisce ad Apple alcune improbabili soluzioni:


Gli iPad arrotolabili come una pergamena, purché il capoprogetto sia egiziano.


Il progetto spagnolo per piegarli a ventaglio.


In Giammaika c’è uno studio per arrotolarli a cartoccio.


Dal Giappone, l’iPad Origami che diventa un cigno.


Ultimo progetto improbabile: la versione di iPad sgonfiabile.


Qualora il colosso di Cupertino non trovasse in tempi brevi una soluzione a questo annoso problema, GioZ, noto esperto di cucina aromatica piemontese, suggerirebbe di passare dalla mela all'aglio, acquistando un telefono Garlic (aglio per i non anglofoni).


Il modello di punta della start up con sede a Brevigliasco, è l'ajPhone quinze (aj significa aglio, "quinze" invece è quindici, per i non piemontofoni).


Questo telefono, oltre a disporre della tecnologia avanzata, infatti è realizzato con pezzi "avanzati" da altri assemblaggi elettronici, esce dalla fabbrica già predisposto con app-etito, applicazione in grado di coprire ogni esigenza culinaria che contempli l'utilizzo di aglio: dalla cicoria di prato alla bagna caoda.

.

Paul Rice da un'idea del grande iGioZ – ACC

L'ultimo modello: ajPhone Quinze

LA SFIDA LETTERARIA SOLITARIA

.

Giorgia Meloni fa pressioni su STM, affinché investa in Italia. Siccome seguo in Borsa solo questo titolo, ho effettuato scaramantici gesti apotropaici sotto la tavola.

* * * * *

Il ministro dell’Innovazione tecnologica e la Transizione digitale, Vittorio Colao, ha detto: “Pensiamo ad una piattaforma per l’erogazione di benefici sociali, il nome provvisorio è IDPay, in digitale, addirittura in pagamento anticipato, senza bisogno di anticipare i soldi, venire riconosciuti nel punto vendita e ricevere l’ammontare di bonus di voucher grazie alla piattaforma”. Non maneggio il burocratese, ho dovuto riflettere: la solita retorica battaglia per privarci del contante e farci usare il cashless.

* * * * *

Venerdì l’Europa ha stanziato altri 500 milioni di €uro per produrre munizioni. Sì, zio Gino, altri mille miliardi di lire che aiuteranno Zelenschi a perdere la guerra.

* * * * *

Dopo i cinesi, questo governo sta brigando con Tesla per costruire auto in Italia. Troppo complicato, convincere quella ditta nata italiana diventata francese poi boh.

* * * * *

Il mio fornitore di gas metano è stato multato di 79 milioni di €uro dal Garante Privacy per “Dati dei clienti non tutelati, sfruttati per telemarketing aggressivo”. Comprensibile, perché le due ultime bollette siano molto più care dello scorso anno.

* * * * *

Il ministro delle Imprese, Urso Adolfo, dice che in Italia serve una seconda casa automobilistica. Purtroppo, in questo momento non mi sovviene quale sia la prima.

.

Il vecchio tarlo

LA STAMPELLA PRESENTA

.

Dopo il doveroso obbligo di raccogliere le deiezioni del cane, dappertutto, adesso a Trento è obbligatorio avere lo spray per eliminare la pipì, pena multe salatissime. Chi ha la “sfortuna” di abitare in condominio non fa prima a comperare i pannoloni?

§ § § § §

Un NEET, acronimo dall’inglese di Not [engaged] in Education, Employment or Training, è “non [attivo] in istruzione, in lavoro o in formazione”. Non studia, non lavora né riceve una formazione. In Italia viene semplicemente definito fancazzista.

§ § § § §

Adolescenti senza tecnologia: studenti che rinunciano a smartphone e social per condurre una vita più semplice, che sappia dare a libri, dialogo e musica lo spazio che meritano. Niente paura: si chiama Luddite Club, è un gruppo di giovani della Murrow High school statunitense. In Itaglia si rincitrulliscono con le dita sul vetro.

§ § § § §

Un rapporto OMS sostiene che nei paesi sviluppati l’obesità ha superato la fame quale causa primaria di mortalità. Consoliamoci: meglio morire con la panza piena.

.

Suntant Kathiw

La mazza da golf ideale per i nostri lettori

Presenta:

.

la mazza da golf ideale per i nostri lettori

IL PROFESSOR MIGLIO E I SUOI

.

