Stacks Image 2

Umorismo di sostegno

PUBBLICAZIONE UMORISTICA FONDATA DALL'ACCADEMIA DEI CINQUE CEREALI IL 2 GIUGNO 2016

ANNO VI d.F. - IDEATO, SCRITTO, IMPAGINATO, POSTATO E LETTO DAGLI AUTORI E DA SEMPRE DEDICATO A FRANCO CANNAVÒ

Fondatore e macchinista: Paolo Marchiori.
Vicedirettori postali (addetti ai post): Stefania Marello, Christina Fasso, Italo Lovrecich, GioZ, il Pensologo Livio Cepollina.

GLI ANIMALI ESTINTI

Se parliamo di animali estinti, pensiamo immediatamente ai dinosauri, al mitico Dodo, all’Araba Fenice, all’unicorno, ai draghi e, perché no, agli elettrodomestici a funzionamento animale dei Flinstones.

L’Accademia dei Cinque Cereali, dopo uno studio di una settimana, durato svariati anni, grazie alla comparazione del DNA di oltre mille specie animale, è giunta a una inquietante scoperta.

Il tutto risale ai tempi dell’Arca, quando Noè caricò due animali per tipo, scordando però ortaggi, legumi e frutta. Dimenticarsene fu un attimo, anche perché i vegani, che avrebbero potuto segnalare la mancanza, all’epoca non esistevano (*).

Noè, con la scusa di una quaresima extra, riuscì a convincere gli animali a digiunare per i quaranta giorni in cui diluviò ma, lui e famiglia, ci diedero dentro con grigliate tre volte al giorno (anche grazie al fatto che il colesterolo non era ancora stato inventato).

Fu così che si cibarono della corape (una specie di pecora nana che camminava in retromarcia) e del maniglio (simile a un chihuahua con un appiglio per facilitarne il trasporto).

Terminato il diluvio, a causa dei succulenti banchetti, molti animali si trovarono spaiati e, accoppiandosi fra di loro in maniera casuale, diedero vita a nuove specie. Fu così dalla corape e dal maniglio, nacque il coniglio.

Questo accadde per molti altri, ad esempio, dalla stamperla e dal lobecco, arrivò lo stambecco, oppure dall’ornitolettero e dal moltorinco (animale assai imbranato), nacque l’ornitorinco. E così via.

Pare evidente che il bilancio fu tragico, visto che, per ogni due specie estinte, ne nasceva soltanto una nuova.

Vi furono altre situazione, diciamo “poco etiche” che diedero origine ad animali particolari dove la necessità di nutrizione della famiglia Noé c’entrò poco. Si tratta del gattopardo, del cane lupo, del leopardo.

Restano un mistero la nascita del pescecane,della zanzara tigre e della foca monaca.

(*) Il termine VEGANO fu coniato solo nel 1978, riferito agli abitanti del Pianeta Vega, nemici giurati della Terra, difesa da Actarus con il suo fido Goldrake.

Freddy Marchiori & Paul Rice – ACC

Un fossile dell’Arca impossibile da datare con il metodo del Carbonio 14

IL 4 DICEMBRE SI VOTA!

ELETTO IL PRESIDENTE OCCORRE STABILIRE CHI SARA’ LA FIRST LADY

Trump vince le elezioni e scoppiano le proteste. Un inviato de LA STAMPELLA si è recato negli U.S.A. per capirne le ragioni: visto che il neopresidente è stato eletto democraticamente, la contestazione pare insensata. Ciò che si è scoperto è sconcertante: Trump non c’entra nulla, la causa dei tumulti è la nomina della First Lady. Il popolo è diviso tra chi vorrebbe la prima moglie Ivana e chi preferirebbe Melania, la moglie attuale.

In effetti la normativa non è chiara e, sinora, non si era mai posto il problema, avendo ogni presidente una sola moglie.First significa "prima", pertanto ci si potrebbe riferire sia alla prima in senso cronologico, sia alla prima come "la più vicina", cioè la moglie attuale.

Insomma, per Trump, cristiano dichiarato, vale il principio del "beati gli ultimi perché saranno i primi"? E soprattutto questo principio si può applicare alle mogli? Una questione spinosa, sulla quale il popolo è chiamato ad esprimersi.

Il prossimo quattro dicembre gli americani torneranno ai seggi per decidere democraticamente la loro First Lady.

I conservatori con buona probabilità si schiereranno a favore di Ivana, mentre gli osservatori voteranno per Melania, con buona pace dell'elettorato femminile, che quasi certamente diserterà le urne.

M&a.byM - Marchiori assisted by Marello - ACC

Vincerà la destra o la sinistra?

GLI SCALTRI BARISTI E IL TURISMO BIELLESE FAI DA TE

DA TUTTA ITALIA A BIELLA PER ASSISTERE AL CAMBIO DELLA GUARDIA

L’ultima trovata dei due scaltri baristi è stata quella di copiare lo storico cambio della guardia di San Marino, vero e proprio evento che attira ogni giorno migliaia di turisti stranieri (anche perché i sanmarinesi sono pochi e vi hanno già assistito tutti almeno una dozzina di volte).

La coreografica e solenne manifestazione avviene ogni primo pomeriggio durante il cambio di turno al banco del bar, sotto la supervisione del Sergente Mahler, capo delle Forze Amate.

Essendo cane da guardia, è il frequentatore del locale più adatto a ricoprire la carica di supervisore alla Guardia.

Gli scaltri baristi ricevono ogni giorno centinaia di turisti che raggiungono Biella a bordo si torpedoni provenienti da ogni parte d’Italia, Isole comprese. Terminate le operazioni di cambio della guardia, gli spettatori possono dare libero sfogo al banco del bar.

A qualcuno torneranno in mente le famose gite sulle Alpi Biellesi per ammirare arredamenti completi, in voga negli anni ’80 che erano completamente spesate dagli sponsor.

Se state pensando che abbiano copiato anche questo, vi sbagliate.

L’uovo di Colombo dei due scaltri baristi è che per questi eventi saranno i turisti stessi a sobbarcarsi i costi del viaggio e dovranno pagarsi le consumazioni al bar e, assoluta novità, lo faranno senza beneficiare del classico sconto comitive.

Paul Rice & Freddy Marchiori - ACC

Il Sergente Mahler, cane da guardia, supervisiona il cambio della Guardia

TRUMP – CLINTON: RUSH FINALE

ULTIMISSIME DEL 9 NOVEMBRE 2016 ORE 0:01 IN PUNTO

Mancano poche ore alla chiusura dei seggi, le notizie giungono frammentate, frammentarie e in ordine del tutto casuale.

LA STAMPELLA vuole essere sul pezzo anche e soprattutto in questa concitata fase finale delle elezioni presidenziali riportando le ultimissime news.


Giunge notizia che domenica scorsa Donald Trump sarebbe stato allontanato dal palco per sospetta minaccia di un uomo armato.

Una nonna americana, Stephy Abephard, presente alla manifestazione,sostiene che lo hanno trascinato via, simulando un potenziale agguato,soltanto per interrompere la serie di idiozie che stava dicendo.

Lo hanno protetto, sì, ma dalla sua "growing stupidity", che rischia ogni giorno di essergli fatale.


Pare chiarito anche il giallo delle email inviate da Hillary, operazione che ha coinvolto anche l’FBI a più riprese con svariati comunicati ufficiali seguiti da altrettante smentite (anche negli U.S.A. i fornitori di disservizi telefonici tendono a creare problemi).

In realtà la Clinton aveva contattato tramite posta elettronica un decoratore di Pertusio, nota località piemontese che dista pochi chilometri da Busano, per chiedere un preventivo. I lavori oggetto della mail consisterebbero nella fornitura e posa di numero quattro pannelli in cartongesso per la trasformazione della sala ovale in un più sobrio ufficio rettangolare.


Negli States ogni proiezione, al momento, è top secret. Pertanto abbiamo fatto un sondaggio campione fra i tre elettori americani accreditati al voto alle Presidenziali presso il Protettorato Statunitense di Torrazza Piemonte, che hanno così votato: un voto Donald Trump, un voto Hillary Clinton, un voto Fuck Obama (scheda nulla).

Se anche negli USA dovesse permanere questo trend, si avrebbe una situazione di stallo dove due candidati potrebbero ritrovarsi a governare tutti insieme in comunione dei beni.

Accademia dei Cinque Cereali

Tutti insieme appassionatamente

LA FISSA DEL TELEFONO FISSO

Con la crescita dei dispositivi e dei servizi di telefonia mobile, la telefonia fissa è in declino. Secondo un'analisi recente, oggi possiede un telefono fisso il 64,2% della popolazione italiana, contro il 95% di vent'anni fa.

Se il trend, com'è probabile, non si inverte, ad usare il fisso resterà uno zoccolo duro, composto prevalentemente di anziani che non si fidano (e non si rassegnano) all'uso del cellulare, pur rimettendoci dei soldi. Infatti il fisso è diventato il telefono dei fessi, cioè di coloro che accettano di pagare bollette cariche di costi fissi. Costi che però di fisso hanno ben poco, poiché aumentano di continuo.

Del resto, diciamoci la verità, oltre una certa età il cellulare serve a poco: sovente gli anziani dimenticano di metterlo in carica, quando escono dimenticano di portarlo con sé, in casa non lo sentono perché hanno fatto i ganzi mettendo la suoneria del cane che abbaia e pensano che ci sia davvero un cane sul pianerottolo. E anche cambiando suoneria le cose non migliorano: lo sentono suonare, ma non ricordano dove l'hanno messo, e corrono per tutte le stanze prima di trovarlo. Quando lo trovano è troppo tardi per rispondere. Potrebbero richiamare, voi dite. No, perché hanno pure dimenticato di fare la ricarica della scheda e non hanno più credito.

Da quando si sono diffusi i cordless anche il telefono fisso è meno fisso di una volta. I cordless (letteralmente senza corda) sono dei cosi molto simili ai telecomandi TV. Così simili che capita di sbagliarsi: indispettito per non riuscire a cambiare canale l'anziano insiste, prova con tutti i tasti, finché una voce esplode in un "PRONTO!" spaventandolo a morte.

Con il cordless si può telefonare camminando per tutta casa, per fare del moto o semplicemente per trovare una postazione più comoda e con maggiore privacy. Si può persino parlare dal balcone (e tuttavia non è raccomandato farlo durante un temporale).

Anche i fissati del fisso possono finalmente chiacchierare seduti sul water, ma non possono, ahimè, scattarsi dei selfie. E forse questo è un bene: gli anziani, se non altro, sono ancora dotati di un sano e normale senso del pudore.

Stephanie Hop-là


LA NOSTRA

La nostra azienda si distingue per la produzione di eccellenza, in armonia con la filiera produttiva caratteristica della zona. La nostra filosofia è animata dalla necessità di garantire il benessere fondamentale dei nostri animali. La nostra produzione è totalmente biologica, ottemperando noi alle norme specifiche di garanzia della genuinità pura di tutte le lavorazioni. La nostra missione è verificare, attraverso costanti lavori di manutenzione del territorio, che vengano attuate politiche di garanzia, continuamente monitorate per garantire al consumatore un prodotto di primissima qualità.

La nostra scelta di sviluppare prodotti di eccellenza non sarebbe stata realizzabile, se non avessimo gestito il territorio in maniera ecosostenibile. La nostra coscienza del nutrirsi sano, e positivista, ci impone di produrre, e proporre al mercato, alimenti in versione 2.0, quindi di estrema attualità. La nostra produzione si pone quale primo obiettivo la soddisfazione del cliente, dell’armonia della sua alimentazione, e della garanzia del suo equilibrio biologico. La nostra azienda svolge la sua attività operativa da quattro generazioni. La nostra azienda si avvale della partecipazione di collaboratori altamente specializzati, in grado di amministrare al meglio l’attività delle singole componenti. La nostra azienda si pone quale obiettivo mettere al centro di tutto l’uomo, le persone, i giovani. La nostra missione principale è pertanto adoperarsi per creare un futuro ai giovani. La nostra…

Incuriosita da cotanta prosa, l’Accademia dei Cinque Cereali ha inviato un intervistatore presso “La nostra”. L’azienda è composta dal pastore signor Giacomo, dal cane Astuto, e dalle mucche Carolina, Gelsomina, Fiorellina, Rotellina.

Accademia dei Cinque Cereali

Foto di repertorio: flash mob sulle quote latte

ENIGMISTICA PER PIGRI

Finalmente in edicola

Oltre 100 cruciverba e 20 rebus già risolti

Non perdete il numero di novembre


Continua...

Disclaimer. Questo blog non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog potrebbero essere estrapolati da internet e, pertanto, se non considerate di pubblico dominio, perlomeno accessibili a chiunque. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, siete pregati di comunicarcelo senza esitazioni all’indirizzo e-mail: info @ lastampella.it e saranno immediatamente rimossi.
Gli scritti che contengono riferimenti a persone realmente esistenti hanno il solo scopo (si spera) di far sorridere e sono frutto del vaneggiare degli autori. Se tuttavia qualcuno non gradisse un articolo o una sua parte può chiederne la rimozione all’indirizzo di cui sopra, motivando l’istanza.
Non siamo responsabili dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
| Copyright © 2016 La Stampella | contatti | newsletter | privacy policy | sitemap |