Stacks Image pp294520_n312906_n2

Umorismo di sostegno

PUBBLICAZIONE UMORISTICA FONDATA DALL'ACCADEMIA DEI CINQUE CEREALI IL 2 GIUGNO 2016

ANNO IV d.F. - IDEATO, SCRITTO, IMPAGINATO, POSTATO E LETTO DAGLI AUTORI E DA SEMPRE DEDICATO A FRANCO CANNAVÒ

Fondatore e macchinista: Paolo Marchiori.
Vicedirettori postali (addetti ai post): Stefania Marello, Christina Fasso, Italo Lovrecich, GioZ, il Pensologo Livio Cepollina.

L'INARRIVABILE NONNO ABEFFARDO

IKEA rende i sussidi ricevuti da nove Nazioni a fronte di un calo di vendite meno marcato di quanto atteso. Gli aiuti ricevuti per coprire gli ammanchi nel corso della pandemia sono superiori al calo di vendite. Si vede, che non è un’azienda italiana...


Justin Bieber è uno dei tanti “personaggi noti” accusati di stupro. Due ragazze lo hanno accusato di averle violentate nel 2014 e 2015. Io non rischio niente, perché non sono un personaggio noto, ma soprattutto perché un’accusa solleverebbe ilarità.


Una nonna ha “accidentalmente” rubato un monopattino elettrico, a Torino, per regalarlo al nipotino. L’aveva notato parcheggiato, ed era convinta che fosse stato “abbandonato” da qualcuno. Era destinato al noleggio, e rintracciato grazie al GPS.


Emilio Fede è stato arrestato a Napoli, per evasione. Sarebbe dovuto restare agli arresti domiciliari a Milano, poiché condannato per evasione fiscale. Ma ha voluto festeggiare i suoi 89 anni, dopo aver informato i carabinieri di Segrate, ma senza aspettare i dovuti permessi. Sembra si siano mobilitati sei carabinieri, per arrestarlo. Condannato a quattro anni di lavori socialmente utili. La giustizia italiana è ridicola.


Il più famoso “aspirapolvere tuttofare” mi avvisa che “solo per oggi” potrò averlo con lo sconto del 65%. Rinuncerò anche stavolta, alla indubbia vantaggiosa offerta.


L’orso che ha ferito due signori in Trentino, padre e figlio, è condannato a morte. Quindi, un ferocissimo orso che ha aggredito due piccoli uomini, lasciandoli vivere per raccontare la vicenda, dovrà essere abbattuto? Forza, orso, faccio il tifo per te!


LA SFIDA LETTERARIA SOLITARIA


Il Comune di Berlino vuole far pagare i mezzi pubblici a tutti, anche a chi non li usa. Tra i 285 e i 751 €uro, in base al reddito. Sconti per anziani e studenti, niente per i bambini e i disabili. Rifletti, quando pensi alla stupidità di certe leggi italiane.


Capisco la griffe Cavalli, che si è spostata da Sesto Fiorentino a Milano. Capisco i cento dipendenti che si sono licenziati, dimostrando in piazza, per non trasferirsi. Il mondo del lavoro sta diventando sempre più difficile. Io non “aggiusto il mondo”. Ai miei tempi forse eravamo più fortunati, il lavoro non mancava. Ho cominciato da ragazzino, d’estate, tra un anno scolastico e l’altro, invece che andare in vacanza. In nero (che non era ancora criminalizzato). Per comprare e mantenere il motorino. In Piemonte si dice “Ch’a travàja chi a l’ha da manca”. Letteralmente: lavori chi ha bisogno. Ma mi piace interpretarlo come: se hai bisogno, non fare troppo il sofista.


Adesso ci raccontano che il vaccino antinfluenzale aggrava il Covid. Io mi sono vaccinato da molti anni, e adesso dovrei essere terrorizzato da questa nuova notizia? Non so se faccio bene o male, ma preferisco cominciare a ignorare questi “esperti”.


Notizia: “Poste Italiane ha ottenuto l’attestato di verifica Uni Iso 26000, standard internazionale per l’adozione di strategie di sviluppo sostenibile e di promozione di scelte e comportamenti virtuosi in ambito ambientale, sociale, di governo d’impresa”. Come sempre preferisco la supercazzola di Ugo Tognazzi.


Le sigarette illecite causano all’Italia ben 495 milioni di €uro l’anno di mancate entrate. Ho smesso di fumare da vent’anni, ma nei 15 precedenti dalle mie parti le sigarette di contrabbando erano sparite del tutto. Forse le vendono in altre Regioni?


Coldiretti informa che 150 milioni di litri di vino verranno sacrificati per produrre gel antivirus, e liberare le cantine italiane per fare spazio alla prossima vendemmia. Con tutto il rispetto per la lotta al virus, tutti gli onesti bevitori di vino dovrebbero richiedere che almeno una quota venga immessa sul mercato a prezzi scontatissimi.


Francesco Totti ha perso il suo orologio, e chiede ai suoi followers di Instagram di ritrovarlo, lasciando un numero di telefono, e promettendo di andare a ritirarlo di persona. È un Rolex Daytona in acciaio, con quadrante bianco, e ha due placchette con la lettera C (Christian e Chanel). Notizie siffatte mi riconciliano con il mondo.

LA MOSCA COCCHIERA IN PILLOLE


Fate sesso indossando la mascherina. I ricercatori della prestigiosa Università di Harvard hanno emanato alcuni consigli sul sesso sicuro ai tempi della pandemia di coronavirus. Oltre a mascherina, doccia prima e dopo, niente baci, e pochi partner, il professor Jack Turban, un medico specializzato in Psichiatria al Massachusetts General Hospital e il McLean Hospital, sconsiglia il sesso con chi abita nella stessa casa, considerato ad alto rischio, ma ancora di più il sesso al di fuori della famiglia. Il Professore Chiarissimo Sun Nen Bun, Dipartimento Torrazzese dell’Università di Pensologia di Torino: “Insomma, lascia perdere il sesso tradizionale. Ma se vuoi proprio farlo usa la mascherina. Già mi disturbava metterla al mio piccolo amico...”.


Dopo la segregazione, gli italiani vanno dal chirurgo estetico, dato che non basta il trucco per abbellire occhi, labbra e guance. Il chirurgo plastico Paolo Santanché, che opera tra Milano e Torino: “Piacersi, e sentirsi in armonia, fa sentire più forti, positivi e propositivi. Abbiamo cominciato con cose più semplici, filler e botulino, poi siamo passati alla liposuzione per ridurre gli accumuli di grasso localizzato nei punti critici. Un tagliando di bellezza in vista della prova costume. Ovviamente, con tutte le precauzioni del caso”. Marco Klinger, professore di Chirurgia Plastica all’Università degli Studi di Milano, e direttore della Scuola di Specializzazione in Chirurgia Plastica, nota un aumento delle richieste di blefaro: “Le donne, ma anche gli uomini, vogliono ringiovanire lo sguardo per risultare giovani, vispi, intelligenti. Ansia, paura e pensieri devono aver avuto degli effetti negativi anche sul fisico. Il mondo del lavoro ci vuole scattanti e la società ci preferisce affascinanti. E mai con l’aria stanca. Carlo Magliocca, specializzato in chirurgia Senologica all’Ospedale Fatebenefratelli Isola Tiberina a Roma: “Molte vogliono rifarsi il seno, ma vogliono anche trattamenti di reidratazione, pelling, maschere vitaminiche, punture di acido glicolico e acido ialuronico; il botulino sulla fronte per aprire lo sguardo; il filler per ridefinire il contorno viso, rimpolpare zigomi o labbra. Curiamo la bellezza e di conseguenza la psiche di una donna”. E Francesco D’Andrea, direttore della Scuola di specializzazione in Chirurgia plastica all’Università di Napoli, riporta la grande voglia di tornare a vivere e spianare e riempire le rughe. Nota l’aumento di richieste di addominoplastica (elimina i tessuti cadenti), e lipoaspirazioni (i depositi adiposi). Il Professore Chiarissimo Sun Nen Bun, Dipartimento Torrazzese dell’Università di Pensologia di Torino: “Ma perché, nessuno pensa a farsi un lifting al cervello?”.


Essere ottimisti migliora la ripresa dopo l’ictus. Una ricerca dell’Università del Texas su 49 persone a tre mesi dall’ictus, ha utilizzato il test impiegato in psicologia chiamato Life Oriented Test, e ha valutato i dati di gravità tramite il punteggio della National Institute of Healt Stroke Scale. Poi ha misurato l’infiammazione con esami del sangue sulla proteina C-reattiva (Pcr), e infine confrontato il tutto con i dati di ottimismo riscontrati. Risulta che nei pazienti ottimisti si riscontra un minore livello di disabilità. Quindi, sembra proprio che pensare positivo possa favorire il recupero. Il Professore Chiarissimo Sun Nen Bun, Dipartimento Torrazzese dell’Università di Pensologia di Torino: “Preferisco restare ottimista senza sperimentare un ictus”.


Perché il seno della donna piace tanto? È simbolo dell’erotismo femminile, o un richiamo casto alla maternità e all’allattamento? La dottoressa Marinella Cozzolino, psicoterapeuta e sessuologa di Napoli, ci dice: “Una prima spiegazione è data dal fatto che gli uomini tra i cinque sensi prediligono la vista, e vedendo si eccitano, a differenza delle donne che sono più uditive e olfattive”. Però non tutti amano quelli grandi, che considerano inibenti, preferendo quelli più piccoli e “maneggiabili”. Gli uomini che prediligono il sedere legano il seno alla maternità e all’allattamento, non a uno strumento di piacere. Scenario interessante: nessuno è scandalizzato dal seno esibito e pubblicizzato, ma alcuni trovano sconveniente allattare in pubblico. È un controsenso, ma si chiama pudore soggettivo. Nell’Africa sub equatoriale il seno è visto nella funzione di allattare, in alcune zone meridionali dell’India girare a seno scoperto è normale, e non attira alcun interesse sessuale. La valenza erotica è frutto della cultura: nell’immaginario erotico maschile il seno femminile occupa un posto di primo piano anche rispetto alla vulva. È interessante che il seno delle donne viene guardato anche dalle altre donne: lo guardano per “misurarsi” tra loro. Il Professore Chiarissimo Sun Nen Bun, Dipartimento Torrazzese dell’Università di Pensologia di Torino: “Un meraviglioso risultato dell’architettura del Creatore”.

Continua...

Disclaimer. Questo blog non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n° 62 del 7.03.2001. Alcuni testi o immagini inserite in questo blog potrebbero essere estrapolati da internet e, pertanto, se non considerate di pubblico dominio, perlomeno accessibili a chiunque. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, siete pregati di comunicarcelo senza esitazioni all’indirizzo e-mail: info @ lastampella.it e saranno immediatamente rimossi.
Gli scritti che contengono riferimenti a persone realmente esistenti hanno il solo scopo (si spera) di far sorridere e sono frutto del vaneggiare degli autori. Se tuttavia qualcuno non gradisse un articolo o una sua parte può chiederne la rimozione all’indirizzo di cui sopra, motivando l’istanza.
Non siamo responsabili dei siti collegati tramite link, né del loro contenuto che può essere soggetto a variazioni nel tempo.
| Copyright © 2016 La Stampella | contatti | newsletter | privacy policy | sitemap |