Il premio vauro ridens va a

Trudeau Justin, Primo ministro del Canada.

Con la seguente motivazione:

Col nobile intento di fronteggiare gli haters, propone che i giudici abbiano il potere di rinchiudere ai domiciliari, senza prove, chi “potrebbe essere pericoloso”. È oltre il processo alle intenzioni: è la condanna preventiva. Come in un regime dittatoriale.

@ @ @ @ @

L’esortazione a recarsi a defecare sulla urtica dioica va a

Il programma sanitario della Regione Lombardia.

Con la seguente motivazione:

Ha inviato ai lombardi una lettera con scritto “Programma di screening dei tumori del collo dell’utero”. Per un disguido la lettera è arrivata anche a moltissimi uomini.

@ @ @ @ @

Il Cetriolo Plumbeo Honoris Causa va a

La polizia di Los Angeles.

Con la seguente motivazione:

Sei agenti hanno sparato uccidendo Jason Lee Maccani,

colpevole di averli minacciati con una forchetta di plastica.

@ @ @ @ @

Il premio pane e volpe va a

Il governo scozzese.

Con la seguente motivazione:

Col nobile scopo di contenere le ricadute in ambito sanitario dell’abuso di alcolici, ha deciso di aumentarne il costo del 30%. E i bevitori ne acquisteranno più scadenti.

@ @ @ @ @

Il premio “ma ci faccia il piacere” va a

Anonima 61enne di Gorgonzola, Milano.

Con la seguente motivazione:

Ha denunciato il furto dell’automobile. Ma l’aveva parcheggiata nel box del vicino.

LA GEOMETRIA EUCLIDEA DEL CROISSANT


Sull'origine della brioche a forma di cornetto che tutti conosciamo esistono due ipotesi: la francese e l'austriaca. La prima afferma che sia stato inventato a Versailles, in occasione del matrimonio tra Luigi XVI e Maria Antonietta d'Austria, e chiamato croissant dal francese antico creissant, cioè "luna crescente". La seconda avalla un'origine più antica: il croissant sarebbe nato a Vienna, dove un gruppo di panettieri avrebbe iniziato a produrre un particolare dolce a forma di mezzaluna per commemorare un tentativo di assedio da parte degli Ottomani, avvenuto nel 1683. Il dolce fu chiamato "kipferl" (cornetto), e la sua forma ricorderebbe appunto il simbolo della mezzaluna sulla bandiera ottomana.


In ogni caso i croissant, fragranti e ricchi di burro, si diffusero nel mondo, mantenendo il nome e la forma tradizionale, che aveva un suo ben preciso significato.


Tuttavia, secoli dopo, nel 2018 un pasticciere svedese, Bedros Kabranian, nel laboratorio della sua panetteria di Stoccolma inventò un croissant a forma di cubo, chiamandolo “Crube“. Questa novità si diffuse ben presto anche in Italia, e in particolare a Torino, dove un bar del centro storico cominciò a sfornare e offrire ai clienti cornetti cubici. Il bello è che i torinesi, meno bogianen di quanto si dice, uscivano di casa la mattina presto e andavano a mettersi in coda in piazza Carignano pur di fare colazione col cubo. Intervistato da una giornalista Rai, uno dei clienti in coda disse: "Una passione come un'altra, che ti prende... e devi soddisfarla". In pratica, ammise che i torinesi erano presi per il cubo. Perché i gusti percepiti non sono cinque, come si pensava (dolce, amaro, salato, acido e "glutammato"), ma sei: esiste anche il gusto geometrico, dato dalla forma del cibo. Infatti, solo il vedere le persone sedute ai tavolini affollati che cercano di inzuppare un cubo in una tazza rotonda, dando gomitate ai clienti vicini, stimola le ghiandole salivari e allerta le papille gustative. Insomma, un grande successo.


Così grande che, di recente, qualcuno ha voluto replicare, inventando il croissant sferico, che nelle dimensioni e nella forma ricorda una pallina da tennis. Già mi immagino i nuovi croissant che, sfuggiti alla presa dei clienti, rotolano sul bancone dei bar, e finiscono sul pavimento. Poiché costano parecchio (mi dicono circa il triplo dei normali cornetti), non mi stupirei di vedere gente carponi che insegue il proprio cornetto rotolato sotto i tavolini del dehors. Ma, anche se tenuta saldamente in mano, come si mangia una sfera? Almeno il cubo si può addentare da uno spigolo, ma la sfera non ha spigoli, per definizione. Forse il cameriere la porta già tagliata in due semisfere, o in quattro settori sferici, o in otto spicchi sferici (e ancora la geometria insegna...). Ma quando ci sarà molta richiesta, e il cameriere per sbrigarsi porterà la pallina-croissant intera, ci sarà sempre un cliente affamato che colpirà la scultura di pasta sfoglia con un pugno ben assestato, ne raccoglierà i frammenti con il cucchiaino, e li butterà nel cappuccino per poi mangiarsi la zuppetta di briciole di sfera.


Mancano il cilindro, il cono e la piramide per completare la geometria del croissant, ma siamo certi che sia solo questione di tempo. La buona notizia è che i bambini, volendo scegliere il croissant più grande tra il cubico e lo sferico, saranno costretti a rispolverare le regole della geometria per il calcolo del volume dei solidi.


Euclide si rivolterà nella tomba? Non è detto: forse questo genio matematico dell'antica Grecia, che nel III secolo a.C. scrisse gli Elementi di Geometria (tredici libri fondamentali per tutta la matematica sviluppata nei secoli successivi), fu ispirato dalla moglie che impastava la farina di farro per fare il pane, e dava all'impasto varie forme: piatte, tonde, cilindriche, a punta, a prisma...

.

Stefania Marello - ACC

Il noioso croissant tradizionale

.



Si tratta di un "cubessant"?

.


Questo è un "boulessant"?

.

Dopo il salame avremo il croissant di felino?

.

Istruzioni per il taglio del croissant sferico

L'ORA LEGALE È LEGALE

.

25 marzo 2018 – Vi siete ricordati questa notte alle due di spostare avanti le lancette di un'ora? Certo è una bella seccatura che rovina il sonno a tutti coloro che rispettano le procedure, e sottrae anche un'ora di sonno. Hai voglia a ricordare che sei mesi fa si è dormito più a lungo!


Un paio di mesi or sono il Parlamento europeo di Strasburgo ha votato una risoluzione che chiedeva l’abolizione dell’ora legale. Gli eurodeputati promotori dell'iniziativa oltre a ritenere "scomodo" il cambio di orario due volte l'anno, ipotizzano che possa provocare danni alla salute dei cittadini.


Nonostante i numerosi studi scientifici a supporto di questa tesi (che spostare le lancette sia una seccatura), la risoluzione non ha trovato accoglimento.


Peraltro, nessuno studio è riuscito a dimostrare l'effetto positivo del cambiamento semestrale dell'ora.


Il tanto decantato risparmio energetico poteva avere un senso fino agli anni novanta, ma oggi sono cambiati radicalmente orari e abitudini. Basti pensare alle nuove tecniche di illuminazione a basso consumo, ai centri commerciali aperti 24 ore e all'uso sfrenato del condizionamento nei mesi estivi, i cui consumi, da soli, si mangiano il misero risparmio energetico delle nostre lampadine che si accendono un'ora più tardi.


Come sostiene da sempre la nonna: l'ora legale non serve a niente, ma fracassa tanto i marroni.


L'ACC avrebbe ideato una soluzione all'annoso problema: gli orologi non si toccano, ma si entra al lavoro (e si esce) un'ora prima d'estate e un'ora dopo in inverno; idem per pranzi cene e merende sinoire.


Scartata invece l'ipotesi di non seguire più l'ora solare, ma quella lunare, perché, in tal caso, le lancette andrebbero riallineate ogni 28 giorni. Per non parlare della fatica che farebbero a leggere l'ora tutti coloro che si alzano al mattino con la luna... storta.

.

Paul Rice assisted by The Grandmother (La Nonna) – ACC (FEBBRAIO 2018)

LA RISTAMPELLATA: questo articolo è stato scritto tra il 2016 e il 2018 e viene qui riproposto a grande richiesta.


Con l'orologio antiorario, come si spostano le lancette?

31 marzo/1° - 3 aprile

.

31 marzo
Giornata mondiale del backup.

Dovremmo cercare di “salvare” noi stessi.

.

.

1° aprile

Giornata internazionale del divertimento sul lavoro.

È una combinazione, che coincide con il pesce d’aprile?

.

3 aprile

Giornata mondiale della festa.

Non si rendono conto di essere fessi?

.

.

Suntant Kathiw

LE GRANDI SFIDE LETTERARIE DELLA STAMPELLA

.

Da gennaio l’IVA sul gas metano ripassa dal 5% al 22%, perché scaldarsi è bene di lusso. Sia ringraziato chiunque provvede così attentamente al bene degli italiani.

Il vecchio tarlo

* * * * *

Una nonnina di 103 anni è stata fermata e multata dai Carabinieri perché guidava la sua auto senza assicurazione, e con la patente scaduta da due anni. Giustamente, è logico. E l’auto prelevata dal carro attrezzi. Ma, io le darei un premio al coraggio.

Carlo Chievolti

* * * * *

L’importanza degli acronimi. CSM è il Consiglio Superiore della Magistratura, e CSM è anche Centro di Salute Mentale. Ma qualsiasi collegamento è inopportuno.

Il vecchio tarlo

* * * * *

Boom di “truffe del sì” al telefono. Il telemarketing selvaggio non arretra, a quasi due anni dall'introduzione del nuovo “Registro delle opposizioni”. Anzi, si evolve e diventa ancora più insidioso. Si ricevono molte telefonate al giorno, riconducibili ad attività di telemarketing, e tutte provenienti da sistemi automatizzati. La truffa consiste nel registrare il “sì”, e utilizzarlo, con un copia-incolla, in una registrazione audio, con cui richiedere cambio del fornitore della luce o del gas. È possibile, che non esista il modo di fermare ed eliminare questi truffatori, che operano tranquilli?

Carlo Chievolti

* * * * *

L’Italia ha speso in un anno 12 miliardi in armi. Quasi non si notano i 300 milioni di €uro per un satellite che ci proteggerà dalle guerre spaziali. Cominciate a capire?

Il vecchio tarlo

* * * * *

La casa di moda francese Balenciaga vende un braccialetto a forma di nastro di scotch, al modico prezzo di 3mila euro. Ma il problema è che qualcuno lo comprerà.

Carlo Chievolti

ENOFISIOTERAPIA

.

Oggi parleremo di una patologia molto diffusa, che aggredisce gli arti superiori: il deficit di elevazione. Si tratta di un disturbo che può colpire indistintamente le cuffie dei rotatori o i tendini.


Il paziente che ne soffre non riesce ad alzare il braccio oltre l'altezza delle spalle e, la riabilitazione mediante fisioterapia risulta poco efficace a causa delle infiammazioni che ne derivano e ne limitano i movimenti.


Studi scientifici hanno dimostrato che i pazienti bevitori recuperano sensibilmente le funzionalità del braccio già dopo il terzo bicchiere di buon vino.


Non è chiara la funzione dell'alcol nel processo riabilitativo, tuttavia si tratta della classica "scoperta dell'acqua calda": essendo collegati fra di loro, è normale che, alzando il gomito, si alzi anche il braccio.


Questa scoperta è destinata a rivoluzionare la fisioterapia moderna; sul lettino dei centri di riabilitazione non potranno più mancare un paio di bottiglie di buon vino, necessario a integrare e a coadiuvare le manovre del fisioterapista.


Dopo un ciclo di sedute il paziente sarà rigenerato e potrà tornare, senza provare dolore, a compiere le normali operazioni quotidiane come vestirsi, sollevare pesi e guidare… forse mettersi al volante è meglio di no, ma non a causa del braccio…

.

Paul Rice – ACC

È noto sin dall'antichità che braccio e gomito sono fra di loro connessi.

Continua...

Disclaimer. Questo blog non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog potrebbero essere estrapolati da internet e, pertanto, se non considerate di pubblico dominio, perlomeno accessibili a chiunque. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, siete pregati di comunicarcelo senza esitazioni all’indirizzo e-mail: info @ lastampella.it e saranno immediatamente rimossi.
Gli scritti che contengono riferimenti a persone realmente esistenti hanno il solo scopo (si spera) di far sorridere e sono frutto del vaneggiare degli autori. Se tuttavia qualcuno non gradisse un articolo o una sua parte può chiederne la rimozione all’indirizzo di cui sopra, motivando l’istanza.
Non siamo responsabili dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
| Copyright © 2016 La Stampella | contatti | newsletter | privacy policy | sitemap |