Stacks Image 2

Umorismo di sostegno

PUBBLICAZIONE UMORISTICA FONDATA DALL'ACCADEMIA DEI CINQUE CEREALI IL 2 GIUGNO 2016

ANNO VI d.F. - IDEATO, SCRITTO, IMPAGINATO, POSTATO E LETTO DAGLI AUTORI E DA SEMPRE DEDICATO A FRANCO CANNAVÒ

Fondatore e macchinista: Paolo Marchiori.
Vicedirettori postali (addetti ai post): Stefania Marello, Christina Fasso, Italo Lovrecich, GioZ, il Pensologo Livio Cepollina.

L'ANGOLO DELLA (S)CULTURA

A cura di Manfredi Maria Miglio Marello

.

.


VERNACOLO

.

.

Io sgnacco il ciuchino.

E tu sorti, in sel pogiollo.

Ti ferti le mani nel faudallo.

Poi, quando mi hai s-ciairato,

sorte la ghigna in tel muso.

E ti ariva la sensassione

che ti senti cuntenta

da pissiarti adosso.

Italo Pautasso

.

.

(La Tampa, settembre 2012)

QUESTA SETTIMANA LA TOP FIVE TYRIPLICA



Il legale di Carminati vorrebbe non andasse in cella. È giusto: non è cattivo, solo un po’ discolo.


Virus dell’infelicità: mezza Italia non sorride più. È per non far capire che non si va dal dentista.


Sesso estremo: uomini pagano donne per sentirle gridare. La mia urla gratis e per tutto il giorno.


Mascherine: non si trovano più le fatture dell’era Arcuri. Ah, le segretarie ordinate di una volta!


A forza di non andare nella mia seconda casa non ricordo più dov’è. Ma qualcuno non mi crede.


Tre nuove concessionarie Porsche in Piemonte? Figo, dovrò dire addio a quella Ritmo del 1987.


C’è stata la Giornata Mondiale del sonno. Festeggiata da chi per combinazione è restato sveglio.


Dopo Pasqua riaprirà tutto. A meno che come sorpresa dentro all’uovo non ci sia un dito medio.


La Fondazione Crt trova un avanzo di 55 milioni. Io una volta ho trovato 5 euro in un marsupio.


Esselunga entra alla Scala di Milano. Potrai vedere la Prima accumulando i punti delle sottilette.


Un ottantenne ha letto “Trombi con il vaccino”, e si è ingrifato.


Dovete evitare termini equivoci.


La pubblicità d’uno smartwatch sostiene che il benessere è al polso: anche la mano contribuisce.


Espulso allievo che fa linguacce nella Dad, ma i genitori protestano col preside. Tempi moderni.


Orrore al cimitero: salma dimenticata in un deposito. Gli operai dicono che non si era lamentata.


San Salvario: risarciti i residenti disturbati dalla movida. Ma non dagli aspirapolvere alle ore 5.

L'ORA LETALE

.

Tre domande da un milione di dollari torrazzesi su

L'ORA LETALE

.


Secondo i conteggi di Terna, con l'ora legale si risparmiano complessivamente fantastilioni di Kilowatt. Allora perché le mie bollette elettriche sono sempre uguali?

.

Con l'ora legale si risparmia perché alla sera si accendono le luci più tardi.

Ma al mattino presto è ancora buio.

Quindi le luci accese al mattino consumano meno che alla sera?

.

Con l'ora legale, Modane avrà un fuso orario diverso da quello di Bardonecchia.

Perché ci adeguiamo a tutte le richieste dell'Europa senza fiatare, ma sull'ora legale abbiamo voluto ad ogni costo distinguerci?

.

.

Nonna Abeffarda

L'INARRIVABILE NONNO ABEFFARDO



Da giugno si volerà comodamente tra Genova e Tirana, con la compagnia aerea Wizz Air. Una bella notizia, anche se non vedo cosa dovrei andare a fare in Albania.

£ £ £ £ £

Brava Marta Bassino, che ha vinto l’unica medaglia d’oro ai Mondiali di sci di Cortina. Lo sci fa parte del lunghissimo elenco di sport dei quali non capisco nulla, ma dico brava alla ragazza, perché nella foto bacia la medaglia, ma non la “morde”.

£ £ £ £ £

Ho udito il Generale Figliuolo pronunciare quattro parole sulle procedure per le vaccinazioni. Una delle quattro è stata “accellerare”. È stata una brutta sensazione.

£ £ £ £ £

Leggo: “Continuano a crescere i morti”. Il verbo crescere anziché aumentare è usato in modo spregevole. I titolisti dei giornali sono sovente una vil razza dannata.

£ £ £ £ £

Al cuore non si comanda: un signore di Arezzo ha lasciato la moglie per andare a stare da una coetanea. La particolarità è che il piccioncino innamorato ha 93 anni.

£ £ £ £ £

L’uso di tamponi anali per lo screening del Covid-19 per chiunque arrivi in Cina è una furbata, una bella mossa psicologica per mortificare persone di altre Nazioni.

.

.

Nonno Abeffardo

LE GRANDI SFIDE LETTERARIE DELLA STAMPELLA



Quando annunciarono la riapertura di cinema e teatri il 27 marzo scossi la testa, per non imprecare. Adesso siamo sempre più prigionieri. L’incompetente semplice quale sono è in grado di capire le bugie e le bufale appena pronunciate. Molto triste.

Il vecchio tarlo

* * * * *

I superflui Harry e Meghan sono valutati 100 milioni. Fate voi se in sterline, €uro o dollari. Lo zio Gino mi ha chiesto il perché, ma non ho saputo trovare la risposta.

Carlo Chievolti

* * * * *

Tale Agostino Miozzo era capo del CTS, Comitato Tecnico Scientifico, un ente che ha deciso dei nostri destini e delle nostre prigionie. “Promosso” consulente per il Ministero dell’Istruzione, ha dichiarato che “il CTS è un organismo inutile”. Mi chiedo cosa ci sia stato a fare per oltre un anno, oltre a incamerare la ricca paghetta.

Il vecchio tarlo

* * * * *

La nuova neo-lingua impone che si dica “matrimonio egualitario”: “matrimonio gay” è vietato. Scorretto anche parlare di “diritti dei gay e degli omosessuali”, che va sostituito con “trattamento equo, paritario. Non puoi dire che non ti ho avvertito.

Carlo Chievolti

* * * * *

Silvio Garattini, il Direttore dell’Istituto Farmacologico Mario Negri di Milano, ha detto: “Sarebbe importantissimo se autorità come il ministro Roberto Speranza e il premier Draghi si vaccinassero con AstraZeneca. Sarebbe un gesto convincente per la popolazione”. Voci non confermate insinuano strani grattamenti sotto i tavoli.

Il vecchio tarlo

* * * * *

Titolo d’un giornale che compro io: “Salvano un micio con l’ossigeno: i pompieri sono eroi”. Il mestiere del titolista è ignobile e purtroppo sovente affidato agli idioti.

Carlo Chievolti

LA MOSCA COCCHIERA IN PILLOLE

Un “bravo” del capufficio vale più di un aumento di stipendio. Il capo che investe nei suoi collaboratori ottiene più risultati, e l’azienda ha una performance migliore. Ringraziare i collaboratori è uno dei modi più facili per aumentare la produttività e il rendimento del proprio staff. Soprattutto in tempi di pandemia, quando la distanza sfilaccia le relazioni tra colleghi, ma fa aumentare la pressione, con conseguenze negative sul lavoratore e sulla squadra. Un’azienda che va bene comincia sempre da un team motivato e felice. Una ricerca condotta da Absolute Digital Media ha evidenziato i modi più efficaci per renderlo tale: un “grazie”, l’uscita anticipata al venerdì, più tempo libero, fino all’aumento di stipendio, o a un bonus in busta paga. Ben Austin, Ceo e fondatore di Absolute Digital Media: “Promuovere una cultura aziendale è vitale per garantire una qualità di lavoro eccellente e ridurre il turnover”. Il Professore Chiarissimo Sun Nen Bun, Dipartimento Torrazzese dell’Università di Pensologia di Torino: “Iniziando a leggere il trattato, pensai che fosse a vantaggio del dipendente. Ma è solo il solito escamotage per incrementare la sua produttività”.

$ $ $ $ $

Il sesso è la medicina più efficace: allenta lo stress, fa bene al cuore, fa passare il mal di testa, e riduce il rischio di cancro alla prostata. Il sesso è un vero toccasana per la salute, se è protetto contro le malattie sessualmente trasmissibili nei rapporti. Il Professore Chiarissimo Sun Nen Bun, Dipartimento Torrazzese dell’Università di Pensologia di Torino, 107 anni: “Devo ricordarlo al mio giovane amico 67enne, che dichiara di essersi ritirato da questa fondamentale attività ricreativa e salvifica”.

$ $ $ $ $

Anche le persone perbene possono obbedire a ordini orrendi. In certi momenti il nostro cervello disattiva la parte morale. Nella Germania nazista, gli onesti tedeschi hanno denunciato i vicini ebrei, pur sapendo che fine avrebbero fatto. E tra Hutu e Tutsi, in Ruanda, i contadini hanno sparato ai colleghi di lavoro. Alcuni ricercatori dell’Istituto olandese di Neuroscienze hanno indagato sul motivo, e hanno scoperto che ignorare le proprie pulsioni biologiche è dovuto agli ordini impartiti in modo violento. Hanno utilizzato coppie di partecipanti, uno con il ruolo di agente, l’altro di vittima. Poi hanno scambiato i ruoli, e hanno effettuato una risonanza magnetica agli “agenti”, per studiare le reazioni del cervello, dimostrando che le regioni dell’empatia erano meno attive, pertanto erano inibite le zone che mostrano un riconoscimento di quanto fatto, e quindi il senso di responsabilità e di colpa. Per lo sterminio degli ebrei, gli accusati hanno dichiarato di aver soltanto obbedito. La risonanza magnetica ne spiega il processo: in seguito agli ordini apparivano come disattivate la corteccia anteriore cingolata, il putamen caudato (è un gruppo di nuclei che sono interconnessi con la corteccia cerebrale), il lobo parietale inferiore, la giunzione temporoparietale in cui i lobi temporale e parietale si incontrano, e la circonvoluzione frontale inferiore. Eseguendo comandi perentori la risposta neurale dimostra un modo di interagire col prossimo diverso da quanto la nostra evoluzione ci porta a fare. Potere e autorità hanno un’enorme responsabilità sul comportamento umano: gli studiosi dicono che per evitare che si possano ripresentare le situazioni che hanno permesso di sterminare i popoli sia necessario prevenire simili modalità. Il Professore Chiarissimo Sun Nen Bun, Dipartimento Torrazzese dell’Università di Pensologia di Torino: “Restando parzialmente in tema, perché non si indaga sul perché qualsiasi fesso infilato in una divisa si senta improvvisamente un generale?”.

LA GIORNATA MONDIALE DEL PELO NELL'UOVO

L'Accademia dei Cinque Cereali, Dipartimento delle Langhe e del Roero, ha proclamato il 9 marzo "Giornata Mondiale del Pelo nell'Uovo", ovvero "Pluc-drinta-l'euv Day".

Perché proprio il 9 marzo? Per una sottile e raffinata questione linguistica: in dialetto piemontese (che deriva dalla antica Languedoc francese, attraverso l'occitano Lengadòc, fino alla Lenga Lunga dle Langhe) nove marzo si dice neuv mars, che significa anche "un uovo marcio"(*). Per associazione di idee, le uova con i peli fanno pensare a uova andate a male: ecco spiegata la scelta della giornata.

Inoltre, il 9 marzo è il giorno successivo alla Festa delle Donne. Ma questo cosa c'entra? C'entra, perché le donne, dopo aver buttato le mimose sfiorite, stordite dai bagordi della sera precedente, e influenzate dalle teorie femministe che intimano la ribellione agli antichi ruoli, per pranzo buttano in padella la prima cosa che trovano, tipo due uova scadute, finite chissà come in fondo al frigo da un paio di mesi.

La giornata in oggetto celebra anche l'eterna domanda: è nato prima l'uovo, la gallina, o il pelo nell'uovo? Sulla questione sono stati versati fiumi di inchiostro e, prima dell'invenzione di carta e penna, fiumi di lacrime. Questo perché i poveri scriba, gli antichi amanuensi della scrittura, che scolpivano tutto il giorno su tavolette di pietra, ogni tanto si colpivano il dito con il mazzuolo. Tuttavia, una risposta soddisfacente alla domanda non è ancora stata trovata.

Le uova di pennuto sono generalmente glabre: un corollario afferma che il pelo nell'uovo, quando c'è, si trova all'interno del guscio. Se si trovano peli all'esterno, molto probabilmente non si tratta di un uovo, ma di un ovino (pecora, capra o muflone).

Nel "Pluc-drinta-l'euv Day" si celebrano anche altri peli, più comuni del pelo nell'uovo ma altrettanto interessanti: il pel di carota, il pelo sullo stomaco, e i peli sulla lingua.

Uno studio eseguito da un team di ricercatori di Codigoro (paese della provincia di Ferrara considerato la patria delle galline) ha scoperto un metodo per trovare il pelo nell'uovo. Lo si espone al gelo: col freddo, si sa, viene la pelle d'oca, e il pelo normalmente invisibile si rizza, evidenziandosi in tutta la sua cavillosa pedanteria.

La Giornata del Pelo nell'Uovo è gemellata con il Giorno della Depilazione e dei Centri Estetici.



Dottoressa Stephanie Hop-là - ACC



(*) Caro lettore, se stai obiettando che in piemontese "nove marzo" e "un uovo marcio" non si scrivono allo stesso modo, beh, allora sei un insopportabile pignolo, sempre in cerca del pelo nell'uovo.

Trovare un pelo in questo tipo di uova potrebbe essere una... sorpresa

Testa d'uovo (senza peli) alla ricerca del pelo perduto dentro l'uovo sbattuto

Uova ghiacciate con pelo in evidenza

LE GIORNATE AGGIORNATE


Quasi ogni giorno si celebra la Giornata mondiale di qualcosa: della pace, contro il lavoro minorile, per il lavoro dignitoso, dell'omofobia, della bifobia e transfobia, del bacio, della bicicletta (il biciclo, non una strana posizione del kamasutra), dei mancini, del rifiuto della miseria, e persino del sonno. Ormai sono quasi 365, come i giorni dell'anno. Quando si supererà questo numero avremo le Mezze Giornate Mondiali. Se consideriamo le feste comandate, da San Valentino a San Silvestro, ogni giorno è buono per festeggiare una ricorrenza, tanto che non si dovrebbe più andare a lavorare per poter rendere omaggio a tutte.


Se per il santo del giorno è sufficiente consultare un calendario, per le Giornate a tema si deve interrogare Google. Prima dell'avvento di internet, le Giornate Mondiali non esistevano, al massimo al supermercato trovavi la giornata dei formaggi d'alpeggio, del vino abruzzese, o del maialino sardo (dove festeggiavano tutti tranne lui, il maialino).


Molte di queste Giornate non sono conosciute al grande pubblico: si pensi ad esempio alla Giornata del Diabetico, o a quella dell'Ipertensione, note solo a una piccola percentuale di italiani, oppure alla Giornata Internazionale dell'Alzheimer, della quale - chissà perché - si dimenticano quasi tutti.


Per rimediare a queste lacune, l'Accademia dei Cinque Cereali ha pensato di istituire alcune Giornate di riserva, spiegandone, con la consueta accuratezza storico-scientifica, il senso e la storia.



Paul Rice - ACC



La giornata mondiale dei Nonni Abeffardi potrebbe essere il 29 febbraio, giusto per non esagerare: uno scambio di regali ogni quattro anni è più che sufficiente.

LE PERLE DEI PIRLA

Pare che il carro armato di Pordenone fosse assicurato alla Unipoll.

Freddy Marchiori

.

Se l'errore più frequente del PC è il 404, perché non lo sistemano una volta per tutte?

Martin Scortese

.

Solo a me è sembrato strano che il Papa in Iraq parlasse in italiano?

Al Damerini

.

È mancato il monitor del mio PC. Era un malato terminale.

Paul Rice

.

Tanto per cominciare escluderei la causalità tra morti sospette e opposizione a Putin.

Bepi Ciopadepan

.

E alla fine Biden ha risposto a Putin: "Specchio riflettente".

Tony Luganega

.

Non vorrei allarmarvi, ma ho fatto l'antivirus al computer e ora ha strani sintomi.

Pierino di Montanaro

.

Con questi DPCM che toccano tutti noi trasversalmente inizio a provare nostalgia per le vecchie e simpatiche leggi ad personam.

Gary Buja

.

Quest'anno l'influenza è stata ininfluente

Paul Rice

.

La bestemmia non è un'offesa, se sottolinea che Dio è il miglior amico dell'uomo.

Martin Scortese

.

Prima regola social: per qualunque stupidaggine si scriva, c'è sempre chi ne crea una peggiore. E solitamente quello sono io!

Pierino di Montanaro

.

Quando dicevo "Meritiamo l'estinzione", non intendevo in maniera così lenta e sofferta.

Freddy Marchiori

.

Sono orgogliosamente No-Wax. Mai sul parquet, mai sull'automobile, manco i pastelli a cera.

Al Damerini

.

Per il Governo non esistono lavoratori di serie A e di serie B, ma solo lavoratori di Serie C1 e C2.

Tony Luganega

.

L'arbitro non fa il monaco, al massimo fa il "mona".

Bepi Ciopadepan


CAPODANNO POTREBBE ARRIVARE IL PRIMO OTTOBRE


Una delle peggiori seccature è chiudere contabilità, inventari e amenità burocratiche di vario genere in concomitanza con le Feste Natalizie. C’è chi a Capodanno, invece di rilassarsi e divertirsi, ha la mente ancora impegnata su quel decimale che non torna nel registro IVA, oppure pensa alla segretaria che… no, questo non è strettamente legato a questioni fiscali.


Tutto ciò impedisce di trascorrere serenamente le festività.


Anche i dipendenti più spensierati sono disturbati da qualche cruccio molesto; c’è sempre qualche incombenza di fine anno, improcrastinabile, a fare appunto da guastafeste.


L’Accademia dei Cinque Cereali, in collaborazione con l’Università di Pensologia di Torino e con l'Istituto di Fisica Teorica del Disturbo Mentale, ha trovato la soluzione al problema.


Non c'è santo che tenga (neppure San Silvestro): bisogna di spostare il capodanno.


Rimuovere capodanno, accorciando le festività natalizie, sarebbe inoltre di grande sollievo per chi non sopporta di passare in famiglia più di due giorni consecutivi.


Presa dunque questa importante decisione gli accademici citati dovranno decidere la data del capodanno, e non è facile.


Certamente non sarebbe adeguato allo scopo il primo febbraio: sarebbe troppo vicino a quello cinese e ci accuserebbero di aver copiato.


Marzo non se ne parla, perché a ridosso della Pasqua.


Così Aprile, che oltretutto ha il primo del mese già dedicato a un famoso santo ittico.


Il Primo maggio è già dedicato ai lavoratori, che stranamente oziano proprio nel giorno della loro festa, ma essendo ormai ridotti a pochi esemplari, sono protetti dal WWF.


A giugno e luglio non se ne parla: aria di vacanze, tutti hanno la mente altrove e il corpo impegnato in contrazioni acrobatiche per la prova costume.


Agosto: tutti in vacanza a mostrar la panza (come recita un antico adagio).


Neppure il primo settembre funzionerebbe, a causa dello stress del rientro dalle ferie e dell’incombere della riapertura scuole.


Escludendo Novembre, già assegnato a più alte sfere, e il primo dicembre, troppo vicino alle Feste, rimane solo il primo ottobre, unica data disponibile per il capodanno.


Tutto sarà svolto secondo tradizione col cenone di San Girolamo, e si starà a casa a San Remigio, che è rimasto, ironia della sorte, il santo protettore degli scolari, dai tempi in cui l'anno scolastico iniziava appunto il primo ottobre.


Le tredicesime arriveranno a metà settembre e verranno utilizzate per necessità contingenti della famiglia. Per i regali di Natale ci si accontenterà, così forse eviteremo di trascorrere Santo Stefano a montare complicate astronavi Lego e a capire come funziona la nuova Play Station.



M&M – Marchiori & Marello – ACC (GENNAIO 2017)





Lo scorso cenone potrebbe essere stato l’ultimo a San Silvestro

LA RISTAMPELLATA: questo articolo è stato scritto tra il 2016 e il 2018 e viene qui riproposto a grande richiesta.

UNA PRIMULA FA PRIMAVERA?

.

.

Cambierà il bugiardino Astra Zeneca? Stessi contenuti, ma si chiamerà "il sincerino"?

Nonna Abeffarda

.

La Paura dei vaccini è sciocca e immotivata. Meglio non farlo per timore delle iniezioni?

Pierino da Montanaro

.

Dopo il vaccino è stato investito da un camion. Prima non aveva mai fatto vaccini e non era mai stato investito?

Nonna Abeffarda

.

Si rischia di più durante il tragitto verso il centro vaccinale che per il vaccino stesso. Non recarsi a fare il vaccino sarebbe più sicuro?

Pierino da Montanaro

L'ANGOLO DELLA (S)CULTURA

.

A cura di Manfredi Maria Miglio Marello

.

.

UN INCA INCAVOLATO

.

Un Inca, incastrato nel traffico incasinato,

incrocia una Simca condotta da una Inca.

Inchioda, la incontra, e quasi si scontra.

Pur non incappando in un incidente,

e, incurante dell'incredibile coda,

scende ma incredulo inciampa.

Sull'inciviltà, incipiente,

un'inchiesta, inquietante,

è un'incombenza incalzante.

Indi, inquadrata la situazione,

incede incolonnato, incavolato.

Ma, non essendo in condizione,

inconsciamente, inciampa ancora:

inquieto, incupito, incute inquietudine,

l’incacchiato. M’inchino, inconsapevole.

.

by GioZ / Versione taroccata da Italo

IL PROFESSOR MIGLIO E I SUOI

L’esortazione a recarsi a defecare sulla urtica dioica va a

HercLéon, azienda del Minnesota.

Con la seguente motivazione:

Noto per aver prodotto le prime calze, t-shirt e lenzuola autopulenti in assoluto, crea “la biancheria intima più pulita del mondo”: una mutanda autopulente, indossabile per settimane o mesi senza puzzare. Kribi: la linea di indumenti intimi realizzati in HercFiber, rivoluzionario tessuto anti-batterico che resta sempre pulito. Ci rinuncio.

@ @ @ @ @

Il premio vauro ridens va a

Elkann John, imprenditore e dirigente d’azienda, capo di Exor.

Con la seguente motivazione:

Ha dichiarato: “In questo decennio vedremo le auto volanti”. E questa me la segno.

@ @ @ @ @

Il Cetriolo Plumbeo Honoris Causa va a

Cantoni Oscar, Vescovo di Como.

Con la seguente motivazione:

Sentito come testimone a processo per presunte violenze ai chierichetti, da parte di un tale Martinelli Don Gabriele, lo difende: “La sua era una tendenza omosessuale transitoria legata all’adolescenza. Qui a Como ha tenuto una condotta ineccepibile”.

@ @ @ @ @

Il premio pane e volpe va a

90 anonimi volontari britannici sani.

Con la seguente motivazione:

Si prestano all’esperimento “Human Challenge study”. Si contageranno col Covid, con l’obiettivo di capire come si sviluppa il virus e accelerare lo sviluppo di vaccini.

@ @ @ @ @

Il premio “ma ci faccia il piacere” va a

Collarile don Francesco, parroco di Sant’Arcangelo Trimonte.

Con la seguente motivazione:

Durante l’omelia, ha dichiarato: “Il vaccino è una porcheria fatta con gli aborti”.

Va bene essere negazionisti e affidarsi a Dio salvatore, ma ha un pochino esagerato.

LA MOSCA COCCHIERA IN PILLOLE




L’analisi dei capelli rivela cosa mangi e quanto guadagni? La chimica dei capelli svela cosa mangi e quanto è costoso il tuo parrucchiere. L’analisi degli amminoacidi permette di risalire ai cibi che consumiamo, rivelando lo status socio-economico e anche il rischio di obesità: lo affermano i ricercatori dell’Università dello Utah, che suggeriscono di sfruttare questo diario biologico per valutare le condizioni di salute. La ricerca è stata condotta sui capelli di circa 700 persone, recuperati dai bidoni di parrucchieri di 65 città statunitensi. Gli abitanti delle aree meno ricche presentano nei capelli maggiori quantità di un isotopo del carbonio, che deriva dagli animali di allevamento nutriti a base di mais. Incrociando i dati con le informazioni sul peso corporeo, deducono che gli isotopi nei capelli sono legati anche al tasso di obesità, evidenziando possibili connessioni tra dieta, condizioni socio-economiche e salute. Il Professore Chiarissimo Sun Nen Bun, Dipartimento Torrazzese dell’Università di Pensologia di Torino: “I ricercatori dello Utah sono i soliti burloni cazzeggioni”.

&

Se il capello rivela informazioni di tipo socio-economico, l’Agenzia delle Entrate potrebbe essere interessata a questo tipo di analisi. Allora, non passerà molto tempo e gli evasori, per evitare controlli, si depileranno completamente. Nonna Abeffarda

$ $ $ $ $

Essere mattinieri è sbagliato: si è a rischio di mal di testa, raffreddore, malumore, malattie cardiache e Alzheimer. I ricercatori dell’Imperial College di Londra hanno studiato le abitudini di mezzo milione di persone, per dimostrare che la demenza è collegata a sonno disturbato e depressione, ma invece hanno stabilito la connessione tra la sveglia all’alba e la predisposizione genetica all’Alzheimer. Lo testimonia lo studio pubblicato sulla qualificata rivista Neurology dal medico Abbas Dehghan che, utilizzando la tecnica “Randomizzazione mendeliana” in cui varianti genetiche vengono collegate ad un potenziale fattore di rischio come l’insonnia, ha scoperto una relazione con la malattia neurodegenerativa. È più probabile essere affetti dalla patologia se per anni ci si è svegliati presto. Sui 500.000 britannici protagonisti della ricerca, solo il 9% si è descritto come persona serale, abituata a tirare tardi e non puntare la sveglia all'alba, mentre ben il 27% del campione si è identificato come mattiniero. Cioè circa 5,8 milioni inglesi hanno una alta probabilità di stare male perché dormono poco. In realtà, a giocare a sfavore delle allodole - come lo studio ha classificato i mattinieri contrapponendoli ai gufi - ci sono già numerose altre ricerche scientifiche. Il tema ha appassionato anche la Westminster University: la ricercatrice Angela Clow ha provato che svegliarsi prima delle 7.20 del mattino provoca un rilevante aumento dello stress, causato dall’incremento di cortisolo, che causa mal di testa, emicrania, malumore, raffreddore e dolori muscolari. Per Maree Barnes, dottoressa australiana medico del sonno, dormire al buio senza far filtrare la luce mattutina facilita lo sviluppo di malattie cardiache e patologie degenerative. Il Professore Chiarissimo Sun Nen Bun, Dipartimento Torrazzese dell’Università di Pensologia di Torino, 107 anni: “Mi alzo all’alba da quando ho il cosiddetto uso della ragione senza alcuno dei sintomi descritti: forse perché non sono anglofono?”.

QUESTA SETTIMANA LA TOP FIVE RADDOPPIA


.

Greta Thunberg comparirà su un francobollo svedese. Bisognerà ricordarsi si sputazzarci dietro.

.

Nel 2020 le liti condominiali sono aumentate del 70%. Si è trovato il modo di passare il tempo...

.

Il 55% delle fatture viene saldato in ritardo. Moltissime altre vengono tranquillamente ignorate.

.

In pandemia venduti più ansiolitici che pillole dell’amore. Non si tromba, quindi si è più agitati.

.

Molti tweet a sostegno di Nicola Zingaretti: non sapevo che avesse una parentela così numerosa.

.

Il libro “Alla ricerca di intelligenze diverse” non parla dei “diversamente intelligenti”, come me.

.

Record di vendite per il reggiseno senza ferretto. Tuttavia, è indispensabile che ci siano le tette.

.

Con la Dad si è persa una lezione su due. E nell’altra gli studenti hanno tagliato. La solita storia.

.

Si spacciavano per dentisti per ottenere la dose di vaccino. Normalmente lo fanno per esercitare.

.

Cicciolina vive sola con dieci gatti, dei cani e delle colombe. Gli uccelli alla fine ci son sempre.

.

L'INARRIVABILE NONNO ABEFFARDO

Rocco Casalino è sempre in televisione a presentare il suo libro, che afferma aver venduto più copie di quello di Obama. Dice di essere pronto a fare il portavoce di Silvio Berlusconi, ma per due milioni di €uro. Forse dovrà farsi oliare le rotelline? Cito la fonte: il celeberrimo quotidiano torinese, soprannominato LA BUSIARDA.

Nonno Abeffardo

£ £ £ £ £

Leggo del crollo dei matrimoni in Italia: nessuno vuole più sposarsi. Una coppia di amici intende compiere il grande passo a luglio, e cerca un ristorantino che ospiti una trentina di convitati. Dalle mie parti, Covid permettendo, hanno prenotazioni fino ad ottobre. E allora, non so da quale parte affrontare la questione: chi sbaglia?

Nonno Abeffardo

£ £ £ £ £

Francesca Cipriani fa sapere che si schiererebbe in politica, ma solo con Matteo Salvini. Quindi, il centrodestra italiano avrebbe bisogno di un’ottava di reggiseno?

Nonno Abeffardo

£ £ £ £ £

Sandra Milo fa sapere che a 88 anni non ha l’età per fare sesso col fidanzato di 38 anni più giovane. Non si scambiano neanche un bacio, però la vizia e la coccola.

Nonno Abeffardo

£ £ £ £ £

Gino Paoli ha detto: “Mia moglie mi dice di uscire, ma per incontrare in giro degli imbecilli preferisco starmene a casa”. Anch’io preferisco starmene a casa, per evitare di incontrare Gino Paoli, nel caso decidesse di cambiare idea, e venisse qui.

Nonno Abeffardo

DOPO LE PERCENTUALI ARRIVANO LE PERDUECENTUALI

Le percentuali caratterizzano la nostra vita non solo per le statistiche ma anche, e soprattutto, per tasse e imposte.

Grazie a esse abbiamo subito il polso della situazione su ogni argomento. Ad esempio, se diciamo che il 46,3% delle auto italiane vanno a benzina, che il 44,6% sono a gasolio e che i restanti 9,1% dei mezzi sono alimentati ad altri carburanti (GPL, metano, elettrico, ecc.), comprendiamo immediatamente in che misura sono distribuite le autovetture, ammesso a che a qualcuno possa interessare.

Talvolta le percentuali sono "bulgare" come nel caso degli smartphone: i dati confermano che il 97,7% delle famiglie italiane ne possiede almeno uno.

Salvo rarissime eccezioni la somma delle varie percentuali è pari a 100.

Anche per domande apparentemente banali e poco scientifiche, come ad esempio "Ti piace la pizza", le risposte possono portare a risultati più o meno sorprendenti, ma la somma è sempre cento: SI 78%, NO 16%, NON SO 6%.

Uno dei casi dove è ammesso il superamento del fatidico cento riguarda le pendenze di strade e terrapieni, dove il 100% corrisponde a un'inclinazione pari a 45°, ma procedendo si può arrivare al 120, 150, 200% e oltre.

Negli anni '80 Diego Abatantuono affermava di essere milanese al 120%, ma recenti studi genetici sull'attore hanno dimostrato che si trattava di una semplice e banale finzione cinematografica.

Per valori molto bassi è stato introdotto il "permille", ma tale forma di calcolo è pressoché in disuso, salvo durante il periodo preposto alle dichiarazioni dei redditi. Come domandò un famoso battutista: "La Chiesa pensa che le probabilità dell'esistenza di Dio siano dell'otto per mille?".

Chi da ragazzino non ha provato a fare il furbo nell'affettare un dolce, giocando abilmente sulle percentuali, finendo per lasciare qualche amichetto senza la bramata fetta di crostata? Un minimo di conoscenza pasticcio-matica sui diagrammi a torta sarebbe stato sufficiente a evitargli una figura meschina.

Recita infatti il Corollario di Tortaglia (cugino pasticciere del noto matematico Tartaglia):

Per quanto si riduca l'ampiezza delle fette è impossibile ottenere una torta e mezza affettandone una sola.

Le regole sulle percentuali, tuttavia, saltano quando si entra in altri settori come ad esempio quello pubblicitario.

Prendiamo i detersivi. Negli spot sentiamo dire "Scelto dal 35% degli italiani", oppure "Preferito da un italiano su quattro". Va da sé che anche solo occupandoci dei principali prodotti per il lavaggio, si supera abbondantemente il 100% e se aggiungiamo anche i detersivi meno noti, si arriva tranquillamente al 200%.

Vale lo stesso discorso per la politica. Sotto campagna elettorale ogni partito dichiara che prenderà dal 15 al 45% dei voti, il che porterebbe, sommando tutte le forze politiche, sempre a circa il 200% totale.

Da qui la necessità di introdurre la perduecentuale, un ulteriore mezzo di calcolo, in modo che invece di ragionare sul 100x100, si ragioni sul 200x200, permettendo così di far tornare i conti anche in queste situazioni border line.


Freddy Marchiori – ACC




A volte è pericolosa la curva, talvolta la pendenza


Batterie di apparecchi elettronici: altro caso in cui non si supera mai il 100%

L'ANGOLO DELLA (S)CULTURA

PIÙ E MENO


Mia zia ha fatto il tampone in bocca ed é positiva, lo ha fatto nel culo ed é negativa.

Non sappiamo se ha il Coronavirus, ma le ho attaccato i cavi e mi ha fatto partire la macchina al primo colpo.

Niky Valvano

LE PERLE DEI PIRLA


Ma che sex appeal ho??? Ogni giorno mi contattano su Facebook almeno 3 o 4 donne nude!

Gary Buja

§

Quasi mi commuovo quando vedo persone scambiare Facebook per la Gazzetta Ufficiale.

Martin Scortese

§

Hanno inventato i francobolli autoadesivi perché con certi personaggi raffigurati la gente sputava sul lato sbagliato.

Tony Luganega

§

Ritirato il lotto del vaccino sospetto. La tipica estrazione del lotto.

Al Damerini

§

Johnson & Johnson lancia un vaccino. A quando quello della Ferrero?

Paul Rice

§

La bestemmia non è un'offesa, se sottolinea che Dio è il miglior amico dell'uomo.

Martin Scortese

§

Negli anni 2017, 2018, 2019, si percepiva che stava per accadere qualcosa.

Al Damerini

§

Dopo gli Haters arrivano i Judas: mettono il "Mi Piace" e poi ti segnalano a Facebook

Freddy Marchiori

§

Nel XV secolo il viaggiatore per eccellenza era Cristoforo, nel XXI secolo Cristoforetti.

Paul Rice

§

"Bugo è il Ligabue della musica" (Mara Venier).

In che senso? Quale Liga? (Bepi Ciopadepan)

§

Mi propongo come nuovo direttore artistico di Sanremo. Garantisco che terminerò ogni puntata entro mezzanotte.

Pierino di Montanaro

Continua...

Disclaimer. Questo blog non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog potrebbero essere estrapolati da internet e, pertanto, se non considerate di pubblico dominio, perlomeno accessibili a chiunque. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, siete pregati di comunicarcelo senza esitazioni all’indirizzo e-mail: info @ lastampella.it e saranno immediatamente rimossi.
Gli scritti che contengono riferimenti a persone realmente esistenti hanno il solo scopo (si spera) di far sorridere e sono frutto del vaneggiare degli autori. Se tuttavia qualcuno non gradisse un articolo o una sua parte può chiederne la rimozione all’indirizzo di cui sopra, motivando l’istanza.
Non siamo responsabili dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
| Copyright © 2016 La Stampella | contatti | newsletter | privacy policy | sitemap